Crugnola-Ometto

Crugnola vs De Tommaso: al Rally Due Valli la sfida finale

Il territorio veronese freme per la doppia decisiva sfida tricolore, affiancata dalla chiusura della CRZ, in scena venerdì 7 e sabato 8 ottobre su 11 prove per 93 km. Tra i 187 equipaggi al via, sarà Crugnola contro De Tommaso per il titolo Assoluto. In quattro sognano il tricolore Junior. Penultimo scontro per gli specialisti del CIRA.

Si avvicina l’appuntamento più importante della stagione rallistica tricolore nel 40° Rally Due Valli, sfida finale per il Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco e penultimo round del Campionato Italiano Rally Asfalto. Attorno a Verona nelle giornate di venerdì 7 e sabato 8 ottobre andrà in scena uno spettacolo imperdibile per l’automobilismo nazionale, decisivo per le sorti delle due serie maggiori alle quali si affianca la sfida conclusiva per la Coppa Rally di 3^ Zona ACI Sport, oltre alla validità per le auto storiche nel Trofeo Rally di Zona. L’evento organizzato da AC Verona e ACI Verona Sport festeggerà così 50 anni di storia dalla sua prima edizione nel 1972. Per l’occasione potrà vantare al via una flotta imponente composta da 187 concorrenti tra i migliori piloti, navigatori e vetture su asfalto di tutto il Paese, chiamati al confronto su 11 prove speciali per 121,12 chilometri cronometrati, immerse in un percorso di 424,65 chilometri complessivi.

Le strade del Due Valli sono quindi pronte ad offrire il faccia a faccia risolutivo tra Andrea Crugnola e Damiano De Tommaso per assegnare il titolo Piloti del CIAR Sparco. Tra i due varesini portacolori di ACI Team Italia la bilancia pende pesantemente a favore del primo, leader di campionato insieme a Pietro Elia Ometto sulla Citroen C3 Rally2. Crugnola infatti potrebbe laurearsi Campione d’Italia per la seconda volta già con un primo o secondo miglior tempo nella Power Stage, oppure piazzandosi al quarto posto finale per la gara dell’Assoluto. A De Tommaso, già Campione Italiano Promozione, affiancato ancora da Massimo Bizzocchi sulla Skoda Fabia Rally2, non resta altra chance che vincere tutto, sia la Power Stage che la gara del CIAR Sparco e sperare che il rivale almeno non parta forte.

Sicuramente gli altri equipaggi di vertice del tricolore Assoluto non staranno a guardare il duello per il titolo, anzi in molti avranno un’ultima occasione per chiudere al meglio il loro campionato. Tra i protagonisti più attesi ci saranno i bresciani Stefano Albertini e Danilo Fappani, secondi classificati nel precedente round in casa al Rally 1000 Miglia con la loro Skoda. Nello scontro di fine agosto erano saliti sul podio anche Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, a bordo della Hyundai i20 Rally2, vincitori della scorsa edizione del Due Valli ed ora a caccia del possibile bis, quindi della loro prima vittoria stagionale. L’ultimo appuntamento scaligero aveva portato fortuna anche a Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella, che conquistarono il loro miglior risultato in carriera con il primo podio assoluto nel tricolore e vorranno provare a ripetersi, sempre su Skoda. Proprio in Piazza Brà nella passata edizione arrivarono i festeggiamenti per la conquista del titolo CIRA Due Ruote Motrici da parte di Christopher Lucchesi e Titti Ghilardi. A dodici mesi di distanza il giovane lucchese avrà una nuova occasione per confermare la sua crescita sulle quattro ruote motrici della Skoda. L’elenco iscritti propone anche Rudy Michelini e Michele Perna con la Volkswagen Polo Rally2, ma il driver toscano sarà costretto al forfait forzato a causa della sfortunata uscita di strada accusata nel recente Rally Città di Pistoia. La compagine dell’Assoluto vede quindi la presenza dell’equipaggio di riferimento nel Femminile con Patrizia Perosino al volante e Veronica Verzoletto su Skoda.

Di seguito i comunicati stampi di alcuni dei protagonisti.

Andrea Crugnola e Movisport

Atmosfera da grand boucle, atmosfera anche tesa, atmosfera che potrà diventare di grande gioia. E’ quella che si respira e si respirerà al 50. Rally 2 Valli, per Movisport, pronta a scrivere nuove pagine di storia rallistica al round finale del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco, questo fine settimana.

I colori reggiani, dopo aver sventolato in alto con la conquista del titolo scuderie già da tempo, sono pronti di nuovo a festeggiare un titolo, quello per piloti, grazie ad Andrea Crugnola e Pietro Ometto, ad un passo dal loro secondo campionato da mettere nel palmares dopo quello del 2020. Sempre con la Citroen C3 R5, sempre con la squadra Racing Lions.

Movisport “mira” dunque nuovamente ad un obiettivo prestigioso, con Crugnola, in quello che sarà un derby tutto varesino con l’altro contendente Damiano De Tommaso: attualmente la classifica del CIAR è dominata da Crugnola, a quota 124,5 punti contro i 99 di De Tommaso, al netto del gioco degli scarti, che coinvolge le classifiche finali di ogni gara, ma non quelle dei punti extra delle “Power Stage”. Si vedrebbe il trionfo di Crugnola se andrà a prendersi i 2 punti bonus della “Power Stage” di apertura e poi o vincere il rally o al massimo arrivare secondo. In alternativa, il rivale De Tommaso non deve andare oltre il terzo tempo nella Power Stage, e se lo ottiene invece Crugnola il rivale non deve vincere la PS (in tal caso il titolo verrebbe assegnato per mezzo punto). Infine, se il pilota di Movisport va a zero punti nella Power Stage, dovrà necessariamente ottenere almeno il quarto posto finale nel Due Valli: consideriamo che Crugnola deve scartare 12 punti dal Rally di RomaCapitale, ma ne otterrebbe un numero necessario per ottenere lo scudetto 2022.

Il confronto appassionante per il titolo non mancherà di soddisfare i palati più fini, come non mancheranno di certo nel farlo sia Nikolay Gryazin che l’argentino Paulo Soria, per i quali saranno predisposte due Skoda Fabia per entrambi: per il russo quella “firmata” Erreffe Racing e per Soria vi sarà l’esemplare della Delta Rally. Gryazin, che sarà affiancato da Konstantin Aleksandrov, inseguirà il suo quarto alloro italiano in questo 2022 dopo quelli di Alba, San Marino e “Vermentino”, che potrebbero diventare un poker considerando anche il successo di WRC-2 al Rally d’Italia. La gara di Verona per Gryazin sarà un utile training su asfalto in vista del prossimo appuntamento iridato in Spagna di fine ottobre.

Per Soria, invece, fresco vincitore del Trofeo Renault Clio by TokSport nel Campionato Europeo Rally, la gara scaligera rappresenta il debutto con una vettura a trazione integrale. Al suo fianco vi sarà stavolta Axel Coronado, in quanto l’abituale secondo Der Ohannesian sarà tenuto lontano da impegni personali.

Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, con la Hyundai i20 Rally2 ufficiale cercheranno di chiudere il campionato tricolore al meglio possibile, in quella che è stata una stagione a tratti anche sofferta, dovendo trovare il miglior feeling con la vettura. Con molta probabilità Rudy Michelini a seguito dell’incidente al Rally di Pistoia di domenica scorsa sarà costretto a disertare la gara, mentre il rally scaligero sarà quello casalingo per Luca Hoelbling, stavolta in coppia con Justin Bardini su una Skoda Fabia, stessa vettura che avranno Tosi-Del Barba, in allenamento prima dell’ultima prova del Campionato IRC prevista a fine mese a Bassano.

Nell parte riservata alla Coppa di Zona saranno poi al via Denis Franchini – Mattia Righetti su una Peugeot 106.

Undici le prove speciali in programma, con partenza alle 13,45 di venerdì 7 ottobre ed arrivo alle 20,30 di sabato 8. Il totale della distanza competitiva sarà di 121,120 chilometri.

Damiano De Tommaso, Roma 2022
Damiano De Tommaso, Roma 2022

Damiano De Tommaso e Meteco Corse

I sogni finiscono all’alba. Quelli di Damiano De Tommaso e di Meteco Corse in collaborazione con Spot-Up, rimarranno vivi fino a quando l’inappellabile matematica non dirà che sono finiti. Dopo una stagione esaltante, che ha visto il giovane pilota varesino conquistare due vittorie assolute nei rally più prestigiosi della stagione (Targa Florio e Rally di Roma Capitale, quest’ultimo valido anche per il Campionato Europeo) oltre a conquistare con la massima autorevolezza il titolo Promotion, le possibilità di successo nel Campionato Italiano Assoluto Rally-Sparco per De Tommaso sono minime, ma ci sono. E a quelle si appellerà il portacolori di Meteco Corse per disputare una gara ai massimi livelli. Damiano De Tommaso, affiancato da Massimo Bizzocchi, partirà con il numero 2 sulle portiere della sua Škoda Fabia evo, tornando per la quinta volta sulle strade veronesi, in una gara che lo ha sempre visto al traguardo in ottima posizione di classifica (ad esempio ha vinto 2RM e lo Junior nel 2018)

Tris Meteco Corse per la sfida Suzuki. Saranno tre i portacolori di Meteco Corse a presentarsi al via di Verona per competere nel Trofeo della Casa di Hamamatsu. Il primo a prendere il via sarà Giorgio Fichera, con Ronny Celli al quaderno delle note, che avrà il #99 sulle portiere della sua Suzuki Swift Hybrid. Il siciliano è impegnato a mantenere la seconda piazza nella Suzuki Rally Cup ma, soprattutto, è alla ricerca di quella vittoria nel challenge della casa giapponese che in questa stagione gli è sfuggita di un soffio in più di un’occasione avendo conquistato due volte il secondo posto ed essendo salito sul podio in altri due rally. Podio di Trofeo Under 25 ormai conquistato per il giovane canavesano Alessandro Forneris che al Due Valli sarà affiancato come sempre dall’esperto Luigi Cavagnetto sulla Suzuki Swift Hybrid #103, ma ghiotta occasione per acquisire nuova esperienza su prove speciali che praticamente non ha mai disputato, essendosi ritirato nella prima speciale nella sua unica presenza nel 2018. Chiude il trittico Meteco Corse nella Suzuki Rally Cup al Due Valle l’equipaggio ligure formato da Danilo Costantino e Alessandro Parodi, al via con la Suzuki Swift 1.0 Booster Jet #112 con la quale daranno l’assalto alla vetta della speciale classifica dedicata alle Racing Start, cercando di recuperare sulle strade veronesi i sette punti che li sperano dal vertice.

Giandomenico Basso e Hyundai Rally Team

Ultimo appuntamento del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco al 40° Rally Due Valli di Verona nel week end del 7-8 ottobre. Hyundai Rally Team Italia conferma la presenza dell’ex campione italiano Giandomenico Basso in coppia con Lorenzo Granai, al volante della i20 N Rally2 gestita da Friulmotor con il numero 4.

Basso punta a chiudere la stagione con un risultato di rilievo dopo una serie di gare che non gli hanno permesso di esprimere completamente il potenziale della nuova vettura. Il 49enne di Cavaso del Tomba (Tv) e il 50enne navigatore senese, hanno collezionato due terzi posti, il primo al Rally del Ciocco (Lu) a inizio stagione e il secondo nell’ultimo appuntamento al Rally 1000 Miglia di Brescia, assieme a un quarto posto al Targa Florio (Pa), che valgono una quinta posizione nella classifica del campionato. Non hanno visto il traguardo invece al Rallye di Sanremo dopo una leggera toccata e un problema fisico, come al Rally di Roma Capitale, valevole anche per il Campionato Europeo, dove si sono dovuti ritirare per un’uscita di strada dopo aver fatto segnare tempi di rilievo.

“Sinceramente speravo di arrivare a fine stagione in una posizione migliore”, racconta Basso “ma il lavoro di sviluppo sulla vettura e il mio affiatamento con la nuova i20 N è stato più lungo del previsto. Quando poi eravamo pronti per cogliere il grande risultato c’è stato qualche mio piccolo errore che in un campionato così combattuto come quello italiano, ha condizionato il risultato finale. Sono però arrivati ottimi tempi e sono convinto che il lavoro fatto assieme agli ingegneri di Hyundai Motorsport Customer Racing, al team Friulmotor e ai tecnici di Pirelli, è ormai maturo per raccogliere i risultati che ci meritiamo. Speriamo di poterlo dimostrare al Rally Due Valli, una gara non semplice specialmente se anche il meteo sarà variabile, ma dove sono sempre riuscito a lottare per la vittoria come nel 2021 quando sono salito sul gradino più alto del podio”.

Il Rally scaligero raccoglie al via i protagonisti dei due principali campionati nazionali, il CIAR (Campionato Italiano Assoluto Rally) e il CIRA (Campionato Italiano Rally Asfalto) che correranno assieme ma con due classifiche parallele. Una vetrina importante che vede iscritti complessivamente 187 equipaggi di cui 41 al volante delle vetture Rally2, di cui tre Hyundai.

Giacomo Scattolon
Giacomo Scattolon

Giacomo Scattolon

Saranno i chilometri del Rally Terra Sarda a caratterizzare il fine settimana agonistico di Giacomo Scattolon. Il pilota di Voghera cercherà un risultato di spessore sull’asfalto della provincia di Sassari, teatro di un confronto che proporrà ai suoi interpreti la possibilità di accedere alla Finale Nazionale Coppa Italia Aci Sport. Un impegno che l’alfiere della scuderia Movisport affronterà con la consapevolezza di poter far leva sulle buone sensazioni destate dall’utilizzo della Skoda Fabia Rally2 “gommata” Pirelli messa a disposizione da Erreffe Rally Team. Affiancato da Giovanni Bernacchini, il driver pavese – portacolori di Aci Team Italia – porrà come obiettivo primario la vittoria della classe Rally2, assecondato dal confronto con interpreti di respiro internazionale.

Una cornice di spessore, quella garantita dall’appuntamento isolano, con il “Villaggio Rally Mirtò” pronto a confermarsi importante veicolo promozionale per i partner commerciali legati al motorsport. Un vero e proprio debutto, quello di Giacomo Scattolon sulle strade della Sardegna, contesto che potrebbe garantirgli un risultato in linea con le aspettative ed il conseguente “ticket” per il Rally del Lazio, Finale Nazionale di Coppa Italia. Il Rally Terra Sarda, appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona 9 e per il TER – Tour European Rally – coinvolgerà la Gallura con settantatre chilometri di prove speciali, sei distinte da ripetersi per un totale di undici passaggi cronometrati, con partenza da Tempio Pausania alle ore 14.30 di sabato e con l’arrivo previsto l’indomani, nella suggestiva cornice del Molo Vecchio di Porto Cervo. I riflettori saranno puntati su Porto Cervo a partire dalla serata di venerdì, con la presentazione degli equipaggi protagonisti del confronto.

Casella-Siragusano, Rally 1000 Miglia
Casella-Siragusano, Rally 1000 Miglia

CIR Junior e Casella

Si deciderà all’ultima gara il Campionato Italiano Assoluto Rally Junior, edizione 2022: lo scenario sarà quello della provincia di Verona con la 40^ edizione del Rally due Valli

Alessandro Casella e Rosario Siragusano partono da leader del campionato, ma sono ben quattro gli equipaggi ACI Team Italia ancora in lotta per il titolo.

La fortunata serie, fortemente promossa dalla federazione, è giunta all’epilogo dopo cinque combattutissimi round che hanno visto l’equipaggio messinese, fra le Renault Clio dello Junior, primeggiare al Rally di Sanremo e al Rally Roma Capitale.

I due portacolori della CST Sport arrivano da un weekend di allenamento veramente impegnativo e assolutamente di buon viatico con risultati di grande rilievo per entrambi al 7°Tindari Rally. Casella è addirittura salito sul podio assoluto, alla guida di una Peugeot 208 Rally 4, chiudendo la sua ottima performance davanti proprio al suo abituale navigatore per l’occasione ha anche lui al volante, di una Renault Clio super 1600.

-“Siamo alla resa dei conti – ha commentato il giovane driver di Piraino – di questa annata fantastica. Il livello degli equipaggi dello Junior è stato elevatissimo e c’è stato molto equilibrio al punto che siamo in quattro a giocarci il titolo. Rosario ed io abbiamo fatto di tutto per arrivare in vetta alla classifica di campionato prima dell’ultima gara e ci siamo riusciti vincendo per altro in due occasioni. Il Rally Due Valli sarà decisivo in questo weekend, su un terreno che reputo a noi congeniale”-.

Siragusano, esperto navigatore pattese ha commentato: –”Puntiamo dritti al successo dal momento che in una situazione di classifica come quella che si è venuta a creare non è possibile fare conti. Le vetture, trattandosi di un monomarca sono tutte uguali, le Renault Clio Rally5 del team Motorsport Italia, gommate Pirelli e tutti siamo supportati direttamente dalla Federazione, ACI Team Italia: siamo obbligati a cercare la vittoria”-.

Luca Hoelbling
Luca Hoelbling

Luca Hoelbling

Luca Hoelbling torna al via nella gara di casa, il 40° Rally Due Valli in programma dal 6 all’8 ottobre a Verona e dintorni. L’evento, ultimo atto del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco, vedrà il pilota veronese confrontarsi con i migliori piloti d’Italia sulle strade che lo hanno visto iniziare la carriera da pilota e che in svariate occasioni gli hanno riservato sorprese e soddisfazioni.

Per questa sua diciottesima apparizione al rally di Verona, Hoelbling tornerà al volante della Skoda Fabia Rally2 Evo #20 preparata da Munaretto Sport sempre per i colori della Scuderia Movisport. Al suo fianco il navigatore vicentino Justin Bardini, in sostituzione all’amico Federico Fiorini, in fase di ripresa dopo un pesante infortunio che lo ha costretto lontano dall’abitacolo per questa occasione.

La gara sarà un Due Valli che torna ad un chilometraggio importante, oltre 120 chilometri cronometrati, e con prove speciali di lunga tradizione e dall’alto livello tecnico. La doppia validità sia come CIAR Sparco che come Campionato Italiano Rally Asfalto ha innalzato in modo considerevole la quantità e la qualità degli iscritti e proprio per questo motivo l’obiettivo per Hoelbling sarà quello di ben figurare cercando un’inserimento nella top ten. Lo scorso anno chiuse terzo la gara valida per la Coppa di Zona, mentre nel 2020 fu terzo proprio tra i piloti iscritti all’allora CIWRC.

Il 40° Rally Due Valli, che festeggia i primi 50 anni di questa manifestazione che vide le sue origini nel marzo del 1972, scatterà venerdì alle 13:45 dal Parco Assistenza allestito al Parcheggio C dello Stadio Bentegodi e transiterà da Piazza Bra per il cerimoniale di partenza. La prima tappa prevede tre speciali: “Mezzane di Sotto – Up Rent”, prova spettacolo di poco più di due chilometri che verrà trasmessa in diretta TV, e un doppio passaggio sulla “San Francesco – Tomasi Auto” prova classica che, come non accadeva dal 2009, tornerà a portare il Due Valli su una vera prova in notturna dato che il secondo passaggio scatterà alle 21:57.

Sabato la tappa più lunga con due passaggi sulle prove di “Moruri – Up Rent”, “Marcemigo – Banca Valsabbina”, “Vestenavecchia – Aleph” e “Ca’ del Diaolo – Cubi”. I concorrenti faranno ritorno a Verona dopo le prime quattro prove per il riordino e l’assistenza, mentre a metà della mattinata e del pomeriggio si fermeranno a Badia Calavena per un altro riordino. L’arrivo, in Piazza Bra, è previsto dalle 20:30 di sabato sera, in un contesto scenico unico al mondo.

“Correre al Due Valli ovviamente ha un sapore tutto particolare, qui ci sono i miei amici, la mia famiglia quindi il supporto ed il sostegno sono come in nessun’altra parte del mondo. La gara quest’anno sarà tosta e anche se devo riconoscere si tratti di uno dei più bei percorsi degli ultimi anni, è chiaro che con questo parterre di avversari sarà molto difficile battagliare per le primissime posizioni, ma ce la metteremo tutta per ottenere un buon risultato. Abbiamo svolto un test positivo oggi quindi ci sono tutti i presupposti per divertirsi, che è sempre il nonstro primo obiettivo. Un grande abbraccio a Federico Fiorini, che ci sosterrà come tifoso numero uno, nell’attesa di riaverlo in abitacolo presto”.

Giuseppe Testa in azione
Giuseppe Testa in azione

Giuseppe Testa

Dopo l’esaltante recupero e la conquista del podio nello scorso rally di San Martino di Castrozza, il top driver della Promox Giuseppe Testa si prepara ad affrontare la sfida del blasonato Rally Due Valli, sesta gara del CIRA 2022 (il campionato italiano rally asfalto). La kermesse veneta sarà anche gara valida per il CIAR (Campionato Italiano Assoluto Rally 2022 Sparco) e dunque vedrà la presenza dei big del rally nazionale e internazionale.

Questo potrà essere ulteriore elemento motivante il pilota molisano, che questa volta avrà alle note l’esperto copilota Emanuele Inglesi, a bordo della performante Skoda Fabia R5 Evo.

Dunque, gara topica per il talentuoso Testa, che punterà a consolidare ulteriormente la vetta conquistata nella classifica del Rally Cup Michelin 2022, e movimentare in alto la posizione nella classifica del Cira 2022, che oggi lo vede quinto assoluto tra i conduttori e terzo tra le R5.

La partenza della gara è prevista per venerdì 7 ottobre alle 14 dallo stadio Bentegodi di Verona, alla volta delle 11 prove speciali (Mezzane di Sotto, San Francesco, Moruri, Marcemigo, Vestena Vecchia, Cà del Diavolo) per un totale di oltre 121 km cronometrati. La premiazione è prevista nella serata del giorno successivo, sabato 8 ottobre, a Piazza Bra di Verona.

Sarà sempre la scuderia Ro Racing a curare la gestione sportiva dell’equipaggio Promox e la Delta Rally a fornire la vettura e a supportarla tecnicamente. Perché, da parte sua, Testa proverà a farsi valere anche tra i tornanti scaligeri.

Rudy Michelini
Rudy Michelini

Rudy Michelini

Passa per il 50° Rally Due Valli di Verona il sesto e penultimo appuntamento della Michelin Rally Cup 2022 che vedrà impegnati sugli asfalti delle colline scaligere quattro partecipanti alla Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand.

Occhi puntati sul binomio Giuseppe Testa-Emanuele Inglesi che avranno il numero dieci sulle fiancate della loro Škoda Fabia evo curata da Riccardo Cappato. Il molisano guida autorevolmente la classifica della Michelin Rally Cup, grazie ai tre successi conseguiti nelle quattro gare cui ha partecipato e, in Piazza Bra a Verona potrebbe chiudere la partita se riuscirà a essere il migliore fra i partecipanti al Challenge del Bibendum. Per Testa si tratta di un ritorno sulle speciali veronesi dopo otto anni, ma nelle precedenti due occasioni ottenne sempre risultati positivi salendo sempre a podio di categoria.

Sono ridotte a un lumicino le speranze di vittoria nella Michelin Rally Cup di Andrea Carella, a Verona affiancato da Manuel Fenoli sulla Škoda Fabia evo #11 di MS Munaretto. Se è vero che la speranza è ultima a morire, il piacentino, oltre a dare la caccia a punti importanti per la Coppa, è anche alla ricerca di un risultato che dia valore alla sua stagione, partita nel migliore dei modi con la vittoria all’Isola d’Elba e proseguita fra chiaro-scuri nelle successive gare dell’annata. Dopo la grandissima gara di San Martino di Castrozza i liguri Francesco Aragno e Andrea Segir sono chiamati a confermare con la loro Škoda Fabia evo #14 quanto fatto di buono in Trentino, con l’obiettivo di superare l’assente Ferrarotti, per salire sul podio della classifica della Michelin Rally Cup.Chiude il poker dei concorrenti iscritti al Rally Due Valli della Coppa Michelin Stefano Liburdi che condividerà con Matteo Cipriani la sua Hyundai i20, qui con il #15 sulle portiere, curata da Friulmotors, cercando di ripetere l’ottimo risultato ottenuto su queste strade nel 2020 quando fu secondo fra i partecipanti della Michelin Rally Cup.

Suzuki Rally Cup

Questo fine settimana la quindicesima edizione della Suzuki Rally Cup affronterà il suo penultimo appuntamento stagionale sugli asfalti del 40° Rally Due Valli. La gara veronese sarà teatro dell’atto finale del CIAR Sparco, valido anche per il Campionato italiano Rally Asfalto (CIRA), la Coppa Rally di 3^ Zona ed il Trofeo di 2^Zona riservato alle vetture storiche.

Nonostante l’edizione 2022 del trofeo Suzuki sia già nelle mani di Matteo Giordano e Manuela Siragusa, la coppia cuneese, sulla Suzuki Swift Sport Hybrid della Scuderia Alma Racing non mancherà gli ultimi due round in programma, il “Due Valli” e sulla terra del “Rally delle Marche” a Novembre. I campioni italiani R1 intanto apriranno le danze tra le sedici Suzuki Swift R1 in gara a Verona per il monomarca del marchio giapponese.

Attesi i duelli tra i diversi pretendenti alla piazza argento. Primo fra tutti il catanese Giorgio Fichera (100pt) alla sua quarta volta a Verona, dopo un’ottima prova a Brescia vorrà consolidare il secondo posto, navigato da Ronny Celli sulla Swift Hybrid della Meteco Corse. Terzo in classifica tra vetture ibride pronto anche l’Under Igor Iani (85pt) navigato come sempre da Nicola Puliani. Il giovane ossolano dovrà però guardarsi dal vicinissimo Roberto Pellè (84pt) dietro di un solo punto. Il portacolori della Destra 4 Srl insieme a Giulia Luraschi tornerà sulle prove dove ottenne la vittoria di classe RST10 nell’edizione 2020. Nel parterre delle Hybrid anche il giovane pisano Gianandrea Gherardi (57pt) stavolta con Franco Nannetti sempre con i colori della Jolly Racing Team e subito fuori la top five del monomarca. Rientrerà anche l’altro “junior” Alessandro Forneris con Luigi Cavagnetto, altro alfiere della Meteco Corse sempre su Hybrid.

Corposa e tutta da seguire la lotta per la categoria Racing Start. Rientrerà infatti come da programmi il leader attuale Stefano Martinelli, con 77 punti dalla sua e, un quinto assoluto nella classifica piloti che lo candida a protagonista in gara anche a Verona. Il pilota di Barga insieme a Fabio Menchini vorrà sicuramente chiudere i conti contro gli avversari Danilo Costantino con Alessandro Parodi dietro di 7 punti e Cristian Mantoet con Roberto Simioni, alla sua terza partecipazione sulle prove di casa, e attualmente a quota 63 punti. Ma attenziona anche nel gruppo RS ai giovani Massimiliano e Marco Milivinti, recenti vincitori della categoria al Rally 1000 Miglia. Start su Boosterjet anche per Lorenzo Olivieri con Nicolò Barla e per Luca Villardi affiancato Francesco Berdin. Esordio Suzuki per il 19enne Stefano Vitali che dividerà l’abitacolo con il papà Maurizio sulla Swift 1.0 Boosterjet, al suo terzo rally in assoluto, sarà un nome da seguire per l’edizione 2023 del Suzuki Rally Cup. Prima volta e voglia di far bene questo fine settimana per il piemontese Marcello Sterpone navigato dall’esperta Giancarla Guzzi sulla Swift griffata A.s.d.Alma Racing. Non mancheranno anche le Swift Sport 1600 di Marco Longo con Roberto Rivia e del siciliano Sergio Denaro navigato da Sonia Dal Dosso.

Nelle migliori edicole dall’11 ottobre

Copertina ottobre 2022