,

Analisi del sesto successo di Ogier in Portogallo

Ogier, Portogallo 2024

La vittoria di Ogier è stata sigillata da due momenti cruciali. Il primo è stato il secondo passaggio attraverso Amarante, dove il pilota della Toyota è stato il più veloce, guadagnando altri 4,1 secondi su Tänak. Il secondo momento chiave è stato il primo passaggio a Cabeceiras de Basto, la domenica mattina, dove Ogier ha nuovamente superato tutti i suoi avversari.

“Gestione delle gomme identica a sempre” Questa risposta laconica di Sébastien Ogier a un giornalista di Rally TV al termine della tappa di Amarante ha rivelato uno dei segreti dietro molte delle sue vittorie. Ogier, che ha iniziato la sua carriera come meccanico prima di diventare una delle leggende di questo sport, ha un’abilità impareggiabile nel combinare velocità e gestione del degrado degli pneumatici. Questa abilità è stata cruciale nella sua storica sesta vittoria in Portogallo, superando il record che condivideva con Markku Alén.

Gara bilanciata

Ogier ha dovuto lavorare incredibilmente duramente per questa vittoria, poiché il 57° Vodafone Rally de Portugal è stata una delle edizioni più equilibrate di sempre. La gara ha visto cinque diversi leader – Thierry Neuville, Takamoto Katsuta, Kalle Rovanperä, Ott Tänak e Sébastien Ogier – con sei cambi di leadership durante l’evento. Alla fine delle sei tappe, solo 6,9 secondi separavano i primi sei piloti. Dopo la prima tappa di venerdì, Rovanperä era in testa al rally con un vantaggio di solo un secondo su Ogier e 5,4 secondi su Tänak in quarta posizione.

Alla fine del primo passaggio attraverso la tappa più lunga del rally, i 37,24 km di Amarante (SS12), il divario tra il leader Tänak e il secondo classificato Ogier era di soli 0,2 secondi. Tuttavia, la gestione degli pneumatici di Ogier in questa tappa, combinata con una lenta foratura di Tänak, ha permesso al francese di guadagnare 13,8 secondi sull’estone nella tappa successiva, Paredes 1. In questa tappa, Ogier ha “aperto il libro” per la prima volta, guadagnando 8,5 secondi sul secondo più veloce, Adrien Fourmaux, e 12 secondi sul terzo, Neuville.

Momenti cruciali

La vittoria di Ogier è stata sigillata da due momenti cruciali. Il primo è stato il secondo passaggio attraverso Amarante, dove il pilota della Toyota è stato il più veloce, guadagnando altri 4,1 secondi su Tänak. Il secondo momento chiave è stato il primo passaggio a Cabeceiras de Basto, la domenica mattina, dove Ogier ha nuovamente superato tutti i suoi avversari, estendendo il suo vantaggio su Tänak a 18,1 secondi. Da quel momento in poi, Ogier ha adottato un approccio più conservativo, mantenendo il controllo del rally.

Gestione degli pneumatici

Il successo di Ogier nel Vodafone Rally de Portugal può essere attribuito alla sua maestria nella gestione degli pneumatici. Durante la sua carriera, Ogier ha dimostrato un’abilità eccezionale nel bilanciare aggressività e conservazione, sapendo quando spingere al massimo e quando conservare gli pneumatici. Questa abilità è stata evidente in Portogallo, dove è riuscito a estrarre il massimo dalle sue gomme senza comprometterne la durata.

La sua esperienza come meccanico gioca sicuramente un ruolo importante in questo aspetto della sua guida. Comprendere la meccanica e il comportamento della sua auto e dei suoi pneumatici dà a Ogier un vantaggio nel prendere decisioni strategiche durante un rally. Questa conoscenza gli consente di adattare il suo stile di guida alle condizioni, assicurando che i suoi pneumatici rimangano in condizioni ottimali il più a lungo possibile.

Un paesaggio competitivo

L’intensa competizione al Vodafone Rally de Portugal di quest’anno ha aggiunto emozione e sfida all’evento. Con cinque diversi leader e sei cambi di leadership, il rally è stato una vera prova di abilità, strategia e resistenza. Ogni pilota ha dovuto navigare attraverso il terreno insidioso tenendo d’occhio i propri concorrenti, facendo contare ogni secondo.

I margini ristretti tra i migliori piloti hanno evidenziato l’alto livello di competizione e le piccole differenze che possono determinare l’esito di un rally. L’abilità di Ogier nella gestione degli pneumatici e nel prendere decisioni strategiche in momenti cruciali gli ha dato il vantaggio necessario per assicurarsi la vittoria.

Lavoro di squadra

Mentre le abilità e l’esperienza individuali di Ogier sono state cruciali per il suo successo, il ruolo della sua squadra non può essere trascurato. Il rally è uno sport di squadra, e il supporto dei meccanici, degli ingegneri e degli strateghi è essenziale per ottenere risultati di alto livello. La squadra di Ogier gli ha fornito il miglior setup possibile per la sua auto, permettendogli di concentrarsi sulla guida e di sfruttare al massimo le sue capacità.

L’esperienza della squadra nella gestione degli pneumatici, nella messa a punto dell’auto e nella strategia ha giocato un ruolo significativo nella vittoria di Ogier. La loro capacità di fornire informazioni e supporto tempestivi durante il rally ha garantito che Ogier fosse sempre nella migliore posizione possibile per esibirsi al massimo livello.

Conclusione

La stretta vittoria di Sébastien Ogier su Ott Tänak al Vodafone Rally de Portugal con un margine di 7,9 secondi è stata una testimonianza delle sue abilità, esperienza e acume strategico. Lo stesso margine che gli assicurò la sua prima vittoria nel WRC nel 2010 ha nuovamente evidenziato la sua capacità di esibirsi sotto pressione e di sfruttare al massimo ogni opportunità.

L’equilibrio e la competizione al rally di quest’anno lo hanno reso una delle edizioni più entusiasmanti e impegnative degli ultimi tempi. La maestria di Ogier nella gestione degli pneumatici, combinata con il supporto della sua squadra, gli ha permesso di navigare attraverso queste sfide e di emergere vittorioso.

Mentre Ogier continua ad aggiungere alla sua eredità nel mondo dei rally, la sua performance in Portogallo serve come promemoria di ciò che lo rende uno dei più grandi di tutti i tempi. La sua capacità di combinare velocità, strategia e gestione degli pneumatici è senza pari, e la sua vittoria in Portogallo è una testimonianza della sua eccellenza duratura in questo sport.