RS

Sette magnifiche stagioni sulla spinta della passione

Questo è l’ultimo numero da direttore di RS: una scelta personale nella convinzione che sia uno stimolo e una necessità per tutti che i cicli vengano chiusi: altrimenti che cicli sarebbero? Il mio è stato lungo: ben sette anni. Quando ho accettato il per me inedito incarico dagli editori – che poi erano e sono amici – non mi era stato posto alcun obiettivo particolare.

Così me l’ero dato io: con la spinta della passione di tutti, l’entusiasmo dei collaboratori e il condimento delle mie passate esperienze, fare del giovane mensile RS RallySlalom e oltre una testata dedicata all’automobilismo su strada in grado di fare una informazione di sostanza, affidabile e attenta ai grandi come ai piccoli. E possibilmente diventare un punto di riferimento autorevole, di cui c’era e c’è bisogno.

Il tutto divertendomi e divertendoci, ma offrendo seriamente opinioni e spunti di riflessione non solo ai lettori ma anche ai praticanti e alla federazione. E facendo leva non solo sulla passione, ma anche sull’onesto e puntuale approfondimento dei temi proposti dall’attualità. E con l’aiuto dei numeri che, pur costando grande fatica per ricavarli, credo abbiano un grande valore, magari interpretabile ma di certo incontestabile. Il tutto senza inutili o deleteri sensazionalismi o ossequi interessati.

Di certo sono orgoglioso di aver accompagnato la testata a superare in crescita il traguardo dei 10 anni di vita (sta per entrare nell’anno numero 12), all’introduzione della sua versione digitale on-line, dal debutto sulla rete del marchio RS agli Oscar dell’Anno di RS, i soli riconoscimenti basati prevalentemente sui risultati, sui numeri oggettivi.

Ritengo di aver fatto quanto potevo per riuscirci, ma il vero verdetto reale spetta a chi legge. Al di là dei numeri (rieccoli!) che mi confortano: basti dire che in un’epoca tanto difficile per la carta stampata, dove il tema ricorrente sono le rinunce e i ridimensionamenti, RS ha fatto l’esatto contrario persino aumentando la tiratura…

Insomma spero – o mi illudo – di essermi almeno avvicinato all’obiettivo, e di lasciare il timone di una rivista con un futuro. Anche, se non soprattutto, per l’impegno di chi alle pagine di RS collabora scrivendo, fotografando e impaginando: grazie a tutti loro, con un abbraccio speciale a chi mi ha aiutato in tutte queste sette magnifiche stagioni, umanamente e giornalisticamente indimenticabili. E grazie a tutti voi. E ai rally.

Stai leggendo uno dei pochi contenuti premium disponibili sul nostro sito. Questo succede perché si tratta di uno degli articoli pubblicati sulla rivista in edicola e disponibile anche in digitale dal 5 di ogni mese per 12 mesi all’anno. Se lo hai apprezzato continua la tua lettura sul giornale, oppure scarica la nostra app o accedi da PC, registrati gratuitamente e abbonati. Il tuo sostegno ci aiuta a migliorare giorno dopo giorno il servizio che offriamo a te a tutti i nostri amici lettori.

Cosa sapere sull’abbonamento a RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito
  • Le nostre app sono gratuite, ma dall’app non si può pagare
  • Dopo aver effettuato la registrazione (clicca qui) ci si potrà abbonare pagando da PC
  • Disponibile abbonamento singolo digitale o cartaceo
  • Oppure ci si può abbonare all’online e al carataceo con una super offerta

Opzioni di acquisto

  • Singola copia di RS – 2 euro
  • Abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) con accesso all’archivio storico – 25 euro
  • Abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) – 60 euro

Si può scegliere di leggere il giornale sul PC o sullo smartphone e sul tablet o se farsi leggere gli articoli dall’assistente digitale, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS e oltre gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento