Non perderti nessuna notizia sulle tue auto da corsa preferite. Entra e scopri le news sulla tua tipologia di competizione preferita.

99.999 euro per la Ford Fiesta Rally3 di M-Sport

La Fiesta Rally3 di M-Sport è la prima vettura della nuova categoria FIA, fatta e finita, che completa il ventaglio di opportunità della squadra britannica. Rappresenta un primo passo accessibile e conveniente tra le quattro ruote motrici da utilizzare nei rally nazionali, regionali e mondiali. La nuova auto da rally sta portando avanti un intenso programma di sviluppo, su una varietà di superfici e condizioni in tutta Europa, utilizzando una sezione trasversale unica di piloti di livello mondiale. La data di omologazione della vettura prodotta da M-Sport Poland sarà l’1 marzo 2021.

La Fiesta Rally3 M-Sport sarà disponibile a 99.999 euro + IVA e costi di registrazione esclusi. In previsione della popolarità della Rally3, la produzione è già in corso a Cracovia e dal 16 novembre saranno accettati depositi per i primi ordini. Ciò offre ai clienti sportivi di Ford l’opportunità di prendere in consegna la Fiesta Rally3 dalla data di omologazione e iniziare a correre nella Rally3 giusto in tempo per l’inizio della stagione 2021.

Un motore EcoBoost da 1,5 litri (precedentemente M-Sport aveva testato la 999 cc turbo) alimenterà la Fiesta Rally3, conferendole un suono distintivo, combinato con un aspetto aggressivo, grazie alle prese d’aria del cofano e all’alettone posteriore che soddisfano tanto la funzione quanto la forma. La nuovissima Fiesta pesa 1210 kg con una potenza di 215 CV e 400 Nm di coppia dal motore EcoBoost da 1,5 litri, il tutto trasmesso attraverso un cambio sequenziale a cinque velocità.

99.999 euro per la Ford Fiesta Rally3 di M-Sport
99.999 euro per la Ford Fiesta Rally3 di M-Sport

Passa da 0 a 100 km/h in soli cinque secondi e raggiunge una velocità massima di 185 km/h, la M-Sport Fiesta Rally3 sarà una di quelle vetture che offrirà il passaggio di transizione perfetto per la prossima generazione di piloti rally che cercano di farsi le ossa nelle macchine a trazione integrale. La Fiesta Rally3 di M-Sport è dotata di ammortizzatori regolabili a tre vie anteriori e posteriori che utilizzano cerchi da 17 e 15 pollici rispettivamente per asfalto e terra.

Per M-Sport era importante iniziare a lavorare sulla Fiesta Rally3 non appena fossero disponibili le bozze di regolamento, sottolineando l’impegno di nel supportare i piloti di tutto il mondo, dalla base al più alto livello della scena mondiale. Con uno spettro così ampio di piloti in mente, M-Sport Poland si è assicurata che il programma di test rifletta ciò, utilizzando una selezione davvero diversificata di piloti, dai veterani del Campionato del Mondo a quelli nuovi.

“Sono molto contento di come stanno andando le cose con la Fiesta Rally3 – Maciej Woda, direttore di M-Sport Polonia -. Ogni volta che vedo l’auto mi sento molto orgoglioso dell’intero team che sta lavorando instancabilmente. È stato così per tutto il 2020 su questa vettura davvero rivoluzionaria. In quello che è stato un anno molto difficile per tutti, il team di Cracovia si sta eccellendo con la Fiesta Rally3, sul design e sullo sviluppo”.

“La Fiesta Rally3 non sarà in alcun modo un’alternativa ad altre auto attualmente disponibile, sarà un concetto nuovo di zecca al servizio di quella che è stata la categoria meno servita dei rally – conclude Woda -. Sarà uno dei trampolini di lancio per chi passa dalle due alle quattro ruote motrici. Consentirà ai piloti di apprendere e affinare le abilità necessarie per gestire le macchine a trazione integrale”.

Hyundai presenta la nuova i20 N Rally 2 clienti: ma la WRC ibrida?

Mentre si inseguono e si fanno sempre più insistenti le voci che vorrebbero un’uscita del Costruttore coreano dal WRC a partire dalla fine del 2021, Hyundai Motorsport rivela la sua ultima offerta, la i20 N Rally2, che succederà alla i20 R5 dedicata ai clienti sportivi. Basata sull’ultima vettura stradale i20, la i20 N Rally2 inizierà i test alla fine di questo mese di ottobre, ovviamente prima della data di omologazione prevista per la prossima estate. L’auto è nuova in tutto tranne che nel cambio a cinque marce, che eredita dalla attuale R5.

Il team principal di Hyundai Motorsport, Andrea Adamo, ha dichiarato che ogni area della nuova vettura è un miglioramento rispetto all’originale da cui deriva, grazie al lavoro di progettazione completato dal nostro team di designer e ingegneri. L’obiettivo di Hyundai è ora quello di testare l’auto per sviluppare ulteriormente ogni aspetto dell’aerodinamica per migliorare sia le prestazioni sia l’affidabilità, ma anche guidabilità.

È stato lo stesso Adamo ad intraprendere lo sviluppo che ha portato al passaggio dalla i20 R5 alla i 20 N Rally2. La Hyundai i20 R5 è stata la prima vettura di Hyundai Motorsport Customer Racing, e la nuova i20 N Rally2 mostra quanto sono arrivati ​​lontano nei cinque anni dalla fondazione del dipartimento. La i20 N Rally2 sarà venduta ai clienti dei campionati nazionali e continentali di tutto il mondo, nonché per l’utilizzo nel WRC 3.

La Opel testa la Corsa e-Rally per il monomarca

Opel sta sviluppando una vettura da rally elettrica da utilizzare in un trofeo monomarca nazionale. Poiché nessuno ha mai organizzato una competizione rally elettrica monomarca prima d’ora, le regole e le normative corrispondenti devono essere sviluppate in parallelo con l’auto da competizione. Opel e l’ADAC, come organizzatori, stanno lavorando a stretto contatto con il Deutscher Motor Sport Bund – DMSB (Federazione Tedesca del Motor Sport) in questo processo.

La Opel Corsa-e Rally si basa sul modello di produzione. Questo rende il lavoro degli ingegneri di Opel Motorsport molto più facile. Dopo tutto, la Corsa-e soddisfa già gli elevati standard europei per l’approvazione dei veicoli omologati. Ulteriori normative specifiche per le competizioni stabilite dalla FIA e dalla DMSB servono a migliorare la sicurezza.

Nel sottoscocca di Opel Corsa-e Rally, l’acciaio ad alta resistenza protegge i 18 moduli batteria, che a loro volta sono installati in un involucro. Inoltre, la vettura è dotata di una piastra protettiva in alluminio dello spessore di cinque millimetri. Inoltre Opel Corsa-e Rally, come la sua controparte di serie, è conforme al regolamento UN ECE R100.02. Questa definisce le condizioni per l’omologazione dei veicoli per quanto riguarda i requisiti speciali per il gruppo propulsore elettrico dei veicoli stradali e delle loro batterie. Ciò comprende, ad esempio, la resistenza minima di isolamento per componenti e linee ad alta tensione nonché la protezione antincendio.

Le batterie (REESS, Rechargeable Energy Storage Systems) devono anche essere pienamente conformi a questa regola in termini di integrità meccanica, vibrazioni, shock termico, impatto meccanico, resistenza al fuoco, protezione da sovraccarico, protezione da sovrascarica, protezione da surriscaldamento e protezione da corto circuito esterno.

L’impianto antincendio richiesto è Lifeline Zero 360. Funziona con un agente estinguente con isolante elettrico, per cui il rischio di incendio in un’auto elettrica senza carburante a bordo è generalmente molto inferiore a quello di un veicolo convenzionale con motore a combustione.

Il monitoraggio permanente del sistema ad alta tensione è importante anche per il funzionamento sicuro di un’auto da rally elettrica. Guasti diversi richiedono misure diverse. In caso di guasto all’isolamento, un sofisticato sistema di sensori garantisce che i display del Master Alarm Indicator System segnali immediatamente un guasto al sistema HV, che viene gestito fino a 434 volt. Il sistema può quindi essere spento manualmente dall’interno e dall’esterno dell’abitacolo.