Thierry Neuville, MonteCarlo 2022

Allarme sicurezza sulla Hyundai i20 Rally1 per le staffe dei sedili

Archiviato il Rally di Estonia, facendo finta di aver già dimenticato la giusta polemica di Ott Tanak sulla totale assenza di un vero leader alla guida della squadra, arriva un vero e proprio fulmine per la squadra coreana. E a lanciarlo è Thierry Neuville. Il pilota belga, che da inizio anno lotta insieme a Tanäk con rotture degli alberi di trasmissione, fumi che entrano nell’abitacolo, prese d’aria che aspirano sabbia, eccetera, è persino stufo di parlarne. Ma non demotivato.

“Non ricominciamo a parlare di questi problemi – ha detto -. Restiamo positivi, continuiamo a lottare. C’è sempre un po’ di speranza per qualche miglioramento”. Poi, però, fa una sconcertante rivelazione: “Dalla Croazia ci siamo accorti, dopo grandi salti, che le staffe che tengono i sedili iniziano a muoversi. Siamo seduti abbastanza in alto nella macchina, quindi le staffe sono piuttosto lunghe e, con il peso, l’abbiamo sentite piegarsi. È molto scomodo guidare con il volante fuori centro. Sembra di avere una gomma forata”.

Ma soprattutto non è neppure sicuro correre in queste condizioni, ma Julien Moncet replica: “Le staffe dei sedili sono progettate e omologate secondo i requisiti di sicurezza della rigidità FIA e hanno superato con successo il test di omologazione”.