Gryazin, Crugnola, Andolfi e Basso dopo il Rally di Alba

Ecco le dichiarazioni di rito del vincitore assoluto del Rally di Alba e dei primi tre equipaggi della classifica del Campionato Italiano Rally Assoluto, che in gara sono arrivati rispettivamente secondo, terzo e quarto.

Nikolay Gryazin

“La gara è andata veramente bene! Mi sono veramente divertito a guidare in Italia al Rally di Alba. Le strade erano molto belle: c’erano diverse condizioni molto stimolanti in un’unica gara. Per questo motivo era necessario avere un set up universale per essere sicuri di essere veloci ovunque ed era fondamentale aggiustare la guida per ogni tipologia di percorso. Credo che noi ci siamo riusciti e siamo stati in grado di competere con i ragazzi locali e siamo pure riusciti a vincere e siamo molto soddisfatti del risultato. Tutto è stato possibile grazie all’ottima organizzazione, al team Delta Rally e ai nostri sponsor. I fans sono stati veramente gentili con noi e per noi è veramente importante avere il supporto degli spettatori in gara. Spero di tornare presto a correre qui!”.

Andrea Crugnola

“Sono davvero soddisfatto per la gara che abbiamo disputato. Il Rally di Alba, estremamente veloce, è atipico per noi italiani rispetto a quelli a cui siamo abituati. E la lotta all’ultimo centesimo con gli altri sfidanti per il campionato italiano, che siamo riusciti a dominare, credo abbia offerto un bello spettacolo. Ci tengo inoltre a sottolineare il gran lavoro da parte della FPF Sport e di Pirelli, che riescono sempre a garantirmi un supporto tecnico eccezionale. E non posso che ringraziare gli sponsor, Luca Vicario e Cristian Marsic, che ci permettono di poterci giocare il titolo. Cosa aggiungere? Che sono veramente super super contento! C’era un po’ di tensione alla vigilia, perché Alba era un’incognita per tutti e la vicinanza in termini di punteggi era diventata davvero poca. Direi che il risultato finale premia Andrea e Pietro per come hanno saputo gestire la gara, portando a casa un grandissimo risultato”.

Fabio Andolfi

“Siamo contenti, è stata una gara molto bella con delle grandi prove speciali in cui abbiamo trovato tutte le caratteristiche del rally: guidato, lento, veloce, sporco, veramente selettive ma anche divertenti. Ci abbiamo provato fino alla fine, cercando di migliorare ad ogni passaggio, devo fare i complimenti agli avversari perché oggi era veramente difficile”.

Giandomenico Basso

“Non siamo completamente soddisfatti di questo risultato, ma aver concluso un rally difficile e impegnativo come Alba sarà molto utile per la seconda parte del campionato»racconta Basso. «Siamo alla prima stagione con una vettura completamente nuova e stiamo ancora affinando tanti dettagli che in un campionato così competitivo fanno la differenza. Mi manca ancora qualcosa per sfruttare tutto il potenziale della vettura e in un rally inedito e veloce come questo non ho potuto contare ancora su una totale confidenza con la i20 N Rally2 gommata Pirelli. Continuiamo però a lavorare sodo con gli ingegneri di Hyundai Motorsport Customer Racing e i tecnici del team Friulmotor per arrivare dove ci meritiamo. Guardo con ottimismo al futuro specialmente alla prossima tappa al Rally di Roma Capitale di fine luglio. Anche questo rally vivrà su una grande sfida internazionale, visto che è valevole anche per il Campionato Rally Europeo, ma su queste strade ho vinto due volte e due volte sono arrivato secondo nelle ultime edizioni e dunque partirò con l’obiettivo di vincere per continuare a difendere la corona di campione italiano in carica”.