Articoli

Il presidente Aci Angelo Sticchi Damiani vuole Monza nel WRC

Anche se le trattative con la federazione internazionale e con il promoter del Mondiale Rally non si sono ancora concluse, Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’ACI e vicepresidente della FIA, ci ha confermato la sua convinzione che il WRC 2020 terminerà la sua tormentata stagione nel primo week end di dicembre con il Rally di Monza che, come RS aveva anticipato qualche mese fa, era già stato preso in considerazione come evento passerella di fine stagione. Ma ora dovrebbe diventare a tutti gli effetti una gara del calendario iridato.

“In attesa del via libera definitivo che attendo a breve – ci ha detto Sticchi Damiani – sono già in corso delle visite di verifica su quello che potrebbe essere il tracciato per la prova iridata, che oltre ai tratti cronometrati in circuito potrebbe prevedere almeno un paio di prove speciali nel comasco. L’organizzazione verrebbe ovviamente affidata alla sperimentata struttura del Rally d’Italia e per la parte extra Monza ho già ricevuto l’adesione dell’AC locale e del suo presidente Enrico Gelpi: a Como il mondiale rally sarebbe il benvenuto. Per me poi sarebbe un piacere particolare, perché sinora non sono mai riuscito ad essere al rally di Monza per la contemporaneità con il consiglio mondiale della FIA di fine anno: ma stavolta saranno in due date diverse”.

Un evento di questo livello implicherà anche uno sforzo economico notevole e magari in assenza di pubblico… “Certamente non potrà essere un evento a costo zero, ma è una grande opportunità e vetrina e al di là degli accordi economici con le controparti sono fiducioso che come sta succedendo con gli appuntamenti di F.1 di Imola e Mugello anche per il Rally di Monza possa essere offerta al pubblico la possibilità di essere presente sulle Tribune: in misura sicuramente limitata, ma spero che da qui a dicembre i numeri possano diventare maggiori.”

Così l’Italia coronerebbe il fantastico record da capitale mondiale dell’automobilismo: tre GP e due prove del Mondiale Rally nello stesso anno!

Elezioni Aci Sport: Gianluca Nataloni candidato tra gli UDG

Gianluca Nataloni candidato alla rappresentanza per gli ufficiali di gara in seno ad Aci Sport per il nuovo quadriennio olimpico 2021-2024. Prima di tutto appassionato che “gioca” con le auto dal 1994 e ufficiale di gara (commissario di percorso dal 2011, poi caposto, verificatore sportivo, abilitato DAP, commissario sportivo qualificato e capo prova), reporter di livello nelle dirette di Rallylink.it, di cui è uno dei volti più noti insieme a Claudio Carusi, Nataloni è piacentino di origine e vive a Firenze. Fa anche il traduttore multilingue e viaggia sempre. Come una spugna assorbe le esperienze che vive e le confronta.

La sua candidatura (Gianluca Nataloni si era già candidato nel quadriennio olimpico precedente, arrivando secondo) nasce dall’esigenza di rafforzare e migliorare l’aggiornamento e la sensibilizzazione verso determinati temi dei ufficiali di gara. “Se c’è una maggiore formazione – ci spiega – c’è un minor rischio di incidenti con colpa. Vero che gli ufficiali di gara siamo dei volontari, ma anche i volontari se vengono “professionalizzati” al meglio danno risultati migliori”.

Un obiettivo semplice, sì, ma per nulla facile da raggiungere quello a cui punta Gianluca Nataloni, che però ha le idee ben chiare. “Nei quattro anni che sono passati dalla mia candidatura – ricorda Nataloni – il mio impegno con gli ufficiali di gara è proseguito proprio a favore di una maggiore professionalizzazione degli UDG”. Ma come si ottiene un risultato del genere? “Facendo collaborare tutte le figure fra loro e con la consapevolezza che alla base c’è l’istruzione. Non basta l’informazione c’è maggiore bisogno di scambi di esperienze”. E certamente non mancano i mezzi tra forum, chat (tra cui Aiuto Servizi).

“Se ci fosse maggiore preparazione, più coinvolgimento di tutte le parti, che poi è la “benzina” della passione, si riuscirebbe a risolvere tanti problemi che, a volte, finiscono anche nei tribunali – prosegue -. Per fortuna, è stato fatto un gran lavoro anche da parte della federazione e i corsi sono stati aggiornati con velocità. Ma i regolamenti cambiano velocemente, come ci ha insegnato anche il caso dell’epidemia di Covid-19, e quindi c’è bisogno di aggiornamenti”.

Tante responsabilità e pochi soldi. E a volte addirittura nulla per gli ufficiali di gara. “Questo è il tema che mi sta più a cuore – conclude Gianluca Nataloni -. Il problema è che tantissimi UDG non ricevono i rimborsi per le prestazioni prestate, a volte anche molto lontano da casa, o li ricevono troppo tardi. Ma anche in questo caso, secondo me, non si può prescindere dal seguire le persone, dal formarle, farle incontrare e confrontare tra loro. Perché, ripeto, alla base di tutto c’è la passione di tantissimi volontari”.

Scuola Rally Aci Sport ripartita con un due giorni di test

Due giornate di test rally presso la Pista Azzurra di Jesolo riportano i motori della Scuola Rally Aci Sport a pieno regime. Gli Istruttori federali Paolo Andreucci, Anna Andreussi, Alessandro Bettega, Piero Longhi hanno messo alla prova i partecipanti su Skoda Fabia R5 e Ford Fiesta N5. Due giorni di test, il modo migliore per lanciare a pieni giri la macchina operativa della Scuola Rally Aci Sport che non si è mai fermata: quella della Scuola Federale Aci Sport Michele Alboreto, tornata a correre in questi giorni per il settore rally.

A coordinare sul campo le attività di corsi e test messi a disposizione dall’Accademia Nazionale sono stati quattro istruttori di spicco. Nella L’istruttore Alessandro Bettega ha dato il via con la prima sessione di test abilitazione presso la Pista Azzurra di Jesolo, con tre driver che si sono alternati al volante di Skoda Fabia R5.

Quindi, la seconda giornata di test, stessa pista, con un terzetto d’eccezione composto dagli istruttori Piero Longhi, Anna Andreussi e Paolo Andreucci. In questo secondo test-day per la sessione pratica è stata utilizzata una Ford Fiesta N5. Sono quindi a disposizione tutti i corsi della Scuola Federale, per i rally come nei settori drifting, velocità e karting.