Articoli

GR Yaris Rally Cup: il trofeo accende i motori

Si appresta ad accendere i motori, a partire per scrivere un nuovo capitolo di importante storia sportiva GR Yaris Rally Cup, il cui debutto per la stagione 2021 è previsto per questo fine settimana, dal 23 al 25 luglio, dalle strade del Rally di RomaCapitale, valido quale terza prova del Campionato Europeo Rally (ERC) e quinto atto del Campionato Italiano Rally (CIR).

Con GR Yaris Rally Cup, Toyota Motor Italia compie un nuovo salto in avanti nel motorsport con il primo campionato monomarca dedicato ad una propria vettura, un’iniziativa che esprime e conferma tutti i valori di Toyota, offrendo ai piloti e alle vetture una sfida da affrontare nelle condizioni più dure. E il gusto di vincerla.

GR Yaris Rally Cup parte dunque con un palcoscenico importante, sotto i riflettori di prima scena, attesissima dal pubblico di appassionati, dagli addetti ai lavori ed anche da coloro che saranno i protagonisti, i quali non vedono l’ora di sfidarsi lungo tutta la stagione, composta da cinque avvincenti appuntamenti. Al Rally di RomaCapitale i trofeisti iscritti sono 11.

Tutti a caccia del montepremi

La protagonista del campionato sarà la GR Yaris, vettura perfetta per l’ingresso nel mondo delle competizioni monomarca, che nasce proprio dall’esperienza del team Toyota Gazoo Racing nel campionato mondiale rally.

Costruita su una piattaforma unica nel suo genere, avente come obiettivo quello di ridurre al massimo il peso, la GR Yaris è dotata del più potente motore a tre cilindri al mondo 1.6 turbo con 261 CV e una coppia di 360 Nm che permette di passare da 0 a 100 km/h in soli 5,5 secondi (il test verità della vettura lo trovate sul numero di RS RallySlalom in edicola dal 5 agosto 2021).

La potenza del motore viene sfruttata attraverso il nuovo sistema di trazione integrale permanente e a controllo elettronico GR-Four di Toyota. A completare l’assetto da vera sportiva, un differenziale Torsen LSD che gestisce in autonomia la ripartizione della trazione tra le ruote di sinistra e di destra per dare un controllo naturale e diretto dell’auto.

La GR Yaris utilizzata per il campionato è la derivazione rally della stradale lanciata a fine 2020. E’ stato sviluppato uno specifico kit di allestimento gara, con il quale i team hanno potuto preparare la vettura conforme al regolamento della categoria R1T 4WD nazionale.

GR Yaris Rally Cup offrirà ai piloti partecipanti un’opportunità per dimostrare il loro talento e per migliorare il proprio rendimento, il che è perfettamente in linea con uno dei principi del Toyota Gazoo Racing, orientato allo sviluppo delle persone. Il montepremi totale del monomarca è stabilito in 300.000 €uro, distribuito tra premi di gara e premi finali, avrà un’attenzione particolare per i Team partecipanti.

GR Yaris Rally Cup sarà inoltre la piattaforma perfetta per dimostrare l’impegno di Toyota nel superare ogni limite e realizzare le migliori automobili di sempre. Le condizioni estreme del motorsport, in questo caso dei rallies, rappresentano il terreno ideale per sperimentare un gran numero di nuove soluzioni tecnologiche, le migliori delle quali verranno impiegate sulle vetture di serie.

La livrea delle vetture in gara riprende i colori ufficiali rosso, nero e bianco del Toyota Gazoo Racing e sul caratteristico tetto in fibra di carbonio spicca il logo Toyota Gazoo Racing Italy, che seguirà le attività del monomarca.

Ad arricchire la livrea, saranno presenti i loghi degli sponsor del campionato: KINTO, il brand dedicato all’offerta di servizi di mobilità di Toyota; Pirelli, leader mondiale negli pneumatici Rally; OMP, fornitore ufficiale del Toyota Gazoo Racing nel WRC; LoJack (gruppo CalAmp), partner di Toyota Motor Italia dal 2014 e leader nelle soluzioni telematiche e nel recupero dei veicoli rubati.

I protagonisti della GR Yaris Rally Cup

PILOTA                                   COPILOTA                                   TEAM

Andrea Reginato                   Giorgio Simoni                            Sport e Comunicazione

Marco Gianesini                    Marco Bergonzi                           New Star 3

Simone Rivia                          Giovanni Frigerio                        Sportec

Federico Romagnoli             Monica Rubinelli                          Gino WRC

Tommaso Paleari Henssler   Davide Rolando Bozzo                Elite Motorsport

Alessandro Ciardi                 Alessandro Tondini                    Emmeci Motorsport

Edoardo De Antoni               Martina Musiari                           Rally Sport Evolution

Angelo Pucci Grossi             Francesco Cardinali                     HMI

Ilario Bondioni                      Sofia D’Ambrosio                        Elite Motorsport

Francesco Marcucci              Federico Baldacci                        MM Motorsport

Markus Manninen                 Teemu Sillampaa                        HMI

Il calendario del monomarca giapponese

23-25 luglio Rally di Roma Capitale – Roma (CIR)

04-05 settembre Rally 1000 Miglia – Brescia (CIR)

09-10 ottobre Rally 2 Valli – Verona (CIR)

30-31 ottobre Rally di Modena – Modena (finale CRZ)

03-05 dicembre Rally di Monza – Monza

Kalle Rovanpera leader in Estonia: Craig Breen insegue

Kalle Rovanperä era già in testa dopo la breve PS1 che ha alzato il sipario sul Rally di Estonia 2021 giovedì 15 luglio, poi ha vinto anche tre delle quattro veloci prove speciali della prima tappa con la Toyota Yaris. Craig Breen è alle calcagna del finlandese con la Hyundai i20, ma da solo può fare poco dopo i disastri combinati dai suoi compagni di squadra. L’irlandese è stato il secondo più veloce in tutte e quattro le PS a soli 4″8 dal ventenne finlandese. “Con la gomma morbida è stato molto più complicato negli ultimi tratti, perché fa molto caldo e l’aderenza sta cambiando di più”, ha spiegato Rovanperä. “È una vera lotta: spazi davvero piccoli, sempre a tutto tondo, e se fai un piccolo errore lo vedi subito nei tempi”.

Cpn temperature prossime ai 30°C, Breen si è mantenuto fresco dopo essere stato inavvertitamente ritardato due volte da un Gus Greensmith in evidenti difficoltà. Il tempo perso è stato successivamente neutralizzato dagli ufficiali di gara e Breen è passato brevemente in vantaggio 1″ prima che Rovanperä rispondesse nelle ultime due prove. L’eroe di casa Tänak ha vinto il test di Arula di venerdì e ha relegato Rovanperä dietro, ma è sprofondato al settimo posto dopo una foratura all’anteriore destro nella successiva PS3 Otepää. Peggio la PS4 Kanepi. “Sono andato lungo in una curva e praticamente sono finito in un campo e ho perso due gomme. Ho avuto altre due forature e ovviamente non avevamo più ricambi e non è stato possibile continuare”, ha spiegato Tänak, che ha iniziato il giro con una sola ruota di scorta.

Il leader del Mondiale Rally Sébastien Ogier è stato il migliore degli altri. Il francese è terzo staccato di 33″5 con la sua Yaris, ma contento dopo aver minimizzato l’handicap del dover fare la scopa. Ogier aveva 6″8 di vantaggio sulla i20 di Thierry Neuville, che era quarto. Il belga ha forato la gomma posteriore sinistra sulla PS4 Kanepi, ma aveva ancora 6″6 secondi su Elfyn Evans, che ha superato indenne la Otepää con la Yaris.

Pierre-Louis Loubet è l’ultimo pilota della massima serie, al sesto posto. Il corso è stato cauto dopo un torrido inizio di stagione sulla sua i20, ma ha capitalizzato sui problemi degli altri. Takamoto Katsuta si è ritirato dal terzo posto dopo che il copilota Dan Barritt ha avuto un infortunio alla schiena per un atterraggio troppo duro su un salto di Kanepi. Greensmith è uscito dopo essersi fermato più volte a causa di un problema tecnico che ha influito negativamente sulla potenza del motore della Ford Fiesta.

Il compagno di squadra Teemu Suninen era sesto, ma una foratura alla posteriore sinistra e un problema al turbo boost hanno fatto retrocedere il finlandese al quattordicesimo posto. Il leader del WRC3 e campione europeo in carica Alexey Lukyanuk è settimo con la Skoda Fabia, con 11″1 di vantaggio sul leader del WRC2 Mads Østberg, che è stato ostacolato da un braccio della sospensione danneggiato dopo un salto. Andreas Mikkelsen ed Emil Lindholm completano la classifica.

Il numero di luglio 2021 di RallySlalom e oltre è in edicola

Copertina RS e oltre luglio 2021

Sebastien Ogier e il futuro: rally part-time e pista a Le Mans

Il sette volte campione del mondo aveva inizialmente pianificato di lasciare il WRC alla fine della scorsa stagione, ma voleva tornare quest’anno per concludere una carriera stellare con una stagione sportiva meno colpita dalla pandemia di coronavirus. Ma ora che si parla di WRC ibride e di Yaris Rally1 di nuova generazione nel 2022, Ogier non vuole lasciare completamente. Così dice lui.

Alla domanda sulla prossima stagione, ha detto: “È molto chiaro nella mia mente che non completerò il Campionato del Mondo l’anno prossimo. Disputerò qualche rally, forse sarà solo uno, forse qualcuno. Chissà”. Il pilota francese vuole correre anche in altre specialità in cui Toyota è presente. Un po’ come faceva Loeb in Citroen. E proprio come Loeb, Ogier cerca le gare di durata.

“Non è un segreto”, ha detto Ogier, “che il mio sogno è andare a correre a Le Mans e in altre corse in circuito. Quindi ci sono cose che devono essere chiarite prima, per vedere se ho la possibilità di farle o meno. Questo influenzerà tutto e così saprò se farò qualche rally oppure no. L’unica cosa che mi è chiara è che voglio assolutamente essere più libero. Sto pensando di passare del tempo con la mia famiglia e con mio figlio. Mi piace vederlo crescere”.

“Il piano è sempre stato quello di provare a trascorrere insieme il suo ultimo anno prima della scuola, magari per viaggiare per il mondo e fare cose incredibili insieme. Questo è qualcosa che farò al 100%. Vediamo, su questa base, cosa posso inserire ancora nel mio calendario. Potrei continuare un po’ con i rally, così per non annoiarmi. Come tutti, ho bisogno di un po’ di adrenalina. Dopo aver fatto rally e aver avuto una vita come la mia, molto intensa negli ultimi 15 anni, credo che non ci si possa fermare da tutto in un attimo”.

Il prossimo numero di RallySlalom e oltre sarà in edicola dal 7 luglio 2021

Copertina RS e oltre luglio 2021

WRC: i 5 video più belli dei test pre Rally di Estonia

Elfyn Evans
Sebastien Ogier
Ott Tanak
Gus Greensmith
Kalle Rovanpera

Ecco i 5 video più belli dei test pre Rally di Estonia. Ormai il WRC corre verso l’est Europa che rappresenta il giro di boa della serie iridata e, in particolare, per Hyundai rappresenta la gara della speranza, dopo tutte le gare in cui fino ad ora è riuscita a gettare alle ortiche un successo quasi certo. Quando con Ott Tanak e quando con Thierry Neuville.

I test di affinamento e sviluppo proseguono e la nostra redazione ha pensato di proporvi i 5 video più belli degli ultimi test disputati nella “casa” di Tanak da Toyota, Hyundai e Ford M-Sport.

Toyota punta alla Yaris Rally3, la Rally2 forse ibrida

Toyota ha iniziato a lavorare sulla sua Yaris Rally3. Un cambio strategico, perché così il Costruttore giapponese sceglie di dare priorità al nuovo progetto rispetto alla Rally2 e di puntare a quel pubblico che lamenta un vuoto tra la R5 (Rally2) e la R4 (che in realtà è una ottima Gruppo N). I giapponesi, quindi, sono desiderosi di espandere la gamma Yaris, che sta avendo tanto successo a livello commerciale.

La notizia trova conferma anche su DirtFish, secondo cui a breve si dovrebbe avere una Yaris a quattro ruote motrici per i clienti. Riportare l’attività del team a Jyväskylä contribuirà ad accelerare il processo di progettazione e costruzione delle nuove auto, la prima delle quali si pensa che sarà pronta per la fine di quest’anno. Il team principal Jari-Matti Latvala non parla di specifiche della Yaris Rally2 o della Yaris Rally3, ma conferma che la Rally3 arriverà prima.

“Per la Rally2 stiamo aspettando alcune decisioni sui regolamenti tecnici: sappiamo che l’ibrido potrebbe arrivare anche per la Rally2 e dobbiamo capire di più dalla FIA su questo prima di impegnarci. Quindi, la Rally3 arriverà prima della Rally2”. Latvala, però, conclude specificando che le Yaris Rally3 non sono ancora in costruzione: “Speriamo di avere presto dettagli da confermare”.

Il prossimo numero di RallySlalom e oltre sarà in edicola dal 7 luglio 2021

Copertina RS e oltre luglio 2021