Articoli

Audi quattro: festa per una splendida quarantenne

Ha compiuto 40 anni il 3 marzo 2020, l’Audi quattro, auto da strada e da corsa, realizzata dalla Casa tedesca, parte del Gruppo Volkswagen, che ha avuto il merito di rivoluzionare la filosofia dei rally. Il velo da sopra la carrozzeria le fu sollevato per la prima volta al Motor Show di Ginevra del 1980.

Era il 3 marzo e fu prodotta fino al 1991. Il nome della campionessa del mondo rally che ha fatto sognare milioni di fans di epoche diverse in tutto il mondo, nasce con la lettera iniziale minuscola: quattro.

Il nome deriva esattamente dalla parola italiana quattro, dove il termine si riferisce al sistema a quattro ruote motrici, anche se, vista l’evoluzione che c’è stata da allora, la trazione UR-Quattro (dove UR significa “primordiale”, “originale” o “primo nel suo genere”) calza ogni modello Audi 4×4.

Il papà della quattro fu l’ingegnere Audi Jorg Bensinger. L’Audi Quattro è la prima vettura da rally a sfruttare le regole recentemente modificate che introducevano l’uso della trazione integrale nelle corse su strada. Ha vinto due titoli consecutivi nel Mondiale Rally, dove ha avuto comunque vita facile all’inizio, considerato che la sua più evoluta rivale era la Lancia Rally 037, Gruppo B a due ruote motrici.

Per commemorare i successi nei rally, anche le vetture della produzione di serie che adottavano questo sistema di trazione integrale sono state rinominate quattro con una lettera “q” minuscola. L’Audi quattro, denominata internamente Typ 85 , un codice di serie che ha condiviso con le versioni quattro di Audi Coupé, ha tanto della versione coupé dell’Audi 80 (B2).

I suoi caratteristici passaruota svasati sono stati disegnati da Martin Smith. Una delle sue più apprezzate peculiarità
erano le sospensioni anteriori e posteriori indipendenti. L’Audi quattro ha esordito nel motorsport all’inizio del 1981, in occasione dello Janner Rallye in Austria, anche se la si era potuta ammirare già in Portogallo nel 1980, dove aveva fatto una gara test al Rally dell’Algarve, che ammetteva i prototipi.

Infatti, nel 1979 i vertici Audi invitarono il campione finlandese Hannu Mikkola a provare un prototipo della vettura: lo scandinavo rimase così colpito dal potenziale che decise di rinunciare al contratto già firmato per il 1980 con Ford per abbracciare il progetto della Casa di Ingolstadt.

Da quel bellissimo test al Rally di MonteCarlo

La discesa in campo fu la gara test in Portogallo, Rally dell’Algarve, con Mikkola e poi debutto ufficiale di ben due vetture, iscritte in Gruppo 4 (i Gruppi B, A ed N fanno la loro comparsa nel 1982) al Rally di MonteCarlo 1981. Al volante della prima Audi c’era il pilota finlandese, mentre la
seconda quattro era guidata dalla francese Michèle Mouton con a fianco la torinese Fabrizia Pons.

Fu una rivoluzione. L’inizio di una nuova era. I primi anni Ottanta, vedevano in lizza vetture di impostazione tradizionale (motore anteriore e trazione posteriore) i cui esempi più evidenti erano Fiat 131 Abarth, Ford Escort RS1800 e Opel Ascona 400 accanto a una “tutto-dietro” come la Porsche 911 e alla Lancia Stratos, ormai in fase declinante, con il motore in posizione centrale.

La trazione integrale e il turbocompressore (fino a quel momento utilizzato nei rally solo dalla Saab 99 Turbo) furono le più importanti novità introdotte dai tedeschi. Da allora, il sistema di trazione integrale progettato dalla Casa di Ingolstadt ha rivoluzionato il mondo dei rally e delle competizioni in generale. L’immagine dell’Audi quattro fu scalfita solo dalla Lancia Delta S4, che però arrivo solo nel novembre del 1985, con debutto al RAC.

Tornando al periodo che precede l’arrivo della Delta S4, nel 1982, Audi ha conquistato il titolo Costruttori nel Mondiale Rally, mentre nel 1983 il finlandese Hannu Mikkola ha scalato la classifica Piloti. Al termine della stagione 1984, Audi ha fatto propri entrambi i titoli: lo svedese Stig Blomqvist si è laureato campione del mondo al volante della Sport quattro a passo corto, seguita nel 1985 dalla Sport quattro S1 da 476 cavalli.

Nel 1987, Walter Rohrl (di cui parliamo nelle pagine successive) ha vinto negli USA la Pikes Peak, la cronoscalata più celebre al mondo, guidando una S1 appositamente preparata. Negli anni successivi, Audi si è dedicata al Motorsport soprattutto nelle categorie Turismo. Nel 1988, ha conquistato il titolo costruttori e piloti con l’Audi 200 nella serie americana Trans Am, mentre l’anno successivo ha partecipato con successo alla serie IMSA GTO.

Nel 1990 e nel 1991, Audi ha corso nel Campionato Tedesco Turismo con la V8 quattro DTM, conquistando due titoli piloti consecutivi. Nel 1996, la A4 quattro Super Touring ha partecipato a sette campionati nazionali, vincendoli tutti. Due anni dopo, i regolamenti europei hanno bandito la trazione integrale dalle gare Turismo.

Nel 2012, una Audi a quattro ruote motrici è tornata a competere in pista. Si trattava dell’Audi R18 e-tron quattro a tecnologia ibrida. Il motore V6 TDI muoveva le ruote posteriori, mentre all’avantreno agiva la propulsione elettrica. I risultati furono eclatanti: tre vittorie consecutive alla 24Ore di Le Mans e due titoli piloti e costruttori nel FIA World Endurance Championship (WEC).

Questo è un contenuto premium. Continua la tua lettura sul giornale. Scarica l’app o accedi da PC, abbonati e immergiti nella tua più grande passione

Quanto costa abbonarsi ad RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito
  • Le nostre app sono gratuite
  • Dopo aver effettuato la registrazione (clicca qui), ci si potrà abbonare

Si avranno tre opzioni di acquisto, che riportiamo di seguito:

  • La singola copia di RS a 2 euro
  • L’abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) a 25 euro*
  • L’abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) a 60 euro*

Si può scegliere se leggere il giornale sul PC o su smartphone e tablet (tramite l’apposita app di Android e IOS) o se farsi leggere gli articoli, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento.

Janis Baumanis lascia la Ford e per l’Audi S1

Janis Baumanis guiderà un’Audi S1 ​​nel Mondiale Rallycross 2020, passando al KYB Team JC. Il lettone farà squadra con il campione in carica della Supercar europea Robin Larsson. “Sono entusiasta di una nuova stagione con un team completamente nuovo”, ha detto Janis Baumanis.

“Lo scorso anno JC Raceteknik e Robin hanno dimostrato di avere un buon ritmo nell’Euro RX, quindi quest’anno penso che saremo ancora più forti con due vetture nel World RX. Non vedo l’ora di iniziare e testare le ultime specifiche EKS Audi con gli ultimi ammortizzatori di KYB”.

“Robin conosce la macchina meglio di me, ma spero di poter essere il più vicino possibile al suo ritmo”. Baumanis, campione europeo S1600 nel 2015, corre nel World RX a tempo pieno dal 2016, prima con il MJP Racing Team Austria, e poi con STARD per le ultime tre stagioni.

“Le mie precedenti stagioni nel Mondiale RX sono state piuttosto difficili”, ha detto. “Dopo quattro anni alla guida di una Ford, sono entusiasta di cambiare e credo che quello dell’Audi sarà un grande passo, piuttosto impegnativo per me. Durante le prime gare ci sarà ovviamente maggiore attenzione. Certo, il sogno è vincere”. La stagione doveva inizierà il 16-17 maggio a Spa-Francorchamps, in Belgio. Ma probabilmente non inizierà in quella data.

Christof Klausner distrugge la sua Audi Quattro (VIDEO)

Christof Klausner distrugge la sua Audi Quattro in un incidente durante lo shakedown dell’austriaco Janner Rallye. Il generoso pilota è da sempre noto per essere molto spettacolare ed molto atteso dal pubblico e ben voluto dagli organizzatori italiani, come quelli di Rallylegend, per via della sua guida divertente, che non lesina mai spettacolo.

Christof Klausner avrebbe dovuto partecipare alla sezione Classic dell’appuntamento che inaugura il calendario rallystico 2020, una delle gare più importanti nella tradizione della gara austriaca, il Janner Rallye, giunto quest’anno alla sua edizione numero 53 e previsto dal 3 al 5 gennaio.

Quest’anno, a causa del clima ormai “impazzito”, i partecipanti della gara non hanno trovato la neve, come invece capita di solito in questo periodo e in particolare in questi luoghi. Come conseguenza inevitabile c’è stato un innalzamento delle velocità e Christof Klausner è stato tradito dalla voglia di divertirsi e divertire.