Articoli

Effetto Covid-19: M-Sport lascia a casa 63 dipendenti

Ecco i primi drammatici effetti della crisi economica generata dall’emergenza sanitaria per la pandemia da nuovo coronavirus. Il team Ford M-Sport, un’istituzione del Mondiale Rally e vincitore di più titoli iridati, è stato costretto licenziare molti dipendenti a causa delle problematiche vissute di riflesso dal WRC a causa del Covid-19.

L’amministratore delegato di M-Sport, Malcolm Wilson, ha confermato di essere stato costretto a lasciare definitivamente a casa ben sessantatré dipendenti in forza a Dovenby Hall 238, aggiungendo che questo gesto è stato il più difficile della sua carriera. “Il gesto più duro che abbia mai dovuto fare in tutti i miei anni di permanenza nei rally”, ha spiegato Wilson.

“Sono nelle corse automobilistiche da più di quaranta anni e non ho mai vissuto difficoltà economiche come queste. Abbiamo dovuto farlo per salvaguardare il futuro dell’azienda. Le persone sono tutto in questo settore. Io mi preoccupo sempre di avere tanti collaboratori e validi. Investiamo sulla formazione perché ci crediamo. Perdere un così alto numero di dipendenti è terribile”.

Il problema di M-Sport, che è una squadra semi-ufficiale è identico a quello delle squadre ufficiali, ma viene percepito in forma più dolorosa perché le squadre ufficiali vivono di budget che sono stati già stanziati e quindi sono nelle loro disponibilità immediate (quindi dovranno affrontare questo problema a fine 2020 in ottica 2021). Invece, per M-Sport, oltre ad essere venuti meno i rally, è venuto meno anche l’impegno di Bentley che ha ridimensionato (riducendo il tutto a qualche apparizione) le corse GT e la serie I-PACE. Si aggiunga che anche la sfortunata Formula E di Jaguar è ora un problema di M-Sport.

L’auspicio è che l’apertura del nuovo centro di valutazione qualità di M-Sport possa consentire l’assunzione di altre cento persone, magari recuperando chi è rimasto a casa non per colpe sue. La struttura e la pista di prova della ditta Cumbrian di 10.700 metri quadrati dovrebbero aprire in autunno, Covid-19 permettendo.

Tornano i rally in Gran Bretagna grazie ad M-Sport

“M-Sport Return to Rally Stages” è il nome di un evento unico che si terrà nella foresta di Greystoke sabato 22 agosto 2020 e che celebrerà tutto ciò che riguarda M-Sport, l’ingresso sarà limitato a qualsiasi prodotto M‑Sport, Focus o Fiesta, con la speranza che nel Regno Unito possano tornare a corrersi i rally come da consuetudine. Ma è anche l’evento che riporta i rally in Gran Bretagna e il pubblico in PS.

A marzo, la M-Sport di Malcolm Wilson ha organizzato a Greystoke l’ultimo evento sugli asfalti del Regno Unito prima che il Covid-19 portasse l’industria dell’auto a un punto morto. Cinque mesi dopo, la foresta di Cumbrian ospiterà il ritorno alle competizioni, mostrando al contempo come i rally possono tornare a corrersi in modo sicuro e responsabile.

Il progetto è nato dopo che M-Sport ha contattato Motorsport nel Regno Unito per capire in che modo collaborare per far ripartire il settore il più rapidamente possibile. Dopo una serie di incontri, una giornata a Greystoke è stata organizzata per realizzare una simulazione dell’evento con una serie di cortometraggi che spiegano le misure di sicurezza necessarie e consigliano agli organizzatori di eventi come combattere al meglio gli effetti del Covid-19.

Il progetto di M-Sport prevede una serie di strumenti, tra cui la gestione elettronica delle informazioni e della documentazione, i controlli dei tempi, il distanziamento sociale e il recupero sicuro di vetture e squadre. Organizzato in collaborazione con West Cumbria ed Eden Valley Motor Clubs, l’evento si svolgerà in sei prove cronometrate su 38 miglia competitive, tutte all’interno dei confini della foresta di Greystoke. Il parco assistenza sarà inoltre situato all’interno del complesso forestale e, sebbene sfortunatamente non sarà accessibile agli spettatori, si lavora per offrire al pubblico il meglio dell’azione.

Per la prima volta nella storia di tutti i rally che sono passati dalla foresta di Greystoke, venerdì sera ci sarà una dimostrazione, che richiamerà le leggendarie Mille Pistes dei primi anni Ottanta.

M-Sport a Rallylegend: Esapekka Lappi o Teemu Suninen?

“M-Sport e Michelin saranno al via di Rallylegend ad ottobre con la Ford Fiesta WRC ufficiale utilizzata nel Mondiale WRC”. Una comunicazione che riconferma la gara sammarinese uno dei festival più prestigiosi del mondo dei rally, di cui siamo media partner da due anni. Rallylegend attira a San Marino un incredibile numero di vetture di prestigio, ricche di storia. Già, ma chi guiderà la Fiesta WRC Plus di M-Sport al Rallylegend di ottobre? Esapekka Lappi o Teemu Suninen?

Inutile dire che M-Sport e Michelin hanno raggiunto una delle storie di maggior successo nello sport quando hanno lanciato la Fiesta WRC Plus nel Mondiale WRC 2017: una squadra privata ai confini del Parco Nazionale del Lago, aveva pareggiato la potenza di tre dei più grandi Costruttori di auto al mondo per tentare di conquistare il Mondiale WRC Piloti, Copiloti e Costruttori.

Questo risultato non sarebbe stato possibile senza il supporto di partner di lunga data come Michelin. Ecco perché le due aziende sono liete di presentare la loro Fiesta con le migliori specifiche adatte ad una gara particolare come Rallylegend. Il team annuncerà in un secondo momento quale pilota porterà al volante dell’auto da rally, che pare potrebbe essere Esapekka Lappi o in alternativa Teemu Suninen.

Richard Millener, team principal di M-Sport, ha spiegato: “La Ford Fiesta WRC è una delle nostre auto più speciali e di successo e ciò che abbiamo realizzato sarà ricordato per molto tempo. Ma nulla di tutto ciò sarebbe stato possibile senza il supporto dei nostri partner, ed è un piacere poterlo mostrare in un evento prestigioso come Rallylegend con un partner apprezzato e rispettato come Michelin”.