Articoli

CIR: Fabia Rally2 per Ciuffi e Gonella

Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella, equipaggio Aci Team Italia, parteciperanno al Campionato Italiano Rally 2021 su Skoda Fabia Rally2 nell’evoluta versione EVO2, curata dalla piemontese Balbosca ed equipaggiata con pneumatici Pirelli. Il ventisettenne pilota fiorentino ed il professionale copilota piemontese saranno nuovamente affiancati dalla Squadra Corse Angelo Caffi, il sodalizio bresciano presieduto da Benedetta Caffi, che torna nella massima serie tricolore.

Auto nuova per l’equipaggio della nazionale italiana, seppur dopo una prima conoscenza avuta con la vettura ceca a fine 2020, ma adesso si tratta di usare appieno il potenziale della nuova versione EVO 2. Primi test su asfalto nei prossimi giorni, in vista del primo appuntamento del tricolore che sarà in Toscana al 44° Rally del Ciocco e Valle del Serchio il 12 e 13 marzo. Saranno dei test finalizzati a prendere confidenza con la 4×4 ed effettuare le prime regolazioni anche in relazione agli pneumatici Pirelli, coperture che l’equipaggio ben conosce.

“Essere stati selezionati da ACI Team Italia anche per il 2021 è una grande gratificazione che speriamo di ricambiare con dei risultati soddisfacenti – ha dichiarato Ciuffi – sarà una stagione impegnativa, che abbiamo pianificato con attenzione insieme ai nostri partner. Con una macchina di ultima generazione gestita da un team accreditato e affiancati da una scuderia di prestigio, possiamo pensare con serenità ad apprendere al meglio le competizioni vissute nella classe regina. Nicolò ed io sebbene molto affiatati, siamo consapevoli che ancora abbiamo molto da imparare, per cui la prerogativa è capire l’auto e entrare nel miglior feeling senza perdere di vista il confronto con avversari motivati e forti”.

Quel programma CIR di Aci Sport e i ”Magnifici 7”

Il 17 febbraio, al massimo il 18 per scaramanzia, dovrebbe essere il gran giorno dell’annuncio ufficiale della rosa di piloti che saranno aiutati da Aci Sport nel 2021 con programmi orientati alla disputa del CIR. Lo avevamo anticipato giorni fa (puoi leggere qui) e siamo lieti di riconfermarlo, perché è giusto che una federazione sportiva aiuti degli atleti per meriti sportivi. Non tutte le federazioni lo fanno, Aci Sport in questi anni lo sta facendo, seppure in un percorso disseminato da errori.

Errori, sì, perché se l’obiettivo di Aci Team Italia era quello di portare in pianta stabile un giovane nel Mondiale Rally è fallito miseramente, se invece l’obiettivo era solo quello di portare un giovane italiano a fare un giro nel Mondiale Rally, allora seppure centrato era sbagliato come obiettivo di partenza perché inutile. Delle due l’una e che ciascuno tragga le proprie conclusioni.

Quest’anno Aci Sport cercherà di non sbagliare, o quantomeno di non riproporre le ingenuità già commesse. Ci riuscirà? Lo sapremo a breve. Questione di ore. Nei giorni scorsi, una fonte federale solitamente attendibile ci ha svelato che c’era una rosa di sei nomi che la federazione è disponibile ad aiutare per un programma nel Campionato Italiano Rally 2021 con circa 50.000 euro a testa.

I piloti che erano in fase di accreditamento agli occhi della federazione, in quel momento, erano Damiano De Tommaso, Marco Pollara, Tommaso Ciuffi, Andrea Mazzocchi, Fabio Andolfi e Andrea Nucita. Si apprende ora che il programma di aiuto potrebbe restringersi a soli quattro piloti. Ci sarebbe, quindi, il forfait di due piloti che non riescono ad avere il budget necessario per correre una stagione nel CIR?

Altri rumors attendibili, che sono destinati a trovare una risposta a breve, sono relativi ai nomi dei quattro, che farebbero parte di questa nuova rosa di nomi. Dato per scontato Mazzocchi, che ha vinto un premio nel 2020 da incassare nel 2021, Ciuffi resta in corsa per un programma nel CIR e Andolfi, Andolfi non si sa (“…mi dici una cosa che non so, io vorrei correre nel Mondiale, altrimenti ho tanti impegni di lavoro”). In tutto questo contesto nebbioso, sbuca il nome di Luca Bottarelli, un giovane certamente meritevole di avere la sua chances nel massimo-minimo Campionato Italiano.

Ma Pollara, De Tommaso e Nucita? Vero, nulla è deciso in via definitiva e il 17 febbraio è il gran giorno delle decisioni. C’è solo da sperare che chi è chiamato a decidere abbia riposato bene la notte prima e possa trovare il budget sufficiente a sostenere i sei programmi originari, oltre a quello di Bottarelli. Chi lo fa potrebbe essere meritevole di un applauso per aver dato una mano ai “Magnifici 7”.

Da De Tommaso a Nucita: i 6 programmi CIR con Aci Sport

I silenzi che preoccupavano relativamente al CIR vengono in parte spazzati via da una buona notizia che, se dovesse realizzarsi così come Aci Sport la sta pianificando, diventerebbe un’ottima opportunità per i giovani di quell’Aci Team Italia che hanno visto i loro programmi (e i loro sogni) 2020 stracciarsi come un foglio di carta senza ben comprendere il momento surreale che si stava vivendo. Ovviamente, per colpa del Covid-19.

La buona notizia è che i vari Damiano De Tommaso, Andrea Nucita, Marco Pollara, Tommaso Ciuffi, Andrea Mazzocchi e Fabio Andolfi non sono destinati a restare nomi su cui fare depositare polvere. Sia in un’ottica di svecchiamento del CIR sia per rinnovare le battaglie di un titolo prestigioso e ambito, in un momento in cui Andrea Crugnola tenta di chiudere i suoi accordi per essere di nuovo al via con una vettura da assoluta (Hyundai?) e Giandomenico Basso valuta se ripetere l’esperienza con la Volkswagen Polo GTi (di chi non è ancora noto), Aci Sport scende in campo per tentare di non fare andare sprecato l’investimento fatto su quel piccolo vivaio che si voleva creare dallo scorso anno.

CIR 2021 nel segno del rinnovamento e dell’opportunità, dunque, per al massimo sei ragazzi che riceveranno un aiuto importante in termini economici, di visibilità e comunicazione, ma che sono chiamati comunque a metterci qualcosa di tasca loro. Dubbi? Al momento solo uno. Se Mazzocchi, come sembra, potrebbe decidere di fare il Campionato Europeo, si rischierebbe di non avere budget sufficiente per inserire il programma di Andolfi, salvo eventuali altre rinunce. Ma su questo fronte, per ora, nulla è ancora deciso e tutto può cambiare anche nel volgere di poco tempo.

Andrea Nucita pronto a tornare in gara

In 24 ore sono sbucati otto nomi quasi certi e fa piacere sapere che, in qualche modo, si cerchi di aiutare dei ragazzi con grande passione e un bel piede, facendogli fare esperienza nel Campionato Italiano che, seppure mutilato nel suo chilometraggio (in Francia si corre ancora con 220 chilometri di PS e con gli stessi problemi dell’Italia) resta sempre un’esperienza professionale importante.

Fa piacere sapere di poter sperare. Sperare che per l’assoluta del massimo Campionato Italiano lottino in tanti. Col coltello tra i denti. Anche giovani, come non succede da un po’ di anni. Nel sessantesimo compleanno del CIR potrebbe essere un bel regalo. Se poi, per caso, una deroga portasse i chilometri di PS ad almeno 150 si potrebbe anche dire: e vissero tutti felici e contenti.

Salta il Rally di Estonia per Tommaso Ciuffi: sarà al Ciocco

Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella non saranno al via del Rally di Estonia per problemi economici. La loro Skoda Fabia R5 Tamauto sarà dirottata al Rally del Ciocco, terza prova del Campionato Italiano Rally. Per il pilota fiorentino ed il navigatore piemontese sarà un ritorno un po’ amaro nella massima serie tricolore dei rally. Un deciso passo indietro in una annata che li doveva vedere tra i protagonisti del Campionato del Mondo Junior, con Aci Team Italia.

“Purtroppo – ha detto Tommaso Ciuffi – in seguito a questo brutto periodo, che ha causato fra l’altro il mancato appoggio di alcuni importanti sponsor, siamo stati costretti a rivedere i nostri programmi e abbiamo dovuto rinunciare alla nostra presenza al Rally Estonia”.

Nonostante ciò il pilota fiorentino non si è perso d’animo per riuscire a risalire in macchina e lo farà al Rally del Ciocco. Contemporaneamente, si lavora per cercare di essere al via del Rally di Germania e della tappa italiana del Mondiale in Sardegna, sempre con il supporto di Aci Team. “Una stagione che stiamo lentamente costruendo con l’aiuto di Pirelli e con il prezioso supporto di Jolly Racing Team e la Squadra Corse Angelo Caffi”.

Salta il Rally di Estonia per Tommaso Ciuffi: sarà al Ciocco
Salta il Rally di Estonia per Tommaso Ciuffi: sarà al Ciocco

Il 19 agosto, intanto, Ciuffi era sulla PS Careggine, storica prova del Ciocco, a testare per regolare al meglio la vettura con cui sarà al via della competizione toscana.

Aci Team Italia: intervista con Tommaso Ciuffi

“Fortuna che in tv c’è il Rally del Messico” fa Tommaso Ciuffi, reduce da una nottata passata davanti allo schermo. Un piccolo spiraglio di normalità, il rombo di motori, che cozza con il surreale silenzio di una Firenze tornata indietro di troppi anni. “E’ impressionante, sembra di essere in un film” ribadisce più volte, consapevole di vivere un momento che verrà tirato in ballo negli anni. “Finito il Messico, torno a guardarmi i cameracar del Sardegna, quello che sarà il mio prossimo impegno”.

L’emergenza coronavirus ha scombinato i piani. “Avevo pensato ad una gara test, per prepararlo al meglio, Valtiberina o Vermentino…”. Niente, tutto fermo. La rivincita dopo un Rally di Svezia fatto di troppe recriminazioni pesa come un macigno sulle spalle del campione due ruote motrici in carica. “Non c’ero, non c’eravamo con la testa” dice, dimostrando di non volersi nascondere dietro facili giustificazioni.

Il problema al cambio, però, l’hai avuto davvero…

“Te lo ripeto, non c’eravamo con la testa. È vero, abbiamo accusato dei problemi, la rottura del cambio ed i conseguenti problemi che ci hanno accompagnato anche nel secondo giorno ma non possiamo attaccarci a questo. Non abbiamo saputo reagire a queste problematiche. Non sono i nostri tempi, questi. Una gara di cui dobbiamo fare tesoro in ottica futura”.

Tutto da rifare, considerando che quello è stato il primo vero approccio con la Ford Fiesta R2?

“La vettura è totalmente diversa dalla Peugeot 208, il regolamento FIA Junior ti limita nelle impostazioni ma così è per tutti. E’ tutto diverso, quando l’ho utilizzata la prima volta, nei test in Norvegia, ho fin da subito riscontrato delle belle sensazioni. In Svezia però queste prerogative non si sono concretizzate, non sono entrato in gara come volevo io, a livello mentale, duro e deciso come solitamente faccio. Certo, tutto fa esperienza. Le strade sono veloci in Svezia, non come in Italia”.

Qualcuno, sui social, c’è andato giù pesante nei tuoi confronti…

“Lo so, in diversi amici mi hanno inviato screenshot al riguardo. Ci credi che non li ho nemmeno letti? Non seguo molto questi canali, ci sarà sempre chi critica ma fa parte del gioco. Cerco sempre di dare il meglio, alle critiche antepongo le chiamate di personaggi importanti nel mio percorso come Franco Cunico e Vittorio Caneva, uomini che parlano con cognizione di causa. Chi non ha vissuto questa esperienza non può capire: i ritmi sono completamente diversi, le strade sono totalmente diverse da quelle che affrontiamo abitualmente in Italia. Nella prima speciale, mi sono trovato al limitatore per trenta secondi. Non mi era mai successa una cosa del genere…”.

Scarica la nostra app o accedi da PC, registrati gratuitamente e abbonati. Il tuo sostegno ci aiuta a migliorare giorno dopo giorno il servizio che offriamo a te a tutti i nostri amici lettori.

Cosa sapere sull’abbonamento a RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito
  • Le nostre app sono gratuite, ma dall’app non si può pagare
  • Dopo aver effettuato la registrazione (clicca qui) ci si potrà abbonare pagando da PC
  • Disponibile abbonamento singolo digitale o cartaceo
  • Oppure ci si può abbonare all’online e al carataceo con una super offerta

Opzioni di acquisto

  • Singola copia di RS – 2 euro
  • Abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) con accesso all’archivio storico – 25 euro
  • Abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) – 60 euro

Si può scegliere di leggere il giornale sul PC o sullo smartphone e sul tablet o se farsi leggere gli articoli dall’assistente digitale, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS e oltre gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento

Covasna Rally a Tempestini, poi Costenaro e Battistolli

L’esordio ufficiale nel WRC 2020, in programma dal 13 febbraio prossimo al Rally di Svezia, è ormai alle porte, ma la stagione 2020 di ACI Team Italia è già partita con un primo test per Alberto Battistolli e Tommaso Ciuffi nel Covasna Winter Rally.

Per i due portacolori di ACI Team Italia, la gara in Romania, che si è svolta dal 31 gennaio al 1 febbraio nella località della Transilvania, è stata una buona occasione per affinare la guida e l’approccio sulla neve e ghiaccio in vista del Rally di Svezia.

La gara rumena si è conclusa positivamente soprattutto per Battistolli. Il vicentino insieme a Fabrizia Pons, con la Skoda Fabia R5, vettura con la quale disputerà alcune tappe nel WRC 3 – ha terminato con il terzo posto alle spalle di altri due equipaggi: Simone Tempestini (Subaru Impreza WRX) e Giacomo Costenaro (Skoda Fabia R5).

Battistolli: “Sono contento e mi sono divertito. E’ stata una gara riuscita, soprattutto per quanto riguarda il rapporto con Fabrizia. Abbiamo trovato il giusto affiatamento ché speriamo di mantenere nel futuro. Tutto questo per vivere l’avventura nel Mondiale con serenità”.

La Peugeot 208 di Tommaso Ciuffi
La Peugeot 208 di Tommaso Ciuffi

Dal canto suo, Ciuffi, Campione Italiano Due Ruote Motrici in carica, dopo una prima giornata sfortunata, nella seconda giornata si è concentrato insieme a Nicolò Gonella sul percorrere più chilometri possibili sul fondo innevato in vista del WRC Junior.

Ciuffi: “Abbiamo fatto qualche danno venerdì ma soprattutto una trasferta corsa per macinare più chilometri possibili. E’ stato comunque un allenamento molto soddisfacente”

Allenamento in Romania per Ciuffi e Battistolli al Covasna Winter Rally

La stagione 2020 di Aci Team Italia parte con l’allenamento in Romania di Tommaso Ciuffi, insieme al navigatore Nicolò Gonella e Alberto Battistolli, affiancato da Fabrizia Pons nel Covasna Winter Rally. Per i due piloti che rappresenteranno l’Italia nel prossimo Mondiale Rally si avvicina l’esordio ufficiale nel World Rally Championship 2020, in programma dal 13 febbraio prossimo al Rally di Svezia.

L’imminente gara in Romania, che svolgerà dal 31 gennaio all’1 febbraio nella località della Transilvania, sarà quindi l’occasione giusta per studiare l’approccio sulla neve e lungo strade veloci. Condizioni simili a quelle che ritroveranno nell’esperienza scandinava.

Tommaso Ciuffi, vincitore lo scorso anno del Campionato Italiano Due Ruote Motrici, sarà in gara con una Peugeot 208 R2 in vista del WRC Junior. Alberto Battistolli che ha già disputato qualche gara tra le moderne, dopo l’ottima esperienza maturata nel Campionato Italiano Rally Auto Storiche ed Europeo, potrà subito affinare il feeling con la Skoda Fabia R5, vettura con la quale disputerà alcune tappe nel WRC 3.

WRC 3 per Damiano De Tommaso e WRC Junior per altri tre

Tornano le speranze italiane sulle PS iridate: WRC 3 per Damiano De Tommaso e WRC Junior per altri tre. Come avevamo anticipato nei giorni scorsi, sono stati ufficializzati i nomi dei quattro piloti che vestiranno i colori del progetto Aci Team Italia nel Mondiale Rally 2020. La selezione giovanile italiana organizzata e promossa da Aci Sport porterà una formazione ampia ed agguerrita sulle strade del prossimo World Rally Championship.

I driver scelti si avvarranno del pieno supporto della Federazione Italiana e dei loro tecnici per affrontare la stagione agonistica 2020 nella massima serie rallistica internazionale. Come lui stesso aveva anticipato come obiettivo in un’intervista rilasciata alla nostra rivista in edicola a gennaio 2020, il varesino del 1996 Damiano De Tommaso, vincitore del Campionato Italiano Rally 2 Ruote Motrici 2018, correrà nella categoria WRC 3.

Damiano De Tommaso è senza dubbio la migliore scelta che si potesse operare: passione, competenza, cuore e testa, ma soprattutto piede. Meritava più di chiunque altro, e ci perdonino gli altri, di avere questa splendida opportunità.

Altri tre piloti italiani di Aci Team Italia saranno impegnati nel WRC Junior. In questo caso, le scelte federali sono ricadute su due giovani altrettanto meritevoli: il fiorentino 1993 Tommaso Ciuffi, campione italiano 2 Ruote Motrici 2019, e il palermitano 1996 Marco Pollara, campione italiano rally junior 2019.

Nonostante alcune frizioni, causate da qualche eccesso di patos sportivo, è stato salvato il rapporto con il pilota savonese 1993 Fabio Andolfi, che ha già corso nelle scorse stagioni per la Nazionale. Sempre per Aci Team Italia, come avevamo anticipato quasi un mese fa, correrà anche il vicentino 1997 con Alberto Battistolli, impegnato in alcune gare WRC 3.

CIWRC: ecco l’elenco aggiornato dei piloti prioritari

Di seguito, pubblichiamo l’elenco ufficiale e aggiornato di tutti i piloti prioritari rally del Campionato Italiano WRC 2020.

PILOTI PRIORITARI RALLY 2020

FIA

  • BERTELLI LORENZO   
  • BRAZZOLI ENRICO                             

1° ELENCO ACI SPORT RALLY INTERNAZIONALE

  • ANDOLFI FABIO                                 
  • ANDREUCCI PAOLO                           
  • BASSO GIANDOMENICO                    
  • CAMPEDELLI SIMONE                       
  • CIUFFI TOMMASO                              
  • CRUGNOLA ANDREA                         
  • MARCHIORO NICOLO’                         
  • MIELE SIMONE                                  
  • PEDERSOLI LUCA                              
  • POLLARA MARCO                              
  • ROSSETTI LUCA                                 
  • RUSCE ANTONIO                               
  • SIGNOR MARCO                                

2° ELENCO ACI SPORT RALLY INTERNAZIONALE

  • ALBERTINI STEFANO                           
  • CARELLA ANDREA                            
  • CHENTRE ELWIS                                
  • DE TOMMASO DAMIANO                   
  • FONTANA CORRADO             
  • GILARDONI KEVIN                              
  • HOEBLING LUCA                                
  • LINARI GIANLUCA                               
  • MAZZOCCHI ANDREA                        
  • MICHELINI RUDY                                
  • NICELLI DAVIDE                                 
  • NUCITA ANDREA                               
  • PINZANO CORRADO                          
  • PEROSINO PATRIZIA                          
  • SCANDOLA UMBERTO           
  • SCATTOLON GIACOMO                      
  • SQUARCIALUPI MASSIMO                  
  • SOSSELLA MANUEL                          
  • TESTA GIUSEPPE                              
  • TRENTIN MAURO

Il CIR 2RM è di Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella: 6 su 6

Ad una gara dalla fine della stagione, Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella vincono il Campionato Italiano Rally 2 Ruote Motrici a bordo della Peugeot 208 coi colori di Peugeot Sport Italia. Una stagione da incorniciare per il pilota fiorentino che ha esordito al volante della Peugeot 208 ufficiale con la vittoria al Ciocco, la prima di sei vittorie su sei gare. Con il risultato ottenuto oggi a Verona, il giovane pilota della Casa del Leone ha potuto chiudere la partita del campionato in anticipo rispetto al calendario e chiudere in bellezza un 2019 davvero entusiasmante.

Questa vittoria di campionato rende merito del grande lavoro svolto da tutta la squadra di Peugeot Sport Italia e premia tutti gli sponsor che hanno creduto anche quest’anno nel progetto della Casa del Leone nei rally italiani. Una ricetta che ha funzionato ancora una volta e che conferma la qualità tecnica e prestazionale della Peugeot 208 da competizione che, idealmente, passerà a breve il testimone alla nuova generazione attesa nel 2020 di cui qualche giorno fa è stata presentata alla stampa la versione stradale.

Un lungo percorso di crescita a 360° quello fatto da Tommaso e dal suo navigatore Nicolò, fatta di grande preparazione, tenacia e voglia di migliorare sempre, grazie anche al prezioso supporto di Paolo Andreucci, coach dei giovani piloti PEUGEOT e molto attento nel dispensare consigli e dare loro supporto passo dopo passo. Un ruolo, quello di Andreucci, peraltro apprezzato anche dai tanti giovani piloti che corrono il trofeo promozionale PEUGEOT Competition, nato ben 40 anni fa.

“Ci siamo riusciti. Che stagione… Favolosa: 6 vittorie su 6 gare e un campionato vinto in anticipo sulla fine della stagione, che altro volere di più?”, domanda Tommaso Ciuffi. “Mai me lo sarei immaginato all’inizio di quest’anno. Voglio ringraziare davvero tanto tutta la squadra di Peugeot Sport Italia perché sono stato accolto da grandi professionisti che hanno saputo valorizzare le mie capacità, mi hanno fatto sentire a mio agio pur con la grande responsabilità che avevo sulle spalle”.

“Mi hanno messo a disposizione la migliore configurazione tecnica possibile con la Peugeot 208 R2B e hanno saputo configurarla secondo il mio stile di guida. Un grosso grazie anche a Pirelli e Total, partner molto attenti e fondamentali per creare quell’insieme di condizioni ideali con cui poter puntare alla vittoria, in ogni gara. Così come è stato. Un pensiero speciale anche alla nostra 208, un’auto favolosa che ha saputo battere anche auto più recenti dimostrando, ancora una volta, che è ancora lei la vettura leader in questa categoria”.

Tommaso Ciuffi vuole chiudere i conti in anticipo

A due gare dalla fine del campionato, l’equipaggio ufficiale Peugeot può contare su un vantaggio corposo sui diretti inseguitori nella classifica del CIR 2 Ruote Motrici. Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella arrivano quindi a Verona con un unico obiettivo: chiudere la pratica con una gara di anticipo.

Il pilota fiorentino è determinatissimo ad affrontare il Rally veronese chiedendo, ancora una volta, il 110% alla sua Peugeot 208 R2B. Il Team ufficiale Peugeot Sport Italia è già abituato a vincere il campionato con una gara di anticipo ed era già successo l’anno scorso; l’obiettivo è quindi alla portata e la strategia di gara sarà più determinante che mai.

Paolo Andreucci, coach dei giovani piloti Peugeot, non nasconde la soddisfazione nel vedere l’ottimo percorso fatto dai due piloti ufficiali del Leone. Sia Tommaso che Nicolò hanno fatto un percorso di crescita a 360° durante tutto l’anno e si apprestano a raccogliere i frutti del loro lavoro.

Tommaso Ciuffi (pilota ufficiale Peugeot Sport Italia su 208 R2B): “Ci siamo quasi! Mai avrei immaginato ad inizio stagione che sarei arrivato a Verona con questa posizione nella classifica di campionato. Un’ottima premessa per affrontare con una certa serenità la penultima gara, ben consapevole che posso contare su un’auto molto competitiva ed affidabile oltre che una squadra che mi ha sempre seguito e dato supporto in ogni fase della stagione.

Lato gomme, poi, Pirelli ha saputo sempre darci grande supporto e questo non è cosa da poco in un campionato così impegnativo. Voglio quindi affrontare il 2 Valli con la giusta concentrazione e, soprattutto, determinazione, per capitalizzare questo vantaggio e chiudere la partita in anticipo”.

Classifica CIR 2 Ruote Motrici

1. Ciuffi 75 punti; 2. Nicelli 44 punti; 3. Perosino 39

CIR, Patrizia Perosino regina degli over: a chi il Gruppo N?

Alle signore non è corretto chiedere l’età, ma Patrizia Perosino se ne fa un baffo della carta d’identità, unico elemento che giustifichi il fatto che concorresse per il titolo Over 55, istituito per la prima volta in questa stagione in tutti i campionati rally Aci Sport.

La giovanile pilotessa di Biella con natali piacentini è infatti a questo punto irraggiungibile da chiunque ed è quindi la prima ad assicurarsi quest’anno un titolo del CIR, e con due gare di anticipo. Molto vicino al suo titolo per eccellenza – quello per le due ruote motrici – è arrivato anche Tommaso Ciuffi, ma il coeff. 1,5 del conclusivo Tuscan Rewind lascia, seppur solo aritmeticamente, ancora in gioco Davide Nicelli. Agli antipodi, invece, la situazione del Gruppo N dove in cinque gare si sono avuti altrettanti diversi vincitori e tutti senza altri ulteriori risultati.

CIR 2RM, Paolo Andreucci valuta la prestazione di Tommaso Ciuffi

È ancora Peugeot. Bella prestazione della squadra ufficiale del Leone con la 208 R2B guidata da Tommaso Ciuffi al 55° Rally del Friuli. Navigato dal fidato Nicolò Gonella, il pilota toscano ha saputo accumulare secondi su secondi di vantaggio nel corso delle 11 prove speciali vincendo così il rally nella categoria 2 Ruote Motrici.

Ancor più significativo, se possibile, l’8° posto assoluto in classifica generale della gara! Un risultato frutto della grande preparazione e strategia azzeccata da parte della squadra, ma anche di una Peugeot 208 che si conferma ancora una volta una gran vettura con cui correre nelle competizioni.

La prima volta di Tommaso e Nicolò al Rally friulano è stata quindi un grande successo ed il vantaggio sui diretti inseguitori è lì a testimoniarlo. Oltre due minuti e mezzo sui diretti inseguitori sono frutto di una gestione attenta dell’intera gara e di un’auto che ha saputo esser protagonista del week end.

Paolo Andreucci, coach di Tommaso Ciuffi, è soddisfatto. “Gran lavoro di Tommaso e Nicolò anche in questa occasione! Stanno crescendo gara dopo gara e la maturazione dell’equipaggio è sotto gli occhi di tutti, segno che ci stanno mettendo cuore e testa. È stata una edizione molto calda sotto il profilo meteorologico e caratterizzata da qualche problema di olio lasciato dalle storiche che correvano prima del CIR, ma complessivamente una gran bella edizione”.

“Tanta gente accorsa sulle prove e al parco assistenza, merito dell’ottimo meteo ma anche di una passione che si dimostra sempre forte ad ogni latitudine. Meno due all’alba quindi: 2 Valli e poi il Tuscan, a fine novembre. Sono convinto che la squadra possa ripetere le ottime performance messe a terra finora”.

Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella scommettono sul Rally Sanremo

Mancano pochi giorni al secondo appuntamento del Campionato Italiano Rally 2019 e Peugeot è intenzionata a difendere la leadership nel 2 ruote motricicon Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella, nuovo equipaggio ufficiale con i colori del Leone. Tutto partirà venerdì pomeriggio da Porto Sole e terminerà sabato sera, dopo 10 prove speciali che si protrarranno fino a notte inoltrata, come da tradizione di questo leggendario appuntamento.

La piccola Peugeot 208 R2B ha fatto vedere, ancora una volta, di cosa è capace e il pilota fiorentino ha saputo sfruttare al meglio il pacchetto complessivo che ha a disposizione. Al suo fianco il fidato navigatore Nicolò ma anche il pluricampione di rally Paolo Andreucci, nel nuovo ruolo di tutor dei giovani piloti Peugeot. Il nuovo equipaggio ha effettuato nelle scorse ore dei test preparatori di questa gara ed è consapevole delle potenzialità: l’intenzione è di partire attaccando, ma senza prendere eccessivi rischi, potenzialmente pericolosi in ottica di campionato. Sarà un a gara importante che tutto il team vuole affrontare con la massima professionalità e concentrazione e così sarà.

“Sono soddisfatto di come abbiamo iniziato la stagione, ci contavo e siamo stati tutti bravi a sfruttare l’occasione. Al Sanremo dovrò fare altrettanto bene, la gara è importante e ci tengo a far bella figura e, ancor più, portare a casa punti preziosi. Correre di notte, poi, rappresenterà un rischio in più ma è molto affascinante ed un Sanremo senza buio non è un Sanremo. Siamo pronti e motivati, anche dopo la sessione di test che ci ha ulteriormente rassicurato sulle potenzialità dell’auto. Ci vediamo tra pochi giorni!”, Tommaso Ciuffi, pilota Peugeot Sport Italia su 208 R2B.

Ciuffi-Gonella pronti per suonare la carina nel Cir 2 Ruote Motrici

Tutto pronto per l’inizio della stagione del Campionato Italiano Rally 2019: La Casa del Leone schiererà al via del 42° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio la nuova coppia Ciuffi-Gonella a bordo della Peugeot 208 R2B che punterà a conquistare il Cir 2 Ruote Motrici. Un nuovo equipaggio che sale a bordo della piccola di Casa Peugeot grazie alla vittoria del Peugeot Competition Top 208 della scorsa stagione, trofeo che mette in palio il posto da ufficiale nella stagione successiva. Una grande opportunità per i due nuovi giovani che gareggeranno in un campionato che si preannuncia davvero combattuto.

Un impegno, quello di Peugeot, che nasce diversi decenni fa e che mira a far crescere nuove generazioni di piloti mettendo a loro disposizione delle grosse opportunità di visibilità e crescita agonistica. Un progetto, quello della Casa del Leone, che nasce 40 anni fa con il Trofeo Peugeot Competition che quest’anno celebra questo importante traguardo. In questo contesto, Peugeot ha deciso di coinvolgere l’11 volte campione italiano rally Paolo Andreucci per un’attività di coaching del nuovo equipaggio ed anche come motorsport Ambassador del Marchio. Il campione toscano seguirà da vicino il giovane equipaggio con l’obiettivo di trasferire il suo enorme bagaglio di esperienza nel settore, con l’obiettivo di farli crescere non solo in ambito competitivo, ma anche professionale e personale.

Paolo Andreucci, nella veste di coach e motorsport ambassador Peugeot, spiega: “Quest’anno sarò al Ciocco, mia gara di casa, non da concorrente, ma quasi da spettatore. Ho detto quasi perché ho deciso di accettare la proposta della Casa del Leone di diventare motorsport ambassador e, soprattutto, coach del nuovo equipaggio che correrà nel Campionato Italiano Rally 2 Ruote Motrici con la Peugeot 208 R2B ufficiale. Voglio diventare parte attiva del progetto di Peugeot che da diverso tempo investe sui giovani per farli crescere in questa disciplina, allo scopo di far emergere i campioni del futuro. Si celebrano quest’anno i 40 anni del trofeo promozionale della Casa del Leone, quattro decenni durante i quali Peugeot ha messo a disposizione premi in denaro e non, per permettere a promettenti piloti di crescere ed emergere nel mondo dei rally. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata molta, ma Peugeot è sempre il marchio più presente nei rally italiani e la filiale italiana ha dimostrato di essere molto attenta alle nuove generazioni. Io voglio mettere a loro disposizione il mio bagaglio di esperienze e sarò presente anche in qualità di coach, o tutor, se preferite. Sono molto convinto di questa nuova sfida che mi attende quest’anno.”

Andolfi, Ciuffi, Pulcini e Rosso per lo Stage Neve-Ghiaccio Aci Sport 2019

La Scuola Federale ACI Sport “Michele Alboreto” prosegue con le attività per il 2019 e continua ad impegnarsi nei classici settori di velocità e rally con il I° Stage Neve-Ghiaccio Aci Sport 2019. Sarà un altro importante appuntamento accademico promosso dalla Scuola Federale Aci Sport, che si svolgerà a Livigno presso il Centro Tecnico Federale Neve-Ghiaccio Aci Sport. Le due giornate avranno l’obiettivo di perfezionare lo stile e la consapevolezza di guida su un fondo alternativo.

Quattro i nomi, di interesse nazionale, dei ragazzi scelti in base ai loro risultati sportivi ottenuti nella passata stagione. Per il settore Velocità sono stati scelti Leonardo Pulcini e Andrea Rosso. Il primo, driver romano classe 1998, è stato selezionato dalla serie internazionale GP3 2018 e come training per la sua stagione 2019 nel Campionato FIA di Formula 3. Il secondo, torinese classe ‘03, è stato il migliore tra i kartisti nel Supercorso Federale 2018 e sarà impegnato quest’anno nell’Italian F.4 Championship powered by Abarth.

Per quanto riguarda il settore Rally, ad aver accesso allo Stage Neve e Ghiaccio saranno Fabio Andolfi e Tommaso Ciuffi. Il primo è stato scelto per i suoi ottimi risultati nel WRC2 2018 e, soprattutto, in preparazione alla prossima intensa stagione 2019 sempre nel Mondiale Rally. Il fiorentino, indicato per la sua vittoria nel Trofeo Peugeot 2018, quest’anno sarà tra i partecipanti al Campionato Italiano Rally Due Ruote Motrici 2019. La parte didattica verrà curata dallo Staff del Centro Tecnico Federale Neve-Ghiaccio di Livigno, sotto la supervisione di due Istruttori Federali, ciascuno per ogni settore, che seguiranno da vicino i ragazzi in questa nuova esperienza formativa.

“Sono molto soddisfatto di questa nuova opportunità data a quattro giovani piloti, tutti di interesse nazionale, da ACI Sport e dalla Scuola Federale. E’ un’ottima occasione per questi piloti per affinare ulteriormente la loro sensibilità di guida ed presentarsi pronti alla stagione agonistica 2019 che sarà certamente impegnativa, ma anche un’ottima possibilità di mettersi in evidenza anche nel contesto internazionale. Un altro motivo di soddisfazione è poter constatare come la collaborazione tra la Scuola Federale stessa ed il CTF Neve-Ghiaccio coordinato da Marco Baroncini stia dando i suoi frutti. Sarà un’esperienza molto importante per ognuno di noi e spero che possa essere l’inizio di un’iniziativa da ripetersi nei prossimi anni ad inizio stagione”, spiega il direttore della Scuola Federale, Raffaele Giammaria, .

Il programma vedrà impegnati i piloti sin dalla mattina del sabato 16, in lezioni teoriche e pratiche, dalle ore 8 alle 12 e, previo condizioni meteo favorevoli, si proseguirà anche in tarda serata a partire dalle ore 16.30 fino alle 18.30.

Rally Val d’Orcia: Andrea Smiderle e Alberto Bordin i più regolari

Una gara serrata la decima edizione del Rally Val d’Orcia, che ha visto tre equipaggi racchiusi in pochi secondi per tutte e sei le prove speciali. Alla fine Andrea Smiderle con alle note Alberto Bordin ha prevalso sul lotto di avversari con la sua Ford Fiesta WRC della Scuderia Hawk Racing Club. Il pilota di Schio ha avuto in Fanari e in Travaglia avversari sempre vicinissimi come anche Hoelbling nelle fasi iniziali poi ritirato per la rottura di un cerchio. Alla fine due equipaggi con lo stesso tempo finale seguono il vincitore: Fanari-Stefanelli e Travaglia-Gelli entrambi su Skoda Fabia R5, e a solo 4”3.

Fanari è partito benissimo aggiudicandosi la prova d’apertura, in seguito è stato Travaglia a prevalere sugli avversari in tre delle sei prove effettuate, ma Smiderle con la vittoria nel secondo e nell’ultimo tratto è riuscito a prevalere forte della sua costante velocità. Appena sotto il podio un altro protagonista del Raceday Trevisani che con Marchesini esordiva sia in questa gara che con una interessante Hyundai i20 R5 cogliendo la quarta piazza finale.

Esordio positivo con una R5 per il fiorentino Tommaso Ciuffi per la prima volta con una Peugeot 208 T16 R5 costantemente tra i protagonisti ed alla fine quinto. Bella gara e molto spettacolare quella del locale Pierangioli che con Pollini ha portato la sua Mitsubishi Lancer Evo in sesta posizione. Costante e veloce la gara di Versace-Caldart con la Skoda Fabia R5 alla fine settimo davanti a Marchioro-Dell’Omo con la Peugeot 207 S2000 che con questo risultato si è portato in terza posizione nel Raceday.

Chiudono i top ten Gianesini-Franzi, che sta prendendo sempre più confidenza con la Skoda Fabia R5, e l’inossidabile Bentivogli che con Cecchi oltre che aver colto la decima piazza si è aggiudicato, con autorità, il Gruppo N. Lo sloveno Peljhan è secondo in Gruppo N con la sua Mitsubishi Lancer Evo IX, mentre il sammarinese Vagnini conferma le prestazioni precedenti aggiudicandosi la classe R3 mentre lo spettacolare Romagna con Lancia Delta Integrale vince la classe A8.

Gli altri vincitori di classe hanno visto Betti in evidenza in classe R3T con la Citroen DS3, Uliana con la Ford Fiesta in R2, il sempre presente Chiesura Junior con la Honda Civic nella numerosa classe N2, Bucci con la Renault Clio RS in classe N3, Pasquali con la Suzuki Ignis nella S1600, Morgantini si riconferma in A5 con la sempre verde Peugeot 205 Rally e Gallinaro in A7 con la Peugeot 205 Gti. Esordio su terra vincente per la Susanna Mazzetti che coglie la vittoria in A6 e Micheli invece nella classe R1B con la Suzuki Swift.

Abbinata al rally moderno anche la prima edizione del Rally Storico Val d’Orcia con vittoria in solitario per il giovane Alberto Battistolli con alle note Luigi Cazzaro su Lancia Delta Integrale 16 V mentre ritiro nell’ultimo tratto cronometrato per Sipsz per una uscita di strada.

Alla fine sono stati 53 gli equipaggi che hanno concluso la manifestazione del decennale del Rally della Val d’Orcia che per la prima volta era completamente organizzata dalla locale scuderia Radicofani Motorsport con l’importante apporto delle due amministrazioni che sono state coinvolte: Radicofani e San Casciano dei Bagni. Durante la gara una manifestazione a sorpresa dei locali pastori ha voluto sensibilizzare il pubblico ed i media sul prezzo del latte e su altri problemi che coinvolgono il settore della pastorizia.

L’intento è stato quello di proseguire la protesta a livello nazionale partita dalla Sardegna e che sta estendendosi in tutta la penisola. Soddisfazione per la Radicofani Motorsport che per voce del presidente del Comitato Organizzatore Stefano Pascucci ha voluto ringraziare oltre che gli equipaggi presenti, tutti gli ufficiali di gara che hanno garantito il regolare svolgimento della manifestazione ben supportati dalle forze dell’ordine, dal personale medico-paramedico, dal team decarcerazione, dal servizio cronometrico e dai media e chiaramente da tutto lo staff del Raceday che è sempre stato vicino alla gara fin dalla sua prima edizione. Appuntamento perciò al 2020.

Raceday Rally Terra: al Rally Val d’Orcia Linari, Travaglia e Ciuffi

Si sta avvicinando a grandi passi l’edizione del decennale del Rally Val d’Orcia in programma il prossimo week end, primo appuntamento italiana della stagione 2019 oltre che terza gara valevole per la seguitissima serie Raceday Rally Terra. La manifestazione che da questa edizione è interamente organizzata dalla Radicofani Motorsport avrà abbinata anche una gara di autostoriche. Come già detto le due manifestazioni apriranno, di fatto, la stagione rallystica italiana oltretutto su fondo sterrato.

Fondo questo dove sono nati i rally e che ha fatto appassionare generazioni di persone a partire dal Rallye Sanremo mondiale che vedeva proprio Radicofani un punto di riferimento degli anni ottanta per poi proseguire con negli anni novanta con il Campionato Italiano fino ai tempi attuali con il Raceday Rally Terra. Inoltre la manifestazione coinvolgerà un angolo di territorio tra i più suggestivi della Toscana avendo nei Comuni di Radicofani e di San Casciano dei Bagni i due principali epicentri.

Ma vediamo i protagonisti che hanno aderito alla manifestazione, in primis il campione del mondo rally Produzione 2015 il fiorentino Gianluca Linari che si è distinto al suo rientro lo scorso anno al Rally Australia con una eccezionale dodicesima piazza assoluta oltre che seconda di WRC con la usuale Subaru Impreza Sti N15. Qui il fiorentino invece ritornerà alla guida della Ford Fiesta R5 con cui sempre nel 2018 aveva preso contatto per il Rally di Svezia. Altri protagonisti Smiderle che ha vinto il Rally Balcone delle Marche 2018 con la Ford Fiesta RS WRC, risultato che gli ha consentito di essere in terza posizione assoluta nel Raceday 2018-2019 ad appena un punto dai due piloti in testa anch’essi presenti al Val d’Orcia, De Luna su Ford Fiesta R5 e Trevisani invece su Hyundai j20 R5.

Sarà della partita anche Hoelbling che è sempre andato a podio nelle ultime quattro edizioni cogliendo nel 2014 anche la vittoria assoluta e che si ripresenta con una Skoda Fabia R5. Interessante da seguire il rientrante pluricampione Renato Travaglia all’esordio con la Skoda Fabia R5 oltre che il neo pilota ufficiale Peugeot Italia il giovane Tommaso Ciuffi. Nei prossimi giorni sarà pubblicato l’elenco ufficiale degli iscritti e sicuramente ci saranno delle sorprese per gli equipaggi che si sfideranno nelle sei prove speciali in programma, la conosciuta Radicofani e quella di San Casciano dei Bagni due tratti cronometrati rispettivamente di Km. 12,91 e di Km. 6,48 da ripetersi tre volte per un totale di Km. 57,27 di PS su un percorso globale di Km. 179,81.

Ad ogni giro sarà previsto un riordino a San Casciano dei Bagni a cui seguirà un Parco Assistenza invece nella Z.I. di Val di Paglia. Il programma della manifestazione prevede per sabato 9 la partenza ufficiale della gara dalla consueta e suggestiva Piazza S. Pietro di Radicofani con inizio alle ore 19.01 e riordino notturno previsto a San Casciano dei Bagni. Domenica 10 febbraio inizierà la gara vera e propria con l’uscita dal riordino notturno a cui seguirà il primo parco assistenza e alle ore 9.00 partirà la prima prova speciale di Radicofani a cui seguirà quella di San Casciano dei Bagni.

Le due prove saranno ripetute tre volte intervallate sempre da un riordino e da un Parco Assistenza. L’arrivo è previsto sempre a Radicofani alle ore 16.20 con premiazione sul Palco d’arrivo a cui seguirà il Parco Chiuso presso gli Impianti Sportivi. La base logistica della gara sarà il Palazzo Comunale di Radicofani che ospiterà la Direzione Gara, Segreteria, Sala Classifiche e Sala Stampa. Lo scorso anno vinse, per la sesta volta, il trentino Alessandro Taddei che affiancato da Gaspari aveva a disposizione una Skoda Fabia R5, seconda piazza per il duo Hoelbling-Grassi su analoga vettura, mentre terzo un giovanissimo Bulacia, astro nascente boliviano invece su Ford Fiesta R5.

Tommaso Ciuffi il pilota di Peugeot Sport Italia nel Cir 2019

Sarà il toscano Tommaso Ciuffi il pilota di Peugeot Sport Italia che ne difenderà i colori nel campionato italiano Due Ruote Motrici 2019 al volante della 208 R2B ufficiale. Al suo fianco, nel ruolo di copilota, ci sarà il piemontese Nicolò Gonella. La promozione a pilota ufficiale per la nuova stagione rallistica è il premio che l’anno scorso Peugeot Sport Italia aveva messo in palio per il vincitore del Peugeot Competition Top, la serie di vertice del trofeo promozionale che da quarant’anni forma generazioni di nuovi piloti tricolori.

Tommaso Ciuffi è nato a Firenze il 24 novembre 1993 ed è figlio di Paolo, uno dei migliori piloti privati nazionali degli anni Novanta. Tommaso ha debuttato agonisticamente nel 2015 nel Peugeot Competition, dopo aver trovato una stabilità lavorativa come imprenditore e con un percorso insolito per un pilota italiano, cioè partendo dal più formativo sterrato con qualche punta all’estero.

I risultati sono arrivati subito, a dimostrazione della sua classe: nel 2015 partecipa a quattro gare nel Trofeo Raceday Terra con 2 secondi posti di classe; nel 2016 disputa 9 gare su terra con tre vittorie di classe in vari campionati con la Peugeot 208 R2B ed è primo del 2 Ruote Motrici Terra; nel 2017 è secondo nel Peugeot Competition Top 208, terzo nel Peugeot Competition Rally 208 ed è primo di classe al Rally della Val d’Orcia con una 207 S2000.

Nel 2018 il grande exploit: terzo classificato Campionato Italiano Junior su 208 R2B; primo classificato nel Trofeo Peugeot Competition Top 208; primo classificato Trofeo Peugeot Competition Rally 208. Primo classificato nel Trofeo Peugeot Competition Club. Arriva quindi, per la stagione 2019, la “promozione” a pilota ufficiale. “È il coronamento di un sogno che coltivavo fino da piccolo”, dichiara Tommaso Ciuffi.

“Grazie a Peugeot Italia e ai suoi trofei ho avuto la possibilità di concretizzarlo ed ora ho davanti una straordinaria opportunità per crescere ancora. La migliore che si possa avere quando si ha, come me, la speranza di poter arrivare a diventare un pilota professionista. Io e Nicolò ci impegneremo al massimo per imparare e per soddisfare le aspettative di Peugeot. So che vestire i panni del pilota ufficiale è qualcosa di speciale, riservato a pochi. Ma è anche un bel carico di responsabilità, perché in Italia non c’è una squadra vincente quanto Peugeot. L’avere come obiettivo il titolo Tricolore due ruote motrici anziché lo Junior come in passato non mi spaventa: è un incentivo in più e non vedo l’ora di iniziare”.

Tommaso Ciuffi sarà “navigato” da Nicolò Gonella. Nato a Santo Stefano Belbo (Cuneo) il 3 luglio 1995, lavora nell’azienda di famiglia che commercia in uva. Come Tommaso anche Nicolò ha iniziato a gareggiare nel 2015 come copilota di vari piloti, fra cui, Filippo Persico, figlio di Enrico, già vincitore del Trofeo Peugeot. L’anno seguente disputa il Campionato italiano rally con Gianandrea Pisani cogliendo le prime vittorie di classe; nel 2017 l’incontro con Tommaso Ciuffi con cui disputa il Peugeot Competition Top 208; nel 2018, poiché squadra che vince non si cambia, fa coppia fissa con Tommaso Ciuffi e ne condivide i tanti successi.

“Quella 2019 sarà sicuramente una stagione emozionante che ci permetterà di metterci in gioco all’Interno di un team ufficiale. Non nascondo che l’emozione è tanta – confessa Nicolò Gonella – è un sogno che si avvera. Non ci resta che preparare questo inizio di campionato nel migliore nei modi, senza lasciare nulla al caso; gli avversari, come ogni anno, saranno agguerriti ma cercheremo di portare a casa un buon piazzamento fin dalla prima gara. Ci tengo a ringraziare Peugeot Italia, Aci Team Italia e Pirelli per la grande opportunità che ci è stata offerta”.

“L’aver scelto i giovani Tommaso e Nicolò come nostro equipaggio ufficiale per disputare il 2 Ruote Motrici, un campionato da sempre altamente competitivo – dichiara Giulio Marc D’Alberton, responsabile comunicazione di Peugeot – dimostra la nostra fiducia non solo nelle loro qualità, ma anche nella capacità formativa del Peugeot Competition. Infatti, da quarant’anni il nostro trofeo promozionale costituisce l’unico vivaio nazionale che consente la scoperta e la valorizzazione di giovani talenti italiani, permettendo ai migliori di competere alla pari con campioni già affermati. Per noi questo continua ad essere motivo di grande orgoglio e stimolo per proseguire su questa strada, magari per altri quarant’anni”.

La grande stagione di Tommaso Ciuffi con Peugeot

La grande stagione di Tommaso Ciuffi, affiancato dal navigatore Nicolò Gonella, si è conclusa con un clamoroso e inedito en-plein: il pilota fiorentino dopo aver conquistato – in ordine temporale – il Peugeot Competition Rally 208 e il Peugeot Competition Top 208 ha fatto suo anche il Peugeot Competition Club, la serie aperta a tutti i modelli sportivi del Marchio del Leone e legata ai rally regionali. Un cammino trionfale che rende ancora più significativa l’assegnazione al giovane toscano del programma ufficiale 2019 con la Peugeot 208 R2B del team Peugeot Sport Italia – primo premio del Peugeot Competition Top 208 – in una stagione che coinciderà con quella del Quarantennale dei confermati trofei promozionali che la Casa del Leone organizza per i suoi clienti sportivi. Non ancora venticinquenne, Tommaso Ciuffi è risultato il pilota che ha totalizzato il maggior numero di punti nella propria categoria nell’ambito di una singola zona, nel suo caso la Toscana, con 73 punti utili.

Ciuffi ha preceduto il 37enne cuneese Matteo Giordano arrivato a quota 59 nella zona Piemonte-Valle d’Aosta, il promettente ventiduenne pistoiese Thomas Paperini (Zona 5) ed il ventitreenne trentino Alessandro Nerobutto (Zona 4) arrivati a quota 55; piloti che hanno tutti gareggiato con le Peugeot 208 R2B nella categoria 2 ruote motrici Gruppo R. Al quinto posto assoluto e primo fra le 4 ruote motrici è risultato il trentaquattrenne parmense Marcello Razzini che, dopo aver vinto il Peugeot Competition Rally 208 dello scorso anno, è passato nel 2018 sulla più impegnativa Peugeot 208 T16 confermando tutto il suo valore e finendo anche fra i Top 5 della serie nazionale Irc Pirelli. A spuntarla fra le 2 ruote motrici Gruppo N è stato il trentaseienne siciliano Paolo Celi (Peugeot 106 1.6) che ha vinto sul ventinovenne specialista sammarinese dello sterrato Davide Gasperoni e sul quarantaquattrenne biellese Davide Tosini, rispettivamente i migliori di categoria in Zona 7 ed in Zona 2. Fra le 2 ruote motrici Gruppo A successo per il quarantacinquenne piemontese Alfredo Minesi, affezionato protagonista dei monomarca Peugeot.