Crugnola nuovo leader del Rally di Roma

È una sfida stellare tra i migliori piloti europei questa decima edizione del Rally di Roma Capitale, una gara dura che a metà del suo cammino ha già fatto una prima selezione importante, mettendo comunque in luce la grande classe e la grande forza degli equipaggi italiani che occupano attualmente i primi tre posti dell’assoluta.

Al comando hanno infatti chiuso il varesotto Andrea Crugnola, con Pietro Elia Ometto su Citroen C3 Rally 2, che dopo i primi 93 km di tratti cronometrati ha preceduto di 9’’5 l’altro pilota di Varese Damiano de Tommaso, in coppia con Giorgia Ascalone su un Skoda Fabia Rally 2. Terzo, su un’altra Fabia, Simone Campedelli in coppia con Tania Canton, inserito tra gli iscritti al FIA ERC. La lotta per il successo sembrerebbe quindi ristretta ai primi due ma i 187 chilometri di tratti cronometrati della giornata di domani Domenica 24 luglio, comprensivi di due passaggi sulla Rocca di Cave-Subiaco la più lunga di tutto il Campionato Europeo Rally con i suoi 32 chilometri, non lasciano grande spazio a facili pronostici. Il duello tra i primi due, con De Tommaso che ha imposto il suo passo nella prima parte, e Crugnola che ha recuperato e superato l’avversario nella seconda, ha comunque condizionato l’intera prima tappa. Un discorso a parte merita la corsa di Giandomenico Basso in coppia con Lorenzo Granai su Hyundai i20 Rally 2. Il campione italiano in carica è andato incontro ad una vicenda veramente particolate facendosi penalizzare per ben tre volte per partenza anticipati in prova. Fatto questo che naturalmente che lo ha ricacciato nelle retrovie nonostante che il suo passo fosse stato per tutta la tappa particolarmente veloce.

Alle spalle dei primi tre hanno terminato alcuni degli abituali protagonisti della serie europea; il francese Yoann Bonato, attualmente quarto in coppia con Benjamin Boulloud su una Citroen C3 Rally 2, lo spagnolo Efren Llarena, capoclassifica del Campionato Europeo Rally e quinto su una Skoda Fabia condivisa con Sara Fernandez, Simone Tempestini, il driver rumeno di origini italiane in coppia con Sergio Itu su una Skoda Fabia, attualmente sesto.

Al settimo ed ottavo posto altri due italiani, il savonese Fabio Andolfi, con Manuel Fenoli su una Skoda Fabia, abitualmente protagonista di vertice del tricolore rally ma oggi non al massimo del feeling con la sua vettura, e il vicentino Alberto Battistolli, con Danilo Fappani su Skoda Fabia, che oggi non si è espresso pienamente sui suoi normali livelli, girandosi anche sulla prima prova della giornata. Top ten completata da due sfidanti della gara europea il polacco Grzyb e lo spagnolo Pardo entrambi su Skoda Fabia Rally2. Tra i ritiri del Tricolore Rally, in lotta per il CIR Promozione da segnalare quello di Giacomo Scattolon con la Skoda Fabia Rally2 incappato in una toccata sugli ultimi chilometri della PS4 che ne ha compromesso il proseguo della sua trasferta di Roma.

In corso le corse per il Tricolore Rally Due Ruote Motrici dove sta dominando il bresciano Andrea Mabellini sulla Renault Clio Rally4 e quelle del Campionato Italiano Assoluto Rally Junior dove tra le Renaul Clio Rally5 al comando è Alessandro Casella davanti a Davide Nicelli a +11’6 ed Edoardo De Antoni più staccato a 29”2. Duelli accesi anche nel trofeo Toyota GR Yaris Cup dove compare in testa il finlandese Markus Manninen davanti al leader del trofeo Thomas Paperini separati di soli 6”5.