Grandi numeri per il 35° Rally Prealpi Orobiche

Questo fine settimana stanno per riaccendersi i motori nella provincia di Bergamo grazie alla 35°edizione del Rally Prealpi Orobiche. Una gara che si preannuncia ricca di spunti interessanti, vista la presenza di ben 131 equipaggi, pronti a sfidarsi sulle impegnative prove di Colli di San Fermo, Valserina e della mitica Selvino, divenuta famosa a livello internazionale grazie al Rally di Monza dello scorso dicembre.

Per quanto riguarda l’elenco iscritti la gara potrà contare sulla presenza di 23 vetture della classe Rally2, dove a farla da padrone saranno le Skoda Fabia. Tra i piloti al volante della vettura boema saranno da tenere d’occhio Andrea Mabellini, in coppia con Virginia Lenzi, e l’equipaggio composto da Marco Colombi e Angelica Rivoir, vincitori da questi parti nel 2018. A questi si aggiungono Ilario Bondioni, navigato da Sofia D’Ambrosio, e il veloce Loris Ghelfi, autore di ottime prestazioni nelle passate edizioni della gara bergamasca.

Infine, su una delle tante Fabia presenti, ci sarà il comasco Marco Silva, grande protagonista alcuni anni or sono del Trofeo Rally Asfalto. Ovviamente per la vittoria finale bisognerà fare i conti anche con Marco Gianesini, in coppia con Marco Bergonzi, su Citroen C3 Rally2. Il valtellinese cercherà sicuramente di ripetere l’exploit del 2014, quando si aggiudicò la gara al volante di una Ford Fiesta RRC.

Nelle altri classi, a cominciare dalla S2000, si preannuncia una bella battaglia tra le Peugeot 207 di “Iceman”, al secolo Luciano Pascolani, Carlo Allieri e Filippo Ambrosini. La RGT segna il ritorno alla competizioni di Orlando Redolfi, grande preparatore delle Porsche sia in pista che nei rally. All’età di settantatré anni, dopo un lungo periodo di inattività, si ributta nella mischia al volante di una Porsche 997, affiancato per l’occasione da Simona Savastano. Tra le S1600 si daranno battaglia le Renault Clio di Marco Pulici, Alessandro Casano, Walter Sanvito, Luca Sassi, Mauro Invernici e Paolo Rigoni. Infine sarà molto serrata e combattuta la R3C e la R2B, con molti piloti pronti a lottare sul filo dei decimi per il primato di categoria.