Serbatoio di sicurezza

Serbatoi di sicurezza: si salvano solo le storiche

Sono tantissime le vetture che corrono in Italia prive di serbatoi di sicurezza e chi ci corre sostiene che sono sicure, qualcuno sostiene che sono persino più sicure senza il serbatoio di sicurezza. Ma da quello che abbiamo appurato, il maggior problema è la spesa, i costi del pezzo e il montaggio, oltre ovviamente alla difficile reperibilità.

Il mese di dicembre del 2021 aveva portato tante novità regolamentari per la stagione 2022 e, in alcuni casi, anche cambiamenti radicali sia da un punto di vista delle abitudini sportive sia da un punto di vista della sicurezza delle vetture. Tra queste news ce n’era una molto discussa dalla base, la avevamo anticipata qui, che non vuole più auto da rally prive di serbatoi di sicurezza a partire dal 1° gennaio 2023, senza se e senza ma. Questa presa di posizione federale, che altro non è che il recepimento di norme FIA, ma aveva sollevato e nelle ultime ore sta di nuovo sollevando diverse lamentele.

Sono tantissime le vetture che corrono in Italia prive di serbatoi di sicurezza e chi ci corre sostiene che sono sicure, qualcuno sostiene che sono persino più sicure senza il serbatoio di sicurezza. Ma da quello che abbiamo appurato, il maggior problema è la spesa, i costi del pezzo e il montaggio, oltre ovviamente alla difficile reperibilità.

Quando la federazione aveva deciso di varare la norma relativa ai serbatoi di sicurezza, avevamo ricevuto decine di mail e messaggi di appassionati arrabbiati. In ogni caso, Aci Sport aveva deciso di andare diritta e poche ore prima della vigilia di Natale aveva precisato ulteriormente la questione “serbatoi di sicurezza e auto da corsa” ed aveva escluso solamente le auto storiche (come avevamo segnalato, sarebbe stato più che difficile, forse addirittura artistico, mettere il serbatoio di sicurezza ad una Porsche 911 o ad una Lancia Rally 037).

“Sulla base dei dettami della FIA, la giunta sportiva ha deliberato di adottare a partire dal 1/01/2023 tutta la documentazione tecnica relativa ai serbatoi di sicurezza conforme alle specifiche FT3-1999, FT3.5-1999 o FT5-1999 (rif. Allegato J art. 253.14). Ad esclusione delle auto storiche, la normativa è da attribuire a tutte le vetture rally, velocità su pista, salita e slalom che entro il 31/12/2022 dovranno provvedere ad adattarsi alle richieste provenienti dalla Federazione Internazionale dell’Automobile”.

La data è stata scelta appositamente per dare modo a tutti gli stakeholders di conformarsi alle specifiche sopracitate.

Ogni serbatoio dovrà essere provvisto di marcatura avente le seguenti indicazioni:

  • Nome della norma FIA
  • Numero di omologazione FIA
  • Nome del produttore
  • Numero di serie
  • Data di fine validità

Non sono autorizzati serbatoi utilizzati per più di cinque anni a partire dalla loro data di produzione, con l’unica eccezione che questi siano stati verificati e certificati nuovamente dal produttore per un periodo supplementare non superiore ai due anni.

In data 4 ottobre 2022, Aci Sport ha ribadito senza sé e senza ma la direttiva dei serbatoi di sicurezza con un’ulteriore nota: “Dal 1/1/2023 tutte le vetture partecipanti alle gare di rally, velocità in circuito, salita, slalom dovranno essere equipaggiate con un serbatoio di sicurezza conforme alle specifiche FT3- 1999, FT3.5-1999 o FT5-1999 (rif. Allegato J art. 253.14)”.

Nelle migliori edicole dall’11 ottobre

Copertina ottobre 2022