Articoli

Crugnola show nel WRC3, a Rossel il titolo

In un 2021 che ricorderemmo a lungo per le grandi emozioni che lo sport italiano ci ha regalato a livello Mondiale, si aggiunge un’altra piccola-grande impresa firmata da Andrea Crugnola e Pietro Ometto che portano a casa una splendida vittoria nel WRC3 all’ACI Rally Monza.

L’equipaggio Tricolore al volante della Hyundai i20 Rally2 preparata dalla RedGrey ha letteralmente dominato il WRC3, vincendo otto prove su sedici e chiudendo in decima posizione in classifica generale. “E’ stata una battaglia molto serrata, durata per tutto il rally. Nonostante alcuni piccoli problemi avuti nella giornata di sabato, ho spinto parecchio. Sono felice per Hyundai”. Il varesino conquista così il suo miglior risultato in carriera in una gara del WRC, si spera che questo risultato possa aprirgli le porte per un programma iridato la prossima stagione, le basi per far poter fare ci sono tutte, visto la bravura e l’esperienza che Andrea e Pietro hanno accumulato in queste stagioni.

Alle loro spalle, chiudono in seconda posizione Yoan Rossel e J.J. Renucci che grazie a questo risultato unito alla vittoria nella power-stage portano a casa il titolo WRC3. Il duello Rossel-Kajto è stato intenso e non adatto ai deboli di cuore, visto che i due si son scambiati spesso e volentieri la posizione. Prima dell’ultimo crono il polacco era in vantaggio di 1”6, ma sugli ultimi 14.62 chilometri Rossel ha dato il tutto per tutto, prendendosi come logico tutti i rischi del caso, riuscendo nell’impresa di ricucire il gap e di scavalcare il polacco. Le lacrime a fine prova di Rossel dicevano tutto: “Non è stata una stagione semplice, stamattina abbiamo avuto alcuni problemi alla vettura. Vincere in questa maniera è pazzesco, incredibile non riesco a trovare le parole. Ringrazio la mia squadra, i miei partner e i tifosi…”.

Alle spalle del trio di testa conclude il lussemburghese Gregoire Munster (Hyundai i20 Rally2), seguito in quinta piazza dalla Skoda Fabia rally2 dei nostri Damiano De Tommaso e Giorgia Ascalone, autori anche loro di una prova molto positiva. Sesta posizione per il britannico Chris Ingram (Skoda Fabia rally2), seguito in settima posizione dal giovane irlandese Josh McEarlen. Completa la top ten un terzetto di piloti italiani: in ottava posizione Alessandro Perico e Mauro Turati, in nona piazza concludono Alberto Dell’Era e Edoardo Brovelli, mentre chiude la top ten Marco Roncoroni e Paolo Brusadelli. Chiusura per Stefano Albertini, velocissimo e molto consistente nella tappa del venerdì e costretto al ritiro per un’uscita di strada (fortunatamente senza conseguenze) sulla San Fermo, anche lui meritevole di un’altra chance iridata.