,

WRC: 18 gli italiani al via, 8 i sardi puntano al Mondialeddu

rally italia sardegna

In diciotto alla sfida “granitica” del Sardegna, tra conferme, volti nuovi e i locali che sognano il “Mondialeddu”

Saranno diciotto (su 74 totali) gli equipaggi italiani al via del Rally Italia Sardegna, un numero in leggera crescita (+ 3 rispetto al 2022), ma comunque molto lontano dai numeri di locals che fanno segnare gare come ad esempio il Portogallo, c’è però da sottolineare che la gara lusitana ha validità anche per il Campionato Portoghese assoluto e per il due ruote motrici. Ma andiamo a scoprire chi sono gli equipaggi “azzurri”, che proveranno a tenere alta la bandiera tricolore in Sardegna, in un fine settimana che si annuncia durissimo.

La nostra guida al Rally Italia Sardegna, invece, la trovi qui.

#47 Mauro Miele – Luca Beltrame (Skoda Fabia RS rally2) -WRC2 + WRC2 Challenge + WRC Masters

Terza partecipazione in Sardegna per Mauro Miele, mentre per il suo co-driver Luca Beltrame si tratta del gettone numero cinque. Il campione del mondo in carica WRC2 Masters in questo 2022 ha collezionato un podio al Montecarlo (2° di Masters) e due sfortunati ritiri in Svezia e Croazia. La Sardegna sarà un crocevia fondamentale per l’equipaggio “tricolore”, come ci spiega Luca Beltrame.

“Il RIS come da tradizione si annuncia molto difficile e insidioso, quest’anno (forse) il clima sarà dalla nostra parte, visto che per il fine settimana della gara sono annunciate temperature non eccessivamente torride. La gara torna a Olbia nella sua totalità è questo aiuta molto nella logistica, in quanto non ci sarà la partenza da Alghero. La prova sicuramente principe sarà la Monte Lerno da quasi 50 chilometri, che sarà ripetuta per due volte nel venerdì, il passo su questa speciale sarà fondamentale. Il RIS è una gara dove alla velocità bisogna unire la sostanza perché le insidie sono sempre dietro l’angolo, inoltre le speciale tendono a scavarsi molto, inoltre in caso di maltempo le strade tendono a rovinarsi molto. Per noi la Sardegna sarà una gara fondamentale per poterci rilanciare in ottica campionato, visto che arriviamo dai due ritiri in Svezia per uscita di strade e in Croazia per un problema alla pompa della benzina”

#56 Giuseppe Dettori – Carlo Pisano (Skoda Fabia R5) – WRC2 + WRC2 Challenge + Mondialeddu

Gettone numero tredici al RIS per Giuseppe Dettori e Carlo Pisano, che tornano a correre la prova iridata dopo alcuni anni di assenza. L’ultima presenza al RIS dell’equipaggio del Team Autoservice Sport, risale al 2019, gara conclusa anzitempo a causa di un ritiro per noie meccaniche alla Skoda Fabia R5. Entusiasta del ritorno sulle strade del WRC, l’esperto navigatore Carlo Pisano, che ha commentato così la loro partecipazione al RIS’23

“Tornare a correre il WRC è un’emozione diversa, passami il termine, visto che mancavamo dal Sardegna dal 2019. Nelle ultime stagione il nostro focus si era spostato sul Campionato Italiano Terra, è correndo queste gare un pò di entusiasmo l’avevo perso. Non sopporto di star fuori quattro giorni per far più chilometri in un test che in gara, non sopporto che ha causa di una sbavatura alla guida oppure di un’errata scelta di pneumatici la gara sia compromessa, forse perché sono uno delle vecchia guardia, ma per me i rally sono ben altro. Il RIS è un rally invece, ed essere al via mi emoziona per via di un mix di prove diverse tra loro per caratteriste e chilometraggi, la Lerno da cinquanta chilometri è un qualcosa di stupendo. I rally sono un’avventura, anche in questo caso stiamo cercando di prepare la gara al meglio, la novità riguarda che affronteremmo la gara con il team Erreffe. Abbiamo svolto un test da poco con loro, abbiamo trovato un team altamente professionale, molto preparato e un ambiente famigliare che ci ha colpito molto. Che dire, vi aspettiamo a Olbia e sulle speciali”.

#57 Matteo Gamba – Nicolo’ Gonnela (Skoda Fabia rally2 evo) – WRC2 + WRC2 Challenge

Prima esperienza in Sardegna per il forte pilota bergamasco, che in carriera vanta sette gettoni nelle gare del WRC con miglior risultato uno storico nono posto assoluto al Montecarlo 2014 al volante della Peugeot 207 S2000. Per Nicolò Gonnella. si tratterà della presenza numero quattro, la prima al volante di una vettura della classe Rally2/RC2.

#58 Nicola Tali – Massimiliano Frau (Skoda Fabia rally2 evo) – WRC2 + WRC2 Challenge + Mondialeddu

Per l’equipaggio “made in Arzachena” si tratta delle presenza numero due al RIS. Per Tali si tratta di un ritorno dopo diciotto edizioni di assenza, l’ex campione italiano terra 2wd mancava dalle strade del Sardegna al lontano 2006, mentre Massimiliano Frau aveva disputato la prova iridata nel 2019. Proprio con il co-driver di Arzachena, abbiamo parlato alla vigilia della gara:

“Il 2023 per me è una stagione molto bella e importante. La stagione è cominciata diciamo bene al Val D’Orcia dove abbiamo chiuso nella top ten, mentre causa cancellazioni in corsa non abbiamo potuto disputare né il Valtiberina, né l’Adriatico. Per me sarà la seconda presenza al RIS, sono emozionato di tornare a correre sulle strade del Mondiale. Stiamo preparando la gara al meglio, il nostro obbiettivo è quello di divertirci e di portare la vettura al traguardo”.

#59 Pablo Biolghini – Stefano Pudda (Skoda Fabia rally2 evo) – WRC2 + WRC2 Challenge

Altro equipaggio ormai habitué del RIS, quello formato dal lombardo Pablo Biolghini e Stefano Pudda. Gettone numero sette al RIS per Biolghini, mentre sarà la quinta presenza per il navigatore di Padru, che in carriera può vantare un piccolo record, infatti è l’unico pilota sardo ad aver conquistato un punto nel WRC2. Con Stefano abbiamo parlato della vigilia di questo RIS.

“Correre una gara del WRC è sempre molto emozionante, ogni anno ci son sempre novità a livello regolamentare e bisogna sempre stare sul pezzo. Sarà il mio quinto RIS, tutti corsi assieme a Pablo. Quest’anno per me sarà un’emozione ancora più grande, se penso che nel 2004 son andato alle 4 di mattina in prova a Tantarilles, che poi è la prova di casa mia in tutti i sensi e quest’anno a distanza di vent’anni mi ritrovo a percorrerla in tuta e casco è veramente un’emozione particolare. Questo ti fa pensare che non bisogna mai smettere di sognare, nella vita bisogna avere sempre determinazione e fortuna per le cose che si fanno. La tensione si scioglie subito dopo la partenza è lascia spazio ad un altro mix di emozioni e sensazioni uniche, son felicissimo di partecipare. Il venerdì si annuncia durissimo, soprattutto per via della speciale di 50 chilometri. Il meteo in questa edizione potrebbe essere la grande incognita, da parte nostra speriamo nel sole in maniera tale che sia noi che siamo in gara, che i tanti spettatori possano divertirsi. Ringrazio la mia famiglia che è sempre al mio fianco, gli sponsor che credono in noi e la mia scuderia, il Team Autoservice Sport”.


#60 Maurizio Morato – Andrea Dal Maso (Skoda Fabia R5) – WRC2 + WRC2 Challenge

Terzo presenza al RIS per Maurizio Morato, il driver veneto aveva già disputato il Rally Italia Sardegna nel 2020 e nel 2021. Mentre per il 24enne Andrea Del Maso, si tratterà del debutto assoluto sulle strade iridate del nord Sardegna e la prima assoluta in una gara su fondo sterrato.

#61 Carlo Covi – Andrea Budoia (Skoda Fabia rally2 evo) – WRC2 + WRC2 Challenge

Dodicesima presenza in Sardegna per Carlo Covi, diventata ormai una presenza fissa della gara isolana. Il pilota veneto, aveva debuttato al RIS nel 2010 (anno in cui la gara valeva per l’IRC) è da lì in poi è sempre stato presente, ad eccezione dell’edizione 2015. Terza presenza, invece, per Andrea Budoia.

#62 Francesco Tali – Chiara Corso (Ford Fiesta rally2) – WRC2 + WRC2 Challenge + Mondialeddu

Quarta presenza sulle strade del RIS per l’arzachenese Francesco Tali. Il pilota MRC Sport, lo scorso anno si era tolto la grande soddisfazione di portare a casa l’ambito Mondialeddu, trofeo riservato al migliore equipaggio sardo. Al suo fianco ci sarà l’esperta Chiara Corso, co-driver di grande esperienza, per la 39enne sarà la seconda presenza in Sardegna, dopo quella del 2007.

#76 Francesco Marrone – Francesco Fresu (Peugeot 208T16 R5) – Mondialeddu

Non ci può essere RIS, senza Francesco Marrone. Il poliedrico pilota di Buddusò, festeggia in questo 2023 le venti presenze al RIS, unico pilota ad essere sempre stato presente a tutte le edizioni del rally. Al suo fianco ci sarà Francesco Fresu, esperto navigatore di Berchidda, che ci racconta le sue emozioni alla vigilia della gara

“Ci siamo quasi, pochi giorni è sarà tempo di RIS. Per noi la parte più emozionante sarà il poter festeggiare le venti presenze di Francesco al RIS, questo ci riempie di gioia e orgoglio. Per me sarà la dodicesima presenza, questo mi rende felice e molto emozionato. Il nostro obbiettivo è quello di provare a finire la gara, senza ricorrere al super-rally, la gara è veramente molto difficile e tosta, le prove sono tutte molto insidiose è ricche di insidie. Da parte nostra siamo orgogliosi di poter correre la gara di casa è di tenere alta la bandiera dei Quattro Mori”.

#77 Giuseppe Pozzo – Paolo Cottu (Skoda Fabia rally2 evo)

Sesta presenza in Sardegna per Giuseppe Pozzo, dopo quelle del 2014, 2017, 2018, 2020 e 2021. Mentre per Paolo Cottu, uno dei decani delle note in Sardegna si tratterà della presenza numero undici. Proprio col navigatore di Nuoro, abbiamo parlato alla vigilia della gara

“Che dire, anche quest’anno “IL SOGNO ” di partecipare al RIS si avvera. Per la 11° volta sarò presente allo start con il mio grande amico /Gentleman Driver Giuseppe Pozzo, il quale mi ha voluto nuovamente al suo fianco per questa emozionante gara a bordo di una Fabia rally2 preparata dal Team Erreffe. Per quanto mi riguarda un rally reso ancora più emozionante per la presenza nella entry- list di mia figlia Veronica anche lei ancora presente allo start e quindi saremo gli unici Nuoresi, a rappresentare con orgoglio la nostra città, con l’obiettivo di arrivare al traguardo la domenica pomeriggio nella splendida cornice di Olbia Per quanto riguarda i ringraziamenti , in primis il mio pilota , poi il Team Autoservicesport nella persona del presidente Cenzo Ledda e tutti i ragazzi della Erreeffe Rally Team”

#78 Gianpietro Bendotti – Giuliano Vaerini (Skoda Fabia rally2 evo)

Prima presenza in Sardegna per Bendotti e Vaerini. Il pilota 50enne di Solto Collina e originario della Presolana, in provincia di Bergamo, si metterà in gioco in una gara difficile ma anche affascinante: per Bendotti sarà il secondo rally mondiale dopo il Monza WRC 2021, mentre su sterrato ha corso solo una volta nel 2012 al Rally Adriatico a bordo di una Renault Clio N3.

“È un sogno che si realizza perché il Mondiale ha sempre un fascino indescrivibile, per di più su terra che è un fondo al quale non sono abituato ma che mi ha lasciato un ottimo ricordo e ottime sensazioni. Non sarà semplice ma ci metteremo in gioco con massimo impegno e voglia di far bene. Ci tengo a ringraziare tutti coloro che mi hanno supportato e hanno voluto questa mia presenza al RIS riuscendo a farmi un fantastico regalo per il mio cinquantesimo compleanno: non potevo chiedere di meglio!” ha detto il pilota portacolori della 3B Racing Club.

#80 Matteo Fontana – Alessandro Arnaboldi (Peugeot 208 rally4)

Continua il percorso di crescita nel WRC del giovanissimo equipaggio formato da Matteo Fontana e Alessandro Arnaboldi, già protagonisti delle precedenti gare iridate dove hanno fatto segnare tempi di assoluto rilievo sia su asfalto (Monte e Croazia), che su terra (Portogallo) e neve (Svezia).

#81 Stefano Marrone – Claudio Mele (Peugeot 208 rally4) – Mondialeddu

Debutto nel WRC e al RIS per Stefano Marrone, mentre sarà la quarta presenza per Claudio Mele. Per Stefano Marrone, oltre alla grande emozione del debutto, ci sarà anche la gioia di correre sulle prove di casa come Monte Lerno e Loelle, speciali che hanno fatto la storia del RIS. E’ proprio il driver di Buddusò che ci racconta le emozioni alla vigilia della gara

“Siamo pronti per questo atteso debutto, le speciali si annunciano durissime, completamente diverse delle speciali che ho percorso nella mia carriera sia in termini di chilometraggi che si durezza, basti pensare che due passaggi sulla Lerno, equivalgono ad una gara CIR e a due del CRZ. E’ una gara dove sarà fondamentale avere una buona preparazione fisica, infatti mi sto allenando per arrivare pronto a questa gara. Per me sarà tutto nuovo, dalla vettura al navigatore, infatti disputeremmo questo rally con la 208 rally4, mentre la scelta del navigatore è caduta su Claudio Mele, navigatore di grande esperienza, oltre che grande amico. Sarà emozionante perché mio padre quest’anno festeggerà le venti edizioni, mentre per me sarà il debutto. L’obbiettivo è vedere la pedana, inutile pensare di andare ad insidiare tizio e caio, soprattutto per chi come sta debuttando in un rally insidioso e ricco di insidie come questo. Altra grande emozione sarà il poter transitare e correre nelle vie e sulle speciali del mio paese, Buddusò, so che la popolazione si sta organizzando per tifarci e accogliere al meglio avversari e popolo del rally. Ringrazio il mio team, i miei sponsor è auguro buon rally a tutti”.

#82 Davide Biancu – Luigi Pittalis (Peugeot 208 rally4) – Mondialeddu

Seconda presenza al RIS per Davide Biancu, che torna a calcare le strade bianche del nord Sardegna dopo l’esperienza del 2021 dove concluse la gara trentaseiesimo assoluto (4° di RC4). Un risultato, che al dì là del posizionamento finale su cui ha inciso pesantemente il ritiro, ha messo in mostra ottimi spunti cronometrici da parte del pilota di Buddusò. E’ proprio il 38enne pilota del Team Autoservice a raccontarci le sue emozioni alla vigilia della gara.

“Siamo molto contenti di poter partecipare al RIS questo anno, vista la sfortuna dell anno scorso. È un rally molto impegnativo, ci sono prove molto selettive come la Monte Lerno, che con i suoi 50 chilometri di lunghezza farà grande selezione e differenza. Sarà molto emozionante percorrere le speciali di casa, visto che io sono di Buddusò, il supporto del pubblico sarà una marcia in più per noi. La macchina da noi utilizzata è la Peugeot 208 Rally 4 del Team Galiazzo, mentre al mio fianco ci sarà anche in questa edizione Luigi Pittalis. Faremo del nostro meglio per arrivare fino in fondo e poter salire in pedana la domenica e finire questo splendido rally in bellezza. Volevo ringraziare gli sponsor, il nostro Team Autoservice che è sempre presente e soprattutto la mia famiglia che mi ha supportato in questa nuova avventura”.

#83 Jacopo Bergamin – Nicolò Ventoso (Peugeot 208 rally4)

Debutto assoluto al RIS sia per Jacopo Bergamin, che per Nicolò Ventoso. Per Bergamin sarà la terza gara in carriera su sterrato, dopo le esperienze di inizio anno al Tevere e al Val D’Orcia su una Fabia rally2, mentre Ventoso torna su sterrato dopo otto anni di assenza.

#84 Michele Liceri – Salvatore Mendola (Peugeot 208 rally4) – Mondialeddu

Terza presenza al RIS per Michele Liceri e Salvatore Mendola, dopo le esperienza del 2019 e del 2021. I portacolori della Porto Cervo Racing, saranno al via della gara con la Peugeot 208 rally4 preparata dalla JME, cosi come ci racconta Michele Liceri

“Siamo emozionati di essere al via di una gara del Campionato del Mondo, lo facciamo in Italia, lo facciamo in Sardegna e soprattutto lo facciamo nella nostra Gallura e ad Olbia, che per noi è casa. Vedere i nostri nomi in mezzo a nomi di spessore mondiale è un orgoglio enorme, la gara si annuncia durissima, insidiosa e ricca di insidie. L’obbiettivo è quello di portare la vettura al traguardo, ben consci delle difficoltà che ci sono nel correre una gara così dura con una vettura due ruote motrici. Vi aspettiamo a Olbia.

#85 Fabrizio Schirru – Fabio Salis (Peugeot 208 rally4) – Mondialeddu

Seconda presenza al RIS per Fabrizio Schirru, dopo quella del lontano 2006, mentre per Fabio Salis sarà il gettone numero nove. Gara di casa per l’esperto navigatore di Arzachena, che non nasconde la sua emozione nel poter correre l’edizione numero venti della gara iridata

“Ricordo la prima edizione del 2004 come se fosse ieri, avevo quindici anni, vedere i miei idoli nelle strade di casa era un’emozione indescrivibile; allo stesso tempo, nella mia testa, il sogno era parteciparvi! Oggi che si celebra la ventesima edizione, sarò al via della gara per la nona volta, pensandoci bene, nel 2004 tutto questo mi sembrava impossibile! La gara è sempre stata bella ed affascinante, ma anche molto difficile, la bellezza sta anche nella sua difficoltà, le prove molto tecniche e selettive ed il caldo portano al limite vetture e piloti. Noi saremo al via con una Peugeot 208 Rally4, di conseguenza, essendo due ruote motrici, sarà ancora più impegnativa e tosta, spero di riuscire a trasmettere tutta la mia esperienza e conoscenza della gara al mio pilota Fabrizio Schirru per superare tutte le insidie e arrivare al traguardo magari con un bel risultato nella nostra classe”.

#86 Gianluca Mara – Veronica Cottu (Peugeot 208 R2) – Mondialeddu

Seconda presenza per entrambi al RIS, dopo quella più che positiva della scorsa edizione che lì aveva visti protagonisti di una gara da applausi, visto che avevano chiuso secondi di classe RC4 e secondi degli equipaggi Sardi. Abbiamo parlato con Veronica Cottu, che ci ha raccontato le sue emozioni alla vigilia della gara iridata

“Sono molto contenta e emozionata di poter essere nuovamente al via di una gara così importante come il Rally Italia Sardegna valevole per il campionato del mondo . Anche quest’anno partiamo con il nostro obiettivo ossia quello di fare tutti i km di tutte le prove speciali di questa gara stupenda . L’anno scorso la fortuna e la regolarità di entrambi nel gestire la gara ci ha aiutato tantissimo per raggiungere il risultato finale , inaspettato alla partenza , e purtroppo a discapito degli altri equipaggi che son stati più sfortunati di noi . Ringrazio in primis il mio pilota Gianluca Mara per avermi voluto nuovamente al suo fianco anche quest’anno , ringraziamo la nostra scuderia Team Autoservice Sport e il presidente Cenzo Ledda e tutti gli sponsor che ci permettono con il loro grande aiuto di poter essere presenti”.