Ufficiale: Ogier in Toyota, Citroen si ritira dal WRC

Ufficiale: Ogier in Toyota, Citroen si ritira dal WRC

Ogier in Toyota, Citroen si ritira dal WRC. La notizia è di quelle che ti fanno saltare di prima mattina: il sei volte campione del mondo rally si è quasi accordato con Toyota Gazoo Racing per disputare la stagione del WRC 2020 al volante della Yaris WRC Plus con cui Ott Tanak si è aggiudicato il Mondiale Rally 2019, riprendendosi con gli interessi (e con una gara d’anticipo) ciò che gli era stato portato via con merito da Sebastien Ogier l’anno prima, al Rally di Australia 2018.

Ogier in Toyota e fuori dal team con cui ha corso e vinto tanto arriva (quasi scontata) dopo una stagione iridata in cui i risultati sono stati disastrosi, in cui il massimo impegno ha permesso il galleggiamento, di una squadra con una tradizione vincente come Citroen World Rally Team. L’umiliazione e l’insoddisfazione era palpabile già a metà anno. Ma bisognava proseguire. Restava la speranza…

Quasi mai è stata responsabilità dei piloti, né di Ogier né di Lappi. Citroen quest’anno è affondata tra problemi meccanici e di comprensione, a volte nel team e a volte con i fornitori. Situazioni che hanno logorato al punto di non ritorno i rapporti di fiducia tra squadra ed equipaggi. L’intervento della moglie di Ogier sui social è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. La scusa buona per consumare un divorzio annunciato.

Prendono atto della sconfitta in Citroen. Impegnati nel WRC da anni e con alle spalle una quantità significativa di titoli iridati e di campioni del mondo sfornati, e i dirigenti decidono che il prossimo Campionato del Mondo Rally non s’ha da fare. E così, purtroppo, sarà. Il colosso del Gruppo PSA, che ha appena acquisito metà di FCA, non parteciperà al WRC 2020. Effetti della fusione?

Contestualmente al ritiro di Citroen WRT, il Comitato Esecutivo di Groupe PSA ha deciso di “riportare il marchio Peugeot nel Campionato del Mondo Endurance FIA WEC, con un calendario articolato su otto gare, l’ultima delle quali è la 24 Ore di Le Mans. La notevole riduzione dei costi permessa dal nuovo regolamento Hypercar e la conferma che questa serie può schierare vetture con motorizzazioni ibride hanno portato il Comitato Esecutivo di Groupe PSA ad approvare la proposta di Jean Marc Finot, direttore di PSA Motorsport, di partecipare a questo campionato mondiale a partire dal 2022, mentre la partecipazione a Le Mans (gara vinta da Peugeot nel 1992, 1993 e 2009 con la 905 prima e la 908 nel secondo millennio) sarà realisticamente rimandata al 2023”.

Il ritiro di Citroen dal Mondiale Rally con Ogier in Toyota, ha diverse implicazioni negative. La prima è l’impatto sul WRC 2020, che resta orfano di un team importantissimo non solo all’indotto della massima serie internazionale. Ora restano tre squadre, due ufficiali, Toyota e Hyundai, e uno semi ufficiale, Ford M-Sport. Sarebbe bello se Subaru tornasse nel Mondiale, come aveva scritto qualcuno che dava per scontato il ritorno del Costruttore giapponese al rientro del Rally Japan nel WRC. Ma purtroppo non sarà così.

E poi c’è il problema Lappi. Bravo e veloce, aggressivo quando doveva e scudiero su richiesta (come si è visto al Rally di Turchia), il pilota finlandese rischia di restare a piedi. Vero è che il mercato è aperto e in fermento. Ma con un Costruttore in meno ci sono troppi piloti. Con Craig Breen sempre più vicino a Hyundai e Andreas Mikkelsen pieno di punti interrogativi, Esapekka Lappi potrebbe avere grandi problemi a trovare un sedile full time nel WRC 2020.

In ogni caso, Ogier e Lappi sono sotto contratto fino al 2020. Se è vero che solo Ogier può salvare Citroen Racing, è altrettanto vero che solo il ritiro di Citroen dal WRC può rendere libero Ogier. A meno che il sei volte campione del mondo rally non decida di ritirarsi, affondando la squadra. Tipo “muoia Sansone e tutti i filistei”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Vuoi condividere con RS cosa pensi o vuoi fare segnalazioni?