Zivian, il Marsigliese

Il due volte campione d’Europa rappresenterà l’Italia ai FIA Motosport Games che si svolgeranno nella città francese. A metà mese protagonista al Rallylegend sulla Subaru nella doppia veste di pilota e Team manager

Dopo il mese di settembre che lo ha consacrato campione d’Europa nel FIA European Historic Rally Championship per il secondo anno di fila, anche ottobre parte con ottime vibrazioni positive ed un paio di appuntamenti davvero di grande prestigio per il pilota Andrea Zivian. “Zippo”, infatti, sarà protagonista con la sua Audi quattro a fine mese ai Fia Motosport Games di Marsiglia. Un traguardo davvero di grande prestigio, dal momento che a questa competizione partecipano 20 nazioni e che per la categoria “Historic Rally” il rappresentante dell’Italia sarà proprio Andrea Zivian sulla sua Audi, con la quale ha trionfato nelle ultime due edizioni del Campionato europeo.

Ma prima, il 16 ottobre, c’è un’altra sfida da affrontare: si tratta del Rallylegend di San Marino, un evento a livello mondiale che vede confrontarsi grandissimi campioni dell’epoca d’oro del rallysmo con una partecipazione di pubblico senza paragoni. In questo caso Andrea Zivian vi prenderà parte con la sua Subaru Impreza, come già fatto quest’anno nella gara nazionale di Salsomaggiore. Ma quella di “Zippo” non sarà l’unica Subaru in gara. Già perché grazie alla IKE Racing Andrea avrà un’altra Impreza in gara, quella affidata a Rui Madeira, primo pilota portoghese ad avere vinto un titolo FIA nel campionato del Mondo di rally, il Campionato Produzione nel 1995.

“Si tratta di due occasioni molto importanti – ha commentato Andrea Zivian – che rendono ancora più esaltante questa stagione meravigliosa. Dopo la seconda vittoria di fila dell’Europeo essere chiamato a rappresentare l’Italia ai Fia Motosport Games è un risultato che mi lusinga. Gestire un’auto come la Subaru Impreza Gruppo A per la mia neonata IKE Racing, e vederla richiedere da un leggendario campione come Rui Madeira per una gara come il Rallylegend mi riempie di orgoglio non solo come pilota, visto che prenderò io stesso parte alla competizione, ma anche come Team manager e soprattutto come grande appassionato di rally. Quel giorno sulle nostre Subaru daremo sicuramente spettacolo!”