Articoli

Davide Nicelli: ”Al Tuscan ci giocheremo le nostre carte”

Si è chiuso il Rally 2Valli. Davide Nicelli c’era, come sempre a bordo della sua Peugeot 208 R2 del team MM Motorsport, con il supporto della scuderia Maranello Corse. Al suo fianco il fidato navigatore Alessandro Mattioda. “È stato un rally molto complicato perché le prove già difficili di per sé, sono state rese ancora più impegnative dalla tanta pioggia caduta nella notte tra venerdì e sabato, alla vigilia della gara”, spiega Davide.

“C’erano tante foglie per terra, tanto fango, molto bagnato. Il fango è aumentato con il passare delle vetture, in certi tratti non si vedeva più neppure l’asfalto e in più, sul secondo giro di prove speciali, abbiamo trovato la nebbia: la visibilità era ridotta ad una decina di metri, quindi le cose si sono ancora più complicate – prosegue Davide Nicelli -. Siamo comunque riusciti a mantenere un buon passo, ma non siamo stati costanti, abbiamo fatto alcune prove bene, altre meno”.

“Questo non ci ha permesso di giocarci fino alla fine il due ruote motrici e il trofeo Peugeot, anche se siamo rimasti sempre nelle posizioni di vertice, lottando con i migliori. L’ultimo giro abbiamo provato ad attaccare: il due ruote motrici purtroppo ci vedeva un po’ attardati, eravamo quarti, mentre nel Peugeot eravamo secondi. Ho provato a passare il mio rivale Casella, che era al comando, ma in una delle tre prove mi sono girato, ho dovuto fare manovra, perdendo del tempo, quindi è andata male”.

“Era d’obbligo provarci, abbiamo spinto fino alla fine, visto che anche gli altri potevano sbagliare, così non è accaduto e quindi porto a casa un quarto posto nel due ruote motrici e un buon secondo posto nel trofeo Peugeot. Per il due ruote motrici non c’è più nulla da fare perché manca solo il Tuscan Rewind, mentre ci giocheremo le nostre carte nel trofeo di marca. Sarà difficile ma dobbiamo provarci fino alla fine. Voglio ringraziare il team che mi ha dato una vettura davvero ottimale, bravo il mio navigatore che mi dà sempre una grossa mano, si vede che in queste situazioni difficili è un vero professionista e senza di lui non riuscirei a fare quello che ho fatto”.

“Grazie alla Maranello Corse, ai miei sponsor, ai tifosi, e a mio padre che mi segue sempre conclude Davide Nicelli -. Cerchiamo ora di lavorare duro con tanto impegno per l’ultima gara in programma di questo Campionato Italiano Rally 2020, il Tuscan Rewind, gara sterrata che per noi sarà decisiva dove saremo obbligati a vincere se vogliamo provare a fare nostro il trofeo Peugeot competion top 2020.Ci vediamo a fine novembre a Montalcino”.

Finita la ”pausa” di Davide Nicelli: si torna a Sanremo

Torna ad indossare casco e tuta, Davide Nicelli che nel fine settimana, assieme al suo fidato navigatore Alessandro Mattioda, correrà il Rally di Sanremo, sempre a bordo della sua Peugeot 208 R2 del team MM Motorsport, appoggiato dalla scuderia Maranello Corse. “Per il secondo anno consecutivo partecipo a questa importante e storica competizione. L’anno scorso era andata veramente molto bene e spero di potermi ripetere. Prevedo una gara difficile ed impegnativa, soprattutto c’è l’incognita meteo che non sempre permette una scelta facile degli pneumatici”.

“Sarà molto importante dunque la strategia, poi ricordo prove speciali molto tecniche,veloci e spesso in strade strette, in cui è facile commettere degli errori. Le prove di quest’anno tra l’altro saranno totalmente diverse rispetto a quelle dell’anno passato, dunque anche questa è un’ulteriore incognita. Abbiamo però bisogno di riscattarci dopo un inizio di stagione con alti e bassi, in particolare al Ciocco. Dovremo partite forte, attaccare. Nel due ruote motrici possiamo ancora fare bene, anche se le nuove Rally 4 si sono dimostrate a volte più veloci delle nostre 208 aspirate”.

“Mentre per quanto riguarda il trofeo Peugeot, non facendo bene al Ciocco, che era la prima prova, la nostra classifica non è delle migliori, quindi a Sanremo dovremo essere dei “martelli pneumatici”, non guardare agli avversari, ma pensare solo a noi stessi, spingendo dal primo all’ultimo metro. Ci sono ancora questa e altre due gare, quindi il campionato è ancora aperto. Sono convinto che possiamo fare bene. Vi aspetto questa settimana al Rally di Sanremo, una gara storica dal fascino mondiale, cui mi fa onore e piacere partecipare”.

Dopo i problemi al Ciocco, Davide Nicelli salta il San Marino

La gara CIR in Toscana non si è rivelata una trasferta fortunata per il giovane driver oltrepadano, che ora ha deciso di non disputare il Rally di San Marino. Davide Nicelli, affiancato dal navigatore biellese Alessandro Mattioda, al Rally del Ciocco era come sempre a bordo della sua Peugeot 208 R2 del team MM Motorsport, per i colori della scuderia Maranello Corse.

“Sono partito subito male perché sulla prima speciale mi sono girato, perdendo secondi preziosi, e permettendo così agli avversari diretti di staccarmi. Ho fatico per tutta la gara, non sono mai riuscito a trovare le giuste condizioni su un percorso particolarmente scivoloso. L’auto era molto performante, quindi è stato proprio un problema solo mio”.

“Nonostante tutto, grazie anche ai guai di un diretto concorrente, assieme ad Alessandro, sono riuscito ad essere secondo del Trofeo Peugeot e quarto del due ruote motrici, quindi tutto sommato avrei potuto portare a casa un buon punteggio. Ma sulla prova successiva dopo 5 chilometri ho forato, e sono stato costretto a fermarmi perché mancavano 10 chilometri e non potevo terminare la speciale con uno pneumatico a terra. Così ho perso 4 minuti, scivolando sul fondo della classifica”.

“A quel punto non abbiamo rischiato più nulla, ma pensato solo a chiudere. Mi spiace perché è una gara in cui sono sempre andato bene e mi è sempre piaciuta molto, avrei voluto avere un confronto con Andreucci, insomma un peccato. Può capitare, non tutte le ciambelle riescono con il buco. Dobbiamo lavorare perché alcune cose non hanno funzionato. Voglio finire ringraziando il team, il mio navigatore, la scuderia, gli amici e tifosi che ci hanno sostenuto, mio papà e gli sponsor. Adesso dobbiamo fare alcuni ragionamenti. Nel frattempo abbiamo deciso di rinunciare al Rally San Marino”.