La Commissione Rally spegne le polemiche sulla Coppa della discordia

basso alba 2024

Su decisione della Commissione rally, già dal Rally Targa Florio, al termine della gara saranno da prevedere podi e premiazioni per l’assoluta anche per i partecipanti alla Coppa Rally di Zona e non solo per chi corre nel Campionato Italiano Rally. Per le classi resta la norma attuale…

Era nell’aria già domenica 5 maggio che stava per accadere qualcosa. Qualcosa di gradito a piloti, copiloti e preparatori della Coppa Rally di Zona per mano della Commissione Rally Aci Sport. Non solo per quelli di Zona 1, ma per tutti. Però, per l’appunto, il 5 maggio era domenica e bisognava pazientare fino a lunedì. Questione di ore…

Così, lunedì 6 maggio la Commissione Rally Aci Sport presieduta da Daniele Settimo ha preso una decisione capace di spegnere definitivamente ogni polemica e mal di pancia a strascico sulle premiazioni e sui podi dei vincitori assoluti durante le gare valide per quello che è il Campionato Italiano Rally più divertente degli ultimi anni. E ha già fatto comunicare la novità ai diversi uffici e diretti interessati sul territorio nazionale. Invece, per le vittorie di classe la norma resta così com’è…

Dunque, già dal prossimo weekend, quindi già a cominciare dal Rally Targa Florio, ormai ai nastri di partenza, al termine della gara saranno da prevedere podi e premiazioni per l’assoluta anche per i partecipanti alla CRZ. Mentre per le classi resta in vigore la norma così come è stata concepita. La decisione presa dalla Commissione Rally Aci Sport rappresenta un passo significativo verso l’eliminazione di tali controversie. Con l’obiettivo di garantire una maggiore coerenza ed equità nelle premiazioni.

Le lamentele erano emerse al Valle d’Aosta, sotto forma di delusione post-Rally di Alba. La federazione italiana si è prontamente interessata del problema e altrettanto velocemente è stata risolutiva, decidendo in poche ore e prendendo una decisione di buon senso. In termini di premiazioni e podi si torna al 2023. Un plauso a quella che è certamente una decisione unificatrice.

Tale approccio mira ad assicurare che i premi vengano assegnati in modo equo e coerente in tutte le gare valide per il Campionato Italiano Rally, contribuendo così a promuovere un ambiente di competizione sano e rispettoso. La decisione della Commissione Rally Aci Sport sta suscitando reazioni positive da parte della comunità rallystica italiana. Piloti, team e appassionati accolgono già con favore questa iniziativa, vedendola come un passo nella giusta direzione anche per migliorare l’attrattiva delle competizioni.

Il presidente Settimo da sempre è molto attento anche all’immagine che una gara comunica all’esterno della comunità di appassionati e per il territorio e in alcune occasioni pre-Covid ci aveva esposto interessanti idee che voleva mettere in atto a partire da 2021. Poi la pandemia e il lock-down lo costrinsero ad occuparsi di ben altre problematiche e oggi combattiamo con una crisi senza precedenti.