Damiano De Tommaso, Rally Sanremo 2021

CIAR, Rally Sanremo: sfida al sapore di iride

Il Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco 2022 viaggia spedito verso la seconda tappa stagionale nel Rallye Sanremo. La Città dei Fiori torna in fermento per la 69^ edizione della gara organizzata dall’AC Ponente Ligure, in programma nelle giornate di venerdì 8 e sabato 9 aprile. Un grande classico del rallismo internazionale che anche quest’anno arriva presto nel calendario ed è chiamato ad aprire la corsa per il CIAR Junior, la serie tricolore giovanile firmata ACI Sport fortemente rinnovata, al primo dei suoi sei appuntamenti. Si annuncia uno spettacolo completo, ricco di 130 vetture iscritte, con 80 equipaggi impegnati per la gara maggiore affiancati, solo al sabato, da altri 58 equipaggi per il 14° Sanremo Leggenda, valido come secondo round della Coppa Rally di 2^ Zona. Sarà di nuovo festa a tutti gli effetti dato che a Sanremo si riaprono le porte al pubblico, con green-pass base, mascherina e distanziamento, anche nel Parco Assistenza ed in occasione delle cerimonie di partenza e arrivo, che tornano sotto alla celebre scalinata del Casinò di Sanremo.

Il percorso tutto su asfalto è sviluppato su 461,89 chilometri complessivi, dei quali 122,81 cronometrati su 11 prove speciali divisi in due giornate. Molto interessante già il programma iniziale del venerdì con l’antipasto dei test nello shakedown dalle ore 8.00, in località San Romolo, ad introdurre la partenza da Corso Imperatrice prevista dalle ore 14.00. Poi la prima parte di gara con cinque speciali per 52 chilometri di crono, sulle strade più vicine alla costiera, a partire dalla breve Power Stage “Vigne di Bajardo” (2,27 km | SSS1 ore 15.00) seguita da due giri, anche in notturna, sulla “Vignai” (14,23 km | SS2 ore 17.24, SS4 ore 20.09) e sulla “Bignone” (10,51 km | SS3 ore 17.50, SS5 ore 20.35). La seconda porzione del rally al sabato sarà più consistente e più spostata sugli asfalti dell’entroterra, per 71 chilometri in 6 prove speciali con due passaggi sulla “Passo Teglia” (9,17 km | SS6 ore 10,32 e SS9 ore 15.08), sulla più lunga “Langan” (19 km | SS7 ore 10.54 e SS10 ore 15.30) e a chiudere la “Semoigo” (7,36 km | SS8 ore 11.53 e SS11 ore 16.29). L’arrivo è previsto per le 17.20 sempre all’ombra del Casinò.

Ottanta, di qualità, gli equipaggi iscritti al rally maggiore valevole per il secondo atto CIAR Sparco, 19 di questi su vetture della massima categoria Rally2, tra i quali sono confermati tutti i migliori del tricolore. Comandano la classifica assoluta e torneranno a vestire la livrea n°1 Andrea Crugnola e Pietro Ometto sulla Citroen C3. Il varesino leader con 23 punti arriva in Liguria, dove non ha mai vinto, dopo il successo solo sfiorato lo scorso anno ma con gli eccellenti presupposti dell’apertura al Ciocco, dove ha dominato la gara. È attesa ora la reazione dei rivali più quotati, che dopo il primo rally devono dimostrare di aver superato il rodaggio e i diversi cambiamenti di vettura e team. Primo tra gli inseguitori l’altro varesotto Damiano De Tommaso, navigato da Giorgia Ascalone su Skoda Fabia Rally2, secondo assoluto con 15 punti guadagnati in Toscana, dove è stato l’unico ad impensierire Crugnola. Servirà una reazione ai campioni in carica Giandomenico Basso e Lorenzo Granai con la Hyundai i20, terzi dell’Italiano a quota 15 punti, entrati in sintonia con il nuovo pacchetto tecnico solo nel finale del Ciocco ed ora in cerca di continuità. Il trevigiano può vantare tre vittorie a Sanremo, anche se l’ultima risale al 2013. Il quartetto di testa del CIAR Sparco appartiene tutto alla squadra ACI Team Italia e si completa con i bresciani Stefano Albertini e Danilo Fappani, mai soddisfatti del feeling raggiunto con la loro Skoda nell’apertura ma sicuramente tra gli equipaggi candidati alla lotta per il vertice.

La novità che potrebbe stravolgere gli equilibri del Campionato è il ritorno di Craig Breen. L’irlandese del Mondiale Rally, passato intanto a vestire i panni di pilota ufficiale Ford M-Sport, rientra in corsa per il tricolore proprio in vista della gara che ha vinto nelle ultime due edizioni. Stavolta però farà il suo debutto su una Ford Fiesta Rally2 e per la prima volta navigato dal connazionale John Rowan. Altra novità a sorpresa la partecipazione estemporanea di Mads Ostberg. Il norvegese, volto noto del WRC, sarà però trasparente ai fini della classifica di campionato poiché non iscritto al CIAR, ma potrà comunque puntare alla vittoria in gara al volante di Citroen C3 Rally2 insieme allo svedese Patrick Barth.

Numeroso il gruppo di top driver italiani che potranno dire la loro sia per il podio generale che per i primi posti del Campionato Italiano Rally Promozione, la speciale serie nella serie riservata ai piloti che non hanno mai vinto nell’Assoluto. Dietro al leader De Tommaso, vuole farsi avanti il lucchese Rudy Michelini con Michele Perna su Volkswagen Polo, tra i più presenti sulle strade sanremesi come il pavese di ACI Team Italia Giacomo Scattolon, su Skoda, chiamato ad onorare i festeggiamenti per il navigatore Giovanni Bernacchini che si affaccia al 300° rally. Freme Fabio Andolfi. Il savonese su Skoda con Manuel Fenoli può riscattarsi nella gara di casa dopo una prima trasferta più sofferta del previsto. Voglia di reagire dopo una prima uscita in affanno anche per il fiorentino Tommaso Ciuffi, navigato da Nicolò Gonella su Skoda con i colori ACI Team Italia. Un bel gruppo di giovani quindi che si arricchisce con le presenze del lucchese Christopher Lucchesi Jr., con mamma Titti Ghilardi al fianco, alla seconda presenza sulle quattro ruote motrici della Skoda Fabia e del palermitano Alessio Profeta, per la prima volta navigato da Silvia Croce, anche lui sulla boema Rally2. A loro si aggiunge l’esperienza di Antonio Rusce sempre navigato da Giulia Paganoni sulla nuova Hyundai i20.

Nuovo ingresso interessante nel Campionato Italiano Rally Promozione quello di Simone Miele insieme ad Eleonora Mori su Skoda. Il varesotto, dopo una serie di stagioni su Citroen DS3 WRC e tra i protagonisti del Campionato Italiano WRC, sbarca ora nella massima serie nazionale dopo aver testato la Rally2 nella Ronde Val Merula chiusa con il secondo assoluto.

Numerosa anche la compagine del Campionato Italiano Due Ruote Motrici. La categoria cadetta ha proposto subito in testa Gianandrea Pisani, mattatore di categoria sulle strade amiche del Ciocco. Ora si alzerà l’asticella per il lucchese su Peugeot 208, navigato da Fabrizio Vecoli, perché dovrà confermare la leadership anche in trasferta per difendersi dagli attacchi dei vari avversari tra le Rally4, soprattutto i più giovani. Come il bresciano Andrea Mabellini, subito efficace e secondo classificato in Garfagnana, di diritto tra gli osservati in coppia con Virginia Lenzi su Renault Clio. Tra i migliori dell’apertura, al quarto posto, c’è stato il cuneese Stefano Santero, altra bella novità di questo CIAR anche lui sulla Rally4 francese, navigato da Mirko Pelagantini. Dovrà aumentare il passo l’altro talento bresciano Luca Bottarelli, dopo un primo round di riadattamento alle due ruote motrici della 208 insieme a Walter Pasini. Anche tutti gli altri protagonisti del CIAR 2RM saranno su Peugeot 208, diversi giovani come il piacentino Christian Tiramani alla scoperta delle strade sanremesi insieme a Enrico Bracchi, il trentino Fabio Farina con Gabriele Zanni ed il vicentino Nicola Cazzaro nel nuovo tandem con Sergio Raccuia alle note. Altri con più esperienza all’attivo ma alle prime apparizioni sulle strade dell’Italiano, come l’ossolano Fabrizio Giovanella con Andrea Dresti, reduce dal ritiro prematuro al Ciocco, l’alessandrino Peirluigi Maurino con Andrea Bruno, quindi il genovese Emanuele Fiore alla terza presenza consecutiva nella “gara di casa”, affiancato da Andrea Casalini.

Sul palcoscenico sanremese farà il debutto anche quest’anno il Campionato Italiano Assoluto Rally Junior. Dopo la presentazione di fine marzo in grande stile nel cuore di Roma e i test collettivi di inizio anno svolti in questi giorni, il tricolore riservato agli Under 28 è ora pronto a scendere in strada. Il Rallye Sanremo è il primo di sei appuntamenti in calendario, quattro su asfalto con l’aggiunta del Roma Capitale, del 1000 Miglia e dell’ultimo Due Valli che seguiranno ai due round consecutivi sul fondo sterrato dell’Adriatico e del San Marino, seconda e terza gara in affiancamento al Campionato Italiano Rally Terra.

La formazione ACI Team Italia presenta ancora 10 equipaggi al via, tutti sulle nuove Renault Clio Rally 5 gestite unicamente da Motorsport Italia, gommate Pirelli, equipaggiate con sistemi di sicurezza da Sparco. Ad una prima occhiata il gruppo sembra diviso tra ragazzi più esperti e debuttanti. Tre piloti affronteranno il secondo anno da Junior, come il messinese Alessandro Casella (classe ’94) navigato da Rosario Siragusano, vincitore a Sanremo e in corsa per il titolo 2021 fino all’ultima speciale, il salentino Guglielmo De Nuzzo (‘95) navigato quest’anno da Fabio Grimaldi, quinto in questo rally come nella classifica finale del 2021 e il torinese Davide Porta (‘01) anche lui con il nuovo navigatore Marco Demontis, subito in cerca di rivincita dopo il ritiro dell’ultimo Sanremo. Tra i più “esperti” c’è anche il nome del pavese Davide Nicelli (’94), con Tiziano Pieri alla destra, attuale leader del Campionato Italiano R1, l’unico presente al Ciocco in gara test con la nuova Clio, la stessa con la quale ha conquistato la vittoria nell’ultimo trofeo monomarca Renault.

Quindi una serie di new entry, tra volti già intravisti nelle serie maggiori come il trevigiano Mattia Zanin (‘01), anche lui proveniente dal trofeo Renault, con Fabio Pizzol alle note, oppure il padovano Edoardo De Antoni (’97), con Martina Musiari, impegnato nella passata stagione nella Toyota GR Yaris Rally Cup, quindi l’emiliano Davide Gianaroli (’99), con Alessio Spezzani, iscritto allo Junior in virtù della vittoria nella Finale Nazionale della CRZ in categoria Under 25 2RM. L’altra parte sono veri esordienti, come la casaranese Sara Carra (’93) con Giovanni Barbaro, la prima pilota donna del CIAR Junior e il foggiano Fabio Solitro (’98) con Rosario Navarra, entrambi già presenti lo scorso anno a Sanremo. Completa la splendida decina dello Junior l’altro torinese Matteo Ceriali (’99) con Luca Ferraris che nella scorsa stagione ha maturato diverse presenze nelle diverse tappe del campionato.

Tra le piccole Rally5 tornano in gara anche le Swift per il secondo round della Suzuki Rally Cup. Cresce il numero dei partecipanti nel monomarca giapponese che a Sanremo potrà vantare la presenza di 14 equipaggi al via sulle versioni 1.0 Boosterjet, Sport 1.6, quindi l’ultima nata e subito vincente Sport Hybrid. Il capofila sarà il cuneese Matteo Giordano, che dovrà guardarsi soprattutto dal sempre efficace ed esperto driver catanese Giorgio Fichera, numero due della serie, come dagli attacchi del trentino Roberto Pellé e dall’attesa reazione del giovane ossolano Igor Iani, tra i più quotati.