Articoli

World Rally Championship 2021: Pirelli sulle PS iridate sarde

Pirelli riapre la stagione del rally di vertice, dando il via al programma di test outdoor per lo sviluppo degli pneumatici destinati al World Rally Championship 2021. La prima sessione di prove inizia il 14 luglio 2020 sulle strade della Sardegna e proseguirà domani con un programma dedicato il primo giorno alle gomme da sterrato, il secondo a quelle da asfalto.

Come già anticipato in questo articolo, test driver sarà il norvegese Andreas Mikkelsen – copilota il compatriota Anders Jaeger – che sarà alla guida di una Citroen C3 WRC, “vestita” con una speciale livrea Pirelli realizzata per l’occasione. L’ex pilota ufficiale di Volkswagen, Citroen e Hyundai proverà su terra e asfalto l’ultima generazione di pneumatici Scorpion e P Zero, sviluppate per il World Rally Championship 2021.

Benché il programma di sviluppo sia stato rallentato dall’emergenza sanitaria, Pirelli è in linea con la tabella di marcia per lo sviluppo delle coperture del prossimo campionato. Nel periodo di lock-down, infatti, non si è fermata l’attività di testing indoor e di simulazione, propedeutica alle prove sul campo.

Il programma di test è affidato a Terenzio Testoni, responsabile del Pirelli Rally Activity. In terra sarda, Testoni guiderà un nutrito team di tecnici, esperti di prove su asfalto e sterrato, coadiuvati in remoto dai colleghi della ricerca e sviluppo di Milano.

Obiettivo di questa prima sessione di test, alla quale seguiranno altre due nella prossime settimane, è determinare quanto e come l’accresciuta potenza e downforce delle vetture WRC incide sul degrado, la resistenza e la prestazione degli pneumatici.

“Questi test sono di particolare importanza soprattutto per gli impieghi su terra”, spiega Testoni. “Nella World Rally Championship 2021 circa l’80% degli eventi si tengono su sterrato. Per questo abbiamo scelto la Sardegna che presenta superfici particolarmente impegnative, che non solo sono quelle del Rally d’Italia, ma anche tra le più sfidanti al mondo”. Le temperature attese particolarmente alte, superiori ai 30 gradi centigradi, renderanno i test ancora più impegnativi e significativi.

“Il nostro metodo di lavoro – aggiunge Testoni – prevede prima l’utilizzo di uno pneumatico già testato e di sicura affidabilità, per poi passare a una serie di prototipi in modo da misurarne le prestazioni e la resistenza in maniera comparativa. Tale procedura non riguarda solo lo sviluppo delle gomme da rally, ma anche quelle da pista, Nel caso del rally, però, il compito è molto più impegnativo perché le variabili degli impieghi stradali sono molto più numerose di quelle che si presentano in pista. Per questo torneremo ancora in Sardegna per nuove sessioni, in modo da poter testare i nostri prototipi in una varietà di condizioni molto ampia”

Il testing team Pirelli punta a coprire 200 km al giorno, una distanza giornaliera ampiamente maggiore di una normale gara del World Championship Rally. I dati raccolti alla fine di ogni sessione di test saranno poi analizzati dagli ingegneri Pirelli di Bicocca e costituiranno la base delle sessioni successive.

Trofeo Pirelli Accademia nelle Coppe Rally di Zona

La ripresa dell’attività rallystica in Italia segnerà anche la partenza dell’annunciato nuovo Trofeo Pirelli Accademia che sarà legato alle nove Coppa Rally di Zona ed alla Finale Nazionale ACI Sport Rally Cup Italia.

Grazie all’impegno di ACI Sport, la federazione automobilistica italiana, nella riorganizzazione dei calendari e nella stesura di protocolli di specialità in grado di garantire il doveroso e indispensabile rispetto delle norme anti-contagio, si torna a parlare di rally con la prospettiva di offrire ai praticanti sei mesi di competizioni di buon livello e di rispettare il triplice lo scopo del nuovo Trofeo Pirelli – Accademia:

Favorire l’attività dei piloti privati attraverso un montepremi che Pirelli ha sostanzialmente confermato e in parte integrato, e che va ad aggiungersi a quello – inalterato – messo in palio da Aci Sport per le serie di Zona e che avrà nella finale di Como il suo coronamento.

Supportare tecnicamente gli utilizzatori dei pneumatici Pirelli attraverso la presenza di personale tecnico Pirelli in occasione di selezionate gare di zona per far conoscere meglio le potenzialità e come utilizzare al meglio i pneumatici PZero, Cinturato e Scorpion.

Promuovere i migliori piloti attraverso il montepremi legato alla Finale Nazionale ACI Sport Rally Cup Italia, che già prevedeva anche premi destinati a Under 25 e “femminile” e ora via aggiunge quelli perle vetture di classe R2B.

Iscrizione gratuita, punti Aci Sport. Per semplicità e facilità, il Trofeo Pirelli – Accademia ha iscrizione gratuita e il solo obbligo di utilizzare pneumatici Pirelli. Lo stesso calendario e sistema di punteggio corrisponde con quello previsto da ACI Sport. Pertanto il punteggio finale di ogni Zona per ciascun iscritto si ricaverà semplicemente considerando quello indicato da ACI Sport, escludendo dalla graduatoria finale di zona i piloti non iscritti e/o che non hanno rispettato i regolamenti.

Premi per ogni Zona. Il Trofeo Pirelli- Accademia prevede premi per i primi cinque classificati di ogni Zona, differenziati in base al numero di gare di ciascuna di esse. La classifica di Zona considerata sarà quella unica stralcio dei soli iscritti e terrà in considerazione per ogni pilota il punteggio conquistato nella sua classe.

Premi Pirelli cumulabili con altri. Sempre per favorire i piloti, la formula del Trofeo Pirelli – Accademia è stata studiata perché sia loro possibile competere contemporaneamente anche alla conquista di altri premi cumulabili con i suoi specifici legati ad altre serie che prevedono la possibilità o l’obbligo di utilizzare pneumatici Pirelli, ad iniziare da quelli messi in palio da ACI Sport e quelli del Peugeot Competition.

Dalla Sardegna ripartono i test Pirelli WRC con Mikkelsen

In attesa di conoscere quali saranno i calendari definitivi dopo lo stop imposto dall’emergenza sanitaria, il rally di vertice è pronto a ripartire. Al centro del riavvio della stagione i test Pirelli per lo sviluppo degli pneumatici destinati al WRC 2021, che vedrà la Casa italiana tornare nel ruolo di fornitore unico del campionato.

A ospitare questa prima sessione di test, concordati nei minimi dettagli con FIA, saranno le sfidanti strade della Sardegna, che vedranno impegnata una Citroen C3 WRC che sfoggerà una livrea speciale, realizzata per l’occasione, con i colori Pirelli. Alla guida ci sarà il pluricampione Andreas Mikkelsen, affiancato dall’esperto navigatore Anders Jäger.

Il via al programma di test è previsto per metà luglio e comprenderà sessioni sia su asfalto sia su sterrato, in modo da raccogliere dati sulle principali tipologie di impiego. In particolare, le prove saranno focalizzate sullo sviluppo degli pneumatici a mescola dura, date le temperature elevate e le superfici particolarmente aggressive, tipiche delle prove speciali sarde.

“Per verificare lo stato di avanzamento del nostro sviluppo, che nella parte di simulazioni e di laboratorio è proseguito senza soste anche durante il lock-down, abbiamo scelto la migliore combinazione pilota-vettura. La C3 WRC+, vettura attualmente non impegnata nel Campionato del Mondo Rally, risulta essere estremamente rappresentativa in termini di prestazioni e ci garantisce di sviluppare il prodotto nel massimo rispetto dell’equità sportiva, condizione prioritaria per serie in mono fornitura”, spiega Terenzio Testoni, responsabile delle Competizioni off-road Pirelli.

“Andreas, poi, è ben noto per la professionalità e la sensibilità per gli pneumatici, che con le vetture 2021 dovranno mostrare caratteristiche prestazionali e di affidabilità, particolarmente sfidanti”, aggiunge Testoni.