WRC: la prima di Latvala con VW all’ultimo Acropoli iridato

Il Mondiale torna in Grecia dopo un’assenza lunga otto anni. Sulle magnifiche e durissime strade elleniche si sono scritte pagine e pagine di rallysmo, con uomini e mezzi messi alla dura prova dalle impegnative strade del Peloponneso.

L’ultima edizione dell’Acropolis Greece nel WRC si corre dal 31 maggio al 2 giugno 2013 su un percorso di 306 chilometri cronometrati con base a Loutraki. Al via della gara si presentano 46 equipaggi, suddivisi in 11 vetture WRC, 16 WRC2 e 10 iscritti nello Junior. Al termine di due giornate e mezzo di prove, la vittoria va all’attuale team manager Toyota Jari-Matti Latvala che conquista così la sua prima vittoria con il team Volkswagen. 

L’inizio è subito incandescente, sui 47.70 km della Kineta-Pissia succede di tutto. Il miglior tempo è firmato dal Evgeny Novikov sulla Ford Fiesta WRC seguito a 20″6 dallo spagnolo Dani Sordo (Citroen DS3 WRC) e a 36″3 dal finlandese Jari-Matti Latvala (Volkswagen Polo WRC). Ma i quasi 50 chilometri di speciali sono fatali al leader del mondiale Ogier costretto al ritiro a metà prova (tornerà in gara col super rally) per un problema tecnico alla sua Polo, mentre sia Hirvonen (servosterzo) che Ostberg (ruota staccata) escono dalla prova con ritardi pesantissimi. Sulla seconda e ultima prova di giornata la Kineta (Km 26) che si disputa in notturna, lo scratch è ancora di Novikov che allunga ulteriormente sui rivali portando a 30” il vantaggio su Sordo e a 39” quello su Latvala.

Durissima la seconda tappa del rally che si disputa sabato 1 giugno. Sono 149,56 km cronometrati che gli equipaggi dovranno affrontare con prove speciali ricavate tutte nell’area del Peloponneso. I crono scelti dagli organizzatori sono Klenia Mycenae (che nel 2009 scrisse fine alla gara di Loeb), Ghymno, Kefalari e Ziria. La gara si apre con lo scratch a pari merito di Novikov e Latvala, ma sul successivo crono, quello di Ghymno il russo fora lasciando cinque minuti sul campo è precipitando all’ottavo posto.

Latvala è bravo ad approfittarne è si porta così al comando del rally. Al termine della giornata il finnico comanda la gara con un vantaggio di 1’04” su Sordo e 1’43” su Neuville. Tornano in zona punti dopo un day1 disastroso Ogier (autore di uno scratch), Hirvonen e Ostberg.

Nessuno scossone rilevante domenica 2 giugno, ultimo giorno di gara. Sulle quattro prove in programma per un totale di 83.22 chilometri contro il tempo, Latvala controlla gli avversari è porta a casa un successo importantissimo che lo porta al secondo posto nella generale. Poco o nulla cambia nel resto della classifica generale, con Dani Sordo che porta a casa un buon secondo posto seguito in classifica dal giovane belga Thierry Neuville, unico scossone di rilievo nella top ten è quello di Hirvonen che supera Prokop al settimo posto nella generale.