Articoli

Incidente al test per Alberto Battistolli e Fabrizia Pons

Incidente al test per Alberto Battistolli e Fabrizia Pons. Un avvallamento prima di una staccata ha rovinato la due giorni di prove di Battistolli junior e della sua navigatrice, la Pons (ieri i due avevano effettuato oltre 100 chilometri di test per sgranchirsi un po’) e ha causato momenti di grande apprensione, per fortuna risolti con tanta paura, solo qualche piccola frattura e qualche ammaccatura.

I test di Alberto Battistolli e della “nostra” Fabrizia Pons, alla quale vanno i nostri migliori auguri di pronta guarigione, erano iniziati molto bene il 26 maggio scorso in una località del Veneto. Alla fine della prima giornata di allenamento lo stesso Alberto Battistolli aveva commentato con soddisfazione la prima fase dei test che, tra l’altro, lo aveva visto protagonista con due Skoda Fabia R5.

Il 27 maggio avrebbe dovuto disputarsi la seconda impegnativa giornata di test, ma purtroppo dopo qualche giro di “riscaldamento”, su un rettilineo, subito primo di una staccata, c’era un avvallamento. Alberto Battistolli ha perso il controllo dell’auto e ha impattato violentemente. Fabrizia Pons ha avuto la peggio durante questo incidente. Infatti, la compressione del collare Hans le ha fratturato la spalla.

Incidente al test per Alberto Battistolli e Fabrizia Pons
Incidente al test per Alberto Battistolli e Fabrizia Pons

Per Alberto Battistolli (anche a lui giungano i nostri auguri di pronta guarigione), invece, solo tanta paura. Pilota e copilota sono stati soccorsi immediatamente e ricoverati per accertamenti più approfonditi. Sono stati poi trattenuti in ospedale, dove devono passare la notte, perché domani saranno sottoposti ad ulteriori esami, sempre mirati a scongiurare qualunque eventuale problema tardivo, visto che la botta è stata comunque forte.

Alberto Battistolli allunga la lista dei forfait in Svezia

Dopo le rinunce di un consistente numero di piloti, anche Alberto Battistolli e Fabrizia Pons – iscritti con la Skoda Fabia – non saranno al via del Rally di Svezia, seconda prova del Campionato Mondiale Rally in programma nel prossimo fine settimana.

Cresciuto in Scuderia Palladio ed attualmente in forze ad Aci Team Italia, il giovane vicentino si trova costretto a rinviare l’esordio iridato a causa delle anomale condizioni meteorologiche che stanno interessando la regione del Wärmland, quella che tradizionalmente fa da teatro alla corsa svedese.

A spiegare i motivi principali della defezione è Miki Biasion che seguirà Alberto nelle gare del Mondiale: “L’assenza di neve e ghiaccio hanno costretto gli organizzatori ad un drastico rimaneggiamento del percorso apportando delle riduzioni che vanno a mutilare la gara nel chilometraggio; a questo si va ad aggiungere il fatto che, mancando gli elementi che da sempre caratterizzano il rally scandinavo, e con le previsioni meteo che non annunciano la neve, la gara si correrà su strade sterrate velocissime col regolamento che obbliga l’utilizzo di pneumatici non adatti a tale fondo.”

“Mancando la neve ed il ghiaccio – afferma Battistolli – ci saremmo trovati a correre su degli sterrati velocissimi montando delle gomme non ottimali: una situazione troppo differente da quello che ci si aspetta dal Rally di Svezia, la quale non mi avrebbe portato quell’affinamento ed esperienza che mi sarei aspettato se le condizioni fossero state quelle in cui normalmente si corre tale gara; il tutto sommato ad un’onerosa trasferta per una gara, a questo punto, atipica.”

Gli fa eco Fabrizia Pons che proprio due settimane or sono ha affiancato Alberto al Rally Covasna sulla Skoda Fabia: “Dopo il convincente esordio sulle strade innevate in Romania, eravamo pronti per affrontare il primo impegno nel WRC3 ma i noti problemi della gara svedese, ci hanno fatto riflettere e rinunciare; resta il rammarico di non aver potuto rivedere Alberto guidare sulla neve, subito dopo il convincente esordio che ci ha visto salire sul podio al Covasna.”

Covasna Rally a Tempestini, poi Costenaro e Battistolli

L’esordio ufficiale nel WRC 2020, in programma dal 13 febbraio prossimo al Rally di Svezia, è ormai alle porte, ma la stagione 2020 di ACI Team Italia è già partita con un primo test per Alberto Battistolli e Tommaso Ciuffi nel Covasna Winter Rally.

Per i due portacolori di ACI Team Italia, la gara in Romania, che si è svolta dal 31 gennaio al 1 febbraio nella località della Transilvania, è stata una buona occasione per affinare la guida e l’approccio sulla neve e ghiaccio in vista del Rally di Svezia.

La gara rumena si è conclusa positivamente soprattutto per Battistolli. Il vicentino insieme a Fabrizia Pons, con la Skoda Fabia R5, vettura con la quale disputerà alcune tappe nel WRC 3 – ha terminato con il terzo posto alle spalle di altri due equipaggi: Simone Tempestini (Subaru Impreza WRX) e Giacomo Costenaro (Skoda Fabia R5).

Battistolli: “Sono contento e mi sono divertito. E’ stata una gara riuscita, soprattutto per quanto riguarda il rapporto con Fabrizia. Abbiamo trovato il giusto affiatamento ché speriamo di mantenere nel futuro. Tutto questo per vivere l’avventura nel Mondiale con serenità”.

La Peugeot 208 di Tommaso Ciuffi
La Peugeot 208 di Tommaso Ciuffi

Dal canto suo, Ciuffi, Campione Italiano Due Ruote Motrici in carica, dopo una prima giornata sfortunata, nella seconda giornata si è concentrato insieme a Nicolò Gonella sul percorrere più chilometri possibili sul fondo innevato in vista del WRC Junior.

Ciuffi: “Abbiamo fatto qualche danno venerdì ma soprattutto una trasferta corsa per macinare più chilometri possibili. E’ stato comunque un allenamento molto soddisfacente”