,

Pirelli dice addio al WRC

La Pirelli ha annunciato che non si candida come fornitore di pneumatici per il trienno 2025-2027 del WRC. Continuerà però il suo impegno nei rally

Ne sarà felice Sebastien Ogier che in questi anni non ha mai risparmiato le critiche ai prodotti dell’azienda italiana. Nella giornata di sabato 16 settembre Pirelli ha annunciato ufficialmente “di non aver presentato alla FIA la sua candidatura come fornitore di pneumatici per il FIA World Rally Championship per il triennio 2025-2027”.

Quindi l’azienda italiana di proprietà cinese nel 2024 terminerà la sua esperienza come monofornitore di pneumatici per il WRC. Se abbandona il palcoscenico iridato, Pirelli nello stesso comunicato “conferma la propria partecipazione a tutte le altre competizioni rallistiche nelle quali è attualmente impegnata. Fra queste, il Campionato Europeo FIA ERC, quest’anno vinto da Hayden Paddon con la Hyundai equipaggiata con gomme Pirelli, una competizione dove si sfidano più case costruttrici di pneumatici, organizzata dallo stesso promoter del WRC. Pirelli è, inoltre, presente in oltre 40 campionati nazionali rally in tutto il mondo e in tutte le principali manifestazioni rallistiche dedicate sia alle vetture contemporanee sia a quelle storiche“.

Una decisione, quella di Pirelli, che può lasciare perplessi ma che non stupisce più di tanto. Come sottolinea la stessa azienda le gomme italiane corrono (e vincono) nei campionati “minori”, se così possiamo chiamarli, ma evidentemente non valeva più la pena continuare ad equipaggiare le vetture della classe e della serie regina del rallismo. Si possono ipotizzare un paio di motivi: da un lato il forte impegno economico richiesto da FIA e Promoter WRC per potersi fregiare della qualifica di fornitore unico delle Rally1 ibride e dall’altro l’incertezza che aleggia sul futuro del Campionato mondiale: il rischio, stante la situazione di Ford, di trovarsi con solo due Case costruttrici e l’assenza, al momento, di proposte ed idee per modificare la situazione dal punto di vista tecnologico.