Sgadò-De Angeli 2019

Una Peugeot 207 S2000 per sognare la finale di Como

Maranello Corse si assicura un altro pilastro del rallysmo toscano: a rimpolpare le fila della scuderia modenese arriva il 54enne massese Giorgio Sgadò, uno dei piloti più esperti ed apprezzati della propria regione. Attivo dall’ormai lontano 1987, Sgadò ha alle spalle un numero ormai incalcolabile di gare ed un corposo bottino di soddisfazioni (con alcuni piazzamenti a podio nelle classifiche assolute e tantissime vittorie di classe, soprattutto ai tempi delle scorribande sulle Clio Williams gruppo A), ma la voglia di correre e di mettersi in gioco è rimasta quella degli esordi.

Così, in questo 2020 Sgadò ha deciso di tuffarsi in un’avventura inedita e, per farlo, ha scelto Maranello Corse: la nuova frontiera è rappresentata dalla sempre competitiva ed iper-professionale Peugeot 207 di classe S2000 preparata dal team lucchese MM Motorsport, con la quale Giorgio affronterà la Coppa Rally di Zona della Toscana insieme al navigatore (pure lui massese) Gabriele De Angeli; cinque, quindi, gli appuntamenti in calendario, con la sola eccezione dell’Elba, che il sempreverde apuano ha deciso di non disputare.

“Ci affacciamo a questa nuova stagione con un entusiasmo quasi da principiante – esclama Sgadò -. Sebbene in pratica non abbia alcuna confidenza con la Peugeot 207, che ho guidato solo in un ‘formula challenge’, mi sento tranquillo e fiducioso come non mai: ad infondermi questa sicurezza è la consapevolezza di correre per una scuderia di alto livello ed uno dei migliori team in Italia, nonché certamente il migliore in Toscana. Mi affido dunque a Maranello Corse ed MM Motorsport, certo che mi metteranno nelle condizioni ideali per disputare una bella stagione”.

“Il programma che abbiamo allestito è decisamente valido, per un ‘privatissimo’ quale sono io: conosco le gare, tutte molto belle ed impegnative, e correrò con Gabriele De Angeli, un navigatore con il quale c’è ottima intesa e che apprezzo per le qualità umane e per la dedizione che ci mette nella sua attività. L’obiettivo è quello di conquistare il titolo della classe S2000 della Coppa Rally di Zona 6, mentre non ci facciamo illusioni sul fronte della classifica generale, data la presenza di molte vetture della più recente e competitiva classe R5. Diciamo che il sogno sarebbe quello di conquistare il passaporto per la finale di Coppa Italia, a Como: sarebbe una splendida ciliegina sulla torta. Intanto, però, ci concentriamo sull’apprendimento della vettura, puntando anche a divertirci, come sempre. La prima gara, il Ciocco Nazionale di metà marzo, è un rally che conosco ed apprezzo: non vedo l’ora di scoprire le caratteristiche della 207 sugli asfalti lucchesi…”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *