Articoli

Gabriele Zanni fa 100 al Rally Roma Capitale: debuttò nel 2012

Roma Capitale segna la centesima gara del giovane copilota dell’altrettanto giovane Giorgio Cogni. Un traguardo importante quello raggiunto dal Gabriele Zanni, navigatore piacentino e promessa del rallysmo italiano sul sedile di destra. Importante e reso ancor più prezioso dall’aver centrato il risultato al fianco di Cogni Junior, con cui ha vinto nel 2018 il Campionato Italiano Rally R1 e il Trofeo monomarca organizzato da Suzuki Italia nel CIR, al debutto sulla nuova Ford Fiesta Rally 4.

Cento gare disputate in otto anni. Se questa non è passione accompagnata da tanto pelo sullo stomaco, allora a noi mancano le parole per definirla. Era il 2012 quando Gabriele Zanni, tra l’altro figlio adorato di una splendida famiglia che lo segue ovunque vada con in testa il yorkshire a fare da mascotte, decideva che era arrivato il momento di smetterla di guardare i rally dal bordo della strada. Ci voleva più adrenalina e, per l’occasione, si schierava alla destra di Manuel Villa sulla Fiat 500 R3T per disputare la Ronde Aci Brescia.

In quel della Leonessa, il copilota piacentino sale sul podio di classe con Villa. I due, infatti, sono terzi. Qualche mese dopo, neppure a dirlo, ma siamo già nella stagione 2013, lo si ritrova al via del Valli Ossolane con Andrea Saredi sulla Renault Clio RS. Un altro podio di classe. Un altro terzo posto. Sarà un segnale? Ormai la sfida è lanciata. Due gare sulle spalle e tanta voglia di continuare, senza tralasciare gli studi. Le stagioni passano. I risultati si alternano. Zanni cresce e diventa copilota richiesto e apprezzato già nel 2016. Poi il titolo con Giorgio Cogni nel 2018. E ora ancora tanti sogni da realizzare.

Primi punti per Alessio Profeta nel CIR 2020 al Rally di Roma

Ricomincia positivamente, ma non senza problemi, le stagione sportiva di Alessio Profeta sulle strade del CIR 2020. Il giovane portacolori della Island Motorsport, coadiuvato per la seconda stagione dal palermitano Sergio Raccuia, si è ripresentato sulle strade dell’italiano con la fida Skoda Fabia R5 calzata Pirelli. Profeta ha riscattato la sfortunata partecipazione della scorsa stagione conquistando, fra gli iscritti della massima serie tricolore, un faticato ottavo posto in Gara 1, un positivo nono posto in Gara 2 ed un duplice secondo posto, dietro Bottarelli, fra gli Under 25.

La condotta di gara di Alessio Profeta, in questo inizio di CIR 2020, è stata sicuramente influenzata dalla rottura di cinque cerchi durante la prima giornata di gara sui numerosi tagli, e il relativo sporco portato in strada dai numerosi concorrenti partiti davanti al palermitano, della PS Pico-Greci, trasformatasi in un vero e proprio mattatoio dove illustri vittime hanno concluso la gara anzitempo. L’eccessivo numero di pneumatici impiegati durante la prima giornata di gara hanno costretto il palermitano ad una condotta di gara accorta durante la seconda tappa per non compromettere definitivamente il weekend romano.

“Non è sicuramente l’inizio che ci aspettavamo, visti i numerosi imprevisti, ma possiamo ritenerci sicuramente fortunati che i cinque cerchi rotti non abbiano compromesso definitivamente la nostra gara – spiega Alessio Profeta dopo le prime due prove del CIR 2020 -. Il Rally di Roma Capitale è sicuramente il palcoscenico su asfalto più prestigioso che abbiamo in Italia e ne è dimostrazione il prestigioso elenco partenti che si è presentato alla prima tappa dell’Europeo e dell’Italiano Rally. Il nostro obiettivo era concludere la gara, riscattando la sfortunata prestazione dello scorso anno, e possiamo dire di averlo centrato. Ringrazio Sergio e la squadra per aver svolto con la medesima professionalità di sempre il proprio lavoro”.

Profeta e Raccuia saranno al via del 43° Rally del Ciocco e Valle del Serchio, seconda tappa del Campionato Italiano Rally, in programma il 21 e il 22 agosto.

Secondo posto nel CIR 2WD per Alessandro Casella dopo il Rally di Roma

Positivo esordio stagionale per i portacolori della Cst Sport Alessandro Casella e Rosario Siracusano al Rally di Roma Capitale, primo appuntamento del Campionato Italiano Rally. L’equipaggio messinese, in gara sulla Peugeot 208 R2B del team MS Munaretto, ha tenuto una condotta di gara accorta, finalizzata esclusivamente a portare il maggior numero di punti possibili sui difficili asfalti romani in vista dei futuri appuntamenti di campionato.

Un’inizio di gara brillante aveva visto il giovane siciliano in testa alla classifica del CIR 2 Ruote Motrici e dei Trofeisti Peugeot dopo il primo giro di prove, ma anch’esso è stato rallentato da una foratura durante la seconda ripetizione della P.S. “Pico-Greci”, rilegandolo al quarto posto della classifica riservata alle tutto avanti nel Campionato Italiano Rally.

La medesima sfortuna si è ripresentata anche durante la seconda tappa con la rottura del potenziometro del cambio durante il primo passaggio sulla impegnativa “Guarcino” costata all’equipaggio Cst Sport una decina di secondi e la seconda piazza fra le 2 Ruote Motrici.

“Il Rally di Roma Capitale si rivela sempre una gara molto impegnativa, ne sono dimostrazione i numerosi concorrenti che già dallo Shakedown hanno avuto problemi. La nostra gara è sicuramente stata influenzata dai piccoli problemi riscontrati che non ci hanno permesso di raccogliere quanto sperato. Una foratura sul secondo passaggio della “Pico-Greci” e la rottura del potenziometro del cambio sul primo passaggio della “Guarcino” hanno vistosamente rallentato la nostra gara”, spiega Alessandro Casella dopo il Rally di Roma.

“Tutto sommato il bilancio post-Roma non è sicuramente negativo poiché il quarto posto in Gara 1 ed il terzo in Gara 2 ci hanno portato ad essere secondi sia nella Classifica 2 Ruote Motrici del Campionato Italiano Rally che nella Classifica del Peugeot Competition Top. Ci tengo a ringraziare la mia squadra per l’eccellente lavoro svolto durante il primo parco assistenza di domenica, grazie al quale sono riuscito a rimontare sui miei diretti avversari”, conclude il pilota.

Classifica CIR 2 Ruote Motrici dopo il Rally di Roma

1) Davide Nicelli 27 pti, 2) Alessandro Casella 18 pti, 3) Christopher Lucchesi 18 pti, 4) Marco Pollara 15 pti, 5) Andrea Mabellini 15 pti, 6) Davide Campanaro 12 pti, 7) Fabio Farina 12 pti, 8) Robeto Gobbin 12 pti, 9) Roberto Daprà 9 pti, 10) Martina Iacampo 7 pti, 11) Rachele Somaschini 5 pti.