Articoli

Mercato Piloti fermento in attesa del Rally Monte-Carlo

WRC, mercato piloti: fermento in attesa del Rally Monte-Carlo

Per gli appassionati, e perché no, anche per i giornalisti è sempre entusiasmante fantasticare ed apprendere il passaggio di scuderia per i piloti ufficiali e quest’anno è stato davvero pieno di sorprese che potrebbero non essere finite. Ed ecco, quindi, che Sebastien Loeb, disoccupato di lusso dopo che Peugeot ha ufficialmente lasciato il Fia World Rally Championship e dopo che la Citroen Racing ha dichiarato che l’extraterrestre non farà parte dei programmi 2019, è stato accostato alla Hyundai Motorsport.

Oggi, però, non ce ne vogliano i rallysti, la notizia è che alla prima gara del WRC 2019, la scuderia coreana ha già iscritto i tre piloti dell’anno 2018: Thierry Neuville, Andreas Mikkelsen e Dani Sordo, forte di un rinnovato accordo di dieci tappe mondiali. Niente spazio per Loeb per il primo appuntamento mondiale, anche se il Team Manager di Hyundai, Alain Penasse, non ha negato di aver parlato con il nove volte campione francese ma ad oggi non ci sono accordi. Se ne parlerà per la Svezia? Qui la decisione sulla terza macchina non è certa, non sapendo se Hayden Paddon sia il candidato per sostituire Sordo sulle nevi svedesi.

Chi, invece, non ha ancora comunicato i programmi 2019 è la M-Sport con Wilson che lavora dietro le quinte, sornione come il solito: nel 2017 nessuno credeva che Ogier sarebbe sbarcato nel Team inglese, eppure, anche grazie allo sponsor Red Bull, non solo il pilota di Gap è arrivato, ma ha anche vinto due mondiali di fila. Non escludiamo, quindi, che l’affaire Loeb M-Sport vada in porto e che saranno quindi molti a mordersi le mani: Loeb è sempre meglio averlo nella propria squadra che contro. Chissà, forse il francese non ha intenzione di correre in giro per il mondo, ma potrebbe togliersi qualche bella soddisfazione come e più di quest’anno.

Effettivamente nella scuderia inglese di Wilson l’unico confermato è Teemu Suninen, per il resto nebbia assoluta. Ma sognare un 2019 da urlo non costa nulla.

 

 

v

WRC Clamoroso: Sébastien Loeb vince in Spagna

Sébastien Loeb vince in Spagna e lo fa in modo emozionante. Un successo da favola al Rally Racc Catalunya Rally di Spagna che arriva ad oltre cinque anni dalla sua ultima vittoria WRC. Il nove volte campione del mondo, alla guida della Citroën C3 WRC Plus, ha vinto la gara mista per 2″9 sulla Ford Fiesta di Sébastien Ogier in una strepitosa corsa a testa a testa. Un WRC clamoroso quello di quest’anno. Elfyn Evans ha strappato il terzo posto a Thierry Neuville negli ultimi chilometri, quando il belga ha colpito un sasso e ha rotto la ruota posteriore destra della Hyundai i20 WRC Plus. Neuville è finito quarto e ha ceduto la corsa al titolo del Fia World Rally Championship a Ogier che dovrebbe riuscire a conquistarla il prossimo mese in Australia. Ott Tänak ha vinto l’ultima live Power Stage TV per rivendicare cinque punti bonus con la Toyota Yaris WRC Plus.

La classifica assoluta del Rally di Spagna

Pos # Pilota Tempo Distacco Distacco dal 1°
1. 10 FRA S. LOEB 3:12:08.0
2. 1 FRA S. OGIER 3:12:10.9 +2.9 +2.9
3. 2 GBR E. EVANS 3:12:24.5 +13.6 +16.5
4. 5 BEL T. NEUVILLE 3:12:25.0 +0.5 +17.0
5. 6 ESP D. SORDO 3:12:26.6 +1.6 +18.6
6. 8 EST O. TÄNAK 3:13:11.9 +45.3 +1:03.9
7. 9 FIN E. LAPPI 3:13:24.6 +12.7 +1:16.6
8. 7 FIN J. LATVALA 3:13:34.4 +9.8 +1:26.4
9. 11 IRL C. BREEN 3:14:15.0 +40.6 +2:07.0
10. 4 NOR A. MIKKELSEN 3:14:56.2 +41.2 +2:48.2
11. 3 FIN T. SUNINEN 3:16:00.0 +1:03.8 +3:52.0
12. 32 FIN K. ROVANPERÄ 3:20:47.6 +4:47.6 +8:39.6
13. 31 CZE J. KOPECKÝ 3:20:56.1 +8.5 +8:48.1
14. 49 NOR P. SOLBERG 3:22:24.2 +1:28.1 +10:16.2
15. 40 POL K. KAJETANOWICZ 3:22:47.2 +23.0 +10:39.2
16. 44 ESP N. SOLANS 3:23:46.9 +59.7 +11:38.9
17. 50 NOR H. SOLBERG 3:25:35.0 +1:48.1 +13:27.0
18. 38 FRA P. LOUBET 3:25:41.1 +6.1 +13:33.1
19. 34 ITA F. ANDOLFI 3:32:59.6 +7:18.5 +20:51.6
20. 36 NOR O. VEIBY 3:33:20.5 +20.9 +21:12.5
21. 12 ARE K. AL QASSIMI 3:33:36.6 +16.1 +21:28.6
22. 41 ROU S. TEMPESTINI 3:37:42.9 +4:06.3 +25:34.9
23. 35 FIN J. HUTTUNEN 3:41:56.7 +4:13.8 +29:48.7
24. 39 JPN T. KATSUTA 3:42:09.9 +13.2 +30:01.9
25. 81 ESP A. ORRIOLS 3:43:27.6 +1:17.7 +31:19.6
26. 45 GBR R. YATES 3:44:28.3 +1:00.7 +32:20.3
27. 94 ESP J. SOLANS 3:45:04.6 +36.3 +32:56.6
28. 92 FRA J. FRANCESCHI 3:45:07.1 +2.5 +32:59.1
29. 95 ESP J. BASSAS 3:45:50.6 +43.5 +33:42.6
30. 83 FRA J. RAOUX 3:47:22.4 +1:31.8 +35:14.4
31. 52 ESP J. LOPEZ 3:52:44.6 +5:22.2 +40:36.6
32. 37 FRA S. LEFEBVRE 3:56:28.9 +3:44.3 +44:20.9
33. 33 POL L. PIENIAZEK 3:57:05.9 +37.0 +44:57.9
34. 62 ITA E. BRAZZOLI 3:58:18.3 +1:12.4 +46:10.3
35. 47 FRA E. CAMILLI 4:01:26.3 +3:08.0 +49:18.3
36. 97 ESP R. BLACH 4:01:34.4 +8.1 +49:26.4
37. 113 ESP A. ROMERO 4:01:58.6 +24.2 +49:50.6
38. 61 FIN T. LARIO 4:02:36.3 +37.7 +50:28.3
39. 108 ARG L. BONOMI 4:05:58.6 +3:22.3 +53:50.6
40. 93 GBR T. WILLIAMS 4:07:49.3 +1:50.7 +55:41.3
41. 107 GBR N. TEJPAR 4:13:36.5 +5:47.2 +1:01:28.5
42. 84 IRL E. BOLAND 4:14:03.9 +27.4 +1:01:55.9
43. 86 NLD H. BAKKENES 4:15:09.5 +1:05.6 +1:03:01.5
44. 115 FRA P. GOMEZ 4:15:36.6 +27.1 +1:03:28.6
45. 117 ITA P. RAVIGLIONE 4:20:12.4 +4:35.8 +1:08:04.4
46. 85 ITA F. ARENGI 4:21:21.0 +1:08.6 +1:09:13.0
47. 114 FRA L. GELLUSSEAU 4:29:32.3 +8:11.3 +1:17:24.3
48. 63 GBR L. COOK 4:32:19.8 +2:47.5 +1:20:11.8
49. 90 ESP M. PARES 4:40:00.2 +7:40.4 +1:27:52.2
50. 46 BOL M. BULACIA 4:40:32.3 +32.1 +1:28:24.3
51. 118 ESP A. TALLADA 4:45:42.6 +5:10.3 +1:33:34.6
52. 112 ESP A. COTANO 4:56:16.8 +10:34.2 +1:44:08.8
53. 87 ESP E. LLARENA 5:39:41.5 +43:24.7 +2:27:33.5
Sébastien Loeb

Sébastien Loeb fa il Cannibale e vince due prove speciali

Sébastien Loeb si è imposto nella mattinata di domenica al Rally Racc Catalunya-Rally di Spagna grazie ad una scelta azzeccata di pneumatici. Questo gli ha fruttato il successo sulle PS15-16. Le strade asfaltate vicino a Salou si sono asciugate rapidamente dopo la pioggia della notte e il nove volte campione del mondo è stato l’unico pilota in scommettere sulle gomme della mescola dura Michelin, poiché i suoi avversari hanno scelto l’opzione più morbida. Il francese ha vinto entrambe le prove speciali di Riudecanyes e Santa Marina con la sua Citroën C3 WRC, passando dal terzo posto al vantaggio di 7″1 su Jari-Matti Latvala.

Le gomme giuste pagano Loeb il Cannibale

‘Le informazioni che avevamo avuto erano chiare. Le strade si stavano asciugando e sapevo che se avessi usato gomme dure in queste condizioni avrei potuto essere veloce. Penso che sia stata la scelta giusta “, ha detto il nove volte campione del mondo Sébastien Loeb. I suoi rivali la pensavano diversamente. Ma hanno sbagliato: le gomme morbide non hanno pagato su strade che si sono asciugate molto più velocemente del previsto a causa di una forte brezza. Latvala ha lottato con il sottosterzo nella sua Toyota Yaris in apertura e ha avuto la fortuna di evitare una brutta uscita a Santa Marina. Il finlandese ha tenuto a bada Sébastien Ogier, sempre più in lotta per i punti in campionato con Thierry Neuville.

Neuville ha rivisto Elfyn Evans, a 3″8, che ha avuto vita difficile con la Ford Fiesta. “Non ero così a mio agio in questa fase, quindi ho percepito il bisogno di cambiare un po’ il set-up per il secondo passaggio. Loeb ha corso il rischio ed è stato pagato. Era difficile per noi correre quel rischio folle se ti stai giocando per il campionato”, ha detto Ogier. Parole. Resta il fatto che Loeb è sempre Loeb. Neuville era terzo in entrambe le prove con la sua Hyundai i20, ma non fa promesse sul ritmo del resto della giornata. Il compagno di squadra Dani Sordo è arrivato fino alla quinta posizione, a 0″7 secondi da Evans, che ha concesso tempo ai suoi rivali in entrambe le fasi e ha perso due posizioni.

Jari-Matti Latvala

WRC, Rally di Spagna: Latvala in testa alla gara

Alla fine della giornata di sabato in testa al Rally di Spagna c’è Jari-Matti Latvala. Il finlandese è il terzo leader di un’altra pazzesca giornata del Campionato del Mondo di Rally in cui il pendolo oscillava avanti e indietro tra i contendenti al titolo. Il pilota della Toyota Yaris ha stimolato il recupero di Sébastien Ogier, che ha messo in scena un’altra importante rimonta in classifica dal settimo posto per rafforzare la sua rincorsa al sesto titolo consecutivo.

I sorrisi di Latvala erano in contrasto con la disperazione del compagno di team. Ott Tänak, l’outsider del trio che insegue il titolo e leader del rally dopo la tappa di venerdì, è sceso all’ottavo posto quando una foratura anteriore sinistra gli è costata 1 minuto e 45 secondi: potrebbe aver inferto un colpo fatale alla sua corsa al campionato.

Entrambi hanno scommesso sulle gomme da pioggia, raramente utilizzate dalla Michelin questa mattina, che si è rivelata perfetta per le strade asfaltate bagnate nelle colline vicino a Salou. Dani Sordo ha sostituito brevemente brevemente Tänak in cima alla classifica con la sua Hyundai i20, prima che Latvala gli sottraesse rapidamente il posto. La sensazione è buona e sono fiducioso. Le tappe di domani dovrebbero essere più simili a un rally di asfalto. Non è possibile tagliare le curve così tanto e le strade dovrebbero essere più pulite’, ha detto Latvala, che ha vinto una delle sei speciali della giornata.

Ogier ha colto l’occasione con le gomme da bagnato e ha guadagnato tre posizioni nel penultimo tratto, mentre pioggia e fango hanno rallentato i suoi rivali. Ha chiuso a 3”3 da Sebastien Loeb con la Citroën, il cui ritmo è costantemente migliorato nella sua prima gara sull’asfalto bagnato dopo sei anni. Elfyn Evans aveva un ritardo di 1”8 secondi ed era in quarta posizione. Anche se il gallese ha avuto una giornata senza problemi, non ha potuto impedire al duo francese di farlo retrocedere di un posto, giusto fuori dal podio.

Il leader del campionato Thierry Neuville era disperato: voleva eguagliare la carica di Ogier e proteggere il suo vantaggio punti. È salito dal nono al quinto posto con la sua i20, chiudendo il distacco a 8” secondi netti dopo aver fatto anche i salti mortali e aver vinto due PS. Sordo è andato sempre peggio, perdendo quattro posizioni nella penultima tappa per terminare in sesta posizione. Solo 16”5 secondi separano i primi sei piloti. Domenica 28 può accadere di tutto.

Esapekka Lappi ha concluso settimo, con 14”2 sul compagno di squadra Tänak. Frena Craig Breen che scivola in nona posizione, precedendo Andreas Mikkelsen. Il finale di domenica copre un totale di 61,70 chilometri. I punti bonus per i cinque piloti più veloci nella Power Stage potrebbero rivelarsi fondamentali in vista del round finale del prossimo mese in Australia.

Dani Sordo è in testa al Rally Racc dopo dieci prove speciali

WRC, Rally di Spagna: la situazione dopo dieci prove

Dani Sordo è in testa al Rally Racc Catalunya-Rally de España dopo un drammatico sabato mattina in cui le speranze del leader Ott Tänak sono svanite per un cambio gomma. La giornata di sabato 27 ottobre al Rally di Spagna è stata una delle giornate più combattute e ricche di sorprese dell’ultimo periodo. Vediamo la situazione dopo dieci prove speciali.

Sordo ha anticipato Jari-Matti Latvala per 0”3 dopo una mattinata piovosa sulle strade asfaltate. Tänak ha riflettuto sull’incidente che gli è costato 1 minuto e 45 secondi e che lo ha relegato al nono posto, mettendo a rischio la sua candidatura al titolo WRC. L’estone si ferma poco prima del punto medio di El Montmell, l’ultimo test di velocità di una mattina ‘accorciata’, per sostituire la ruota anteriore sinistra della Toyota Yaris. ‘Solo una foratura. Non lo so esattamente. C’era una protuberanza, niente di speciale, ma forse…’, aveva detto.

La pioggia notturna ha reso le condizioni difficili e il duo Toyota, Tänak e Latvala, hanno scommesso sulle gomme da pioggia Michelin. Dopo l’annullamento del test di apertura Savallà per ragioni di sicurezza a causa di spettatori in posizioni non sicure lungo la strada, Tänak è stato più veloce di Latvala a Querol e aveva allungato il suo vantaggio su Sordo fino a quasi 33 secondi. Latvala ha vinto El Montmell, dopo essere ripartito in quinta dopo la sua foratura ieri.

‘Sono molto contento di come sono andate le cose stamattina. Le gomme da bagnato stavano funzionando abbastanza bene. Verso la fine ho pensato che si stessero surriscaldando perché la presa non era più ottimale, ma penso che in realtà fosse la superficie’, ha detto il finlandese. Dopo aver finito terzo a Querol, Sordo era quinto a El Montmell. Il pilota della Hyundai i20 ha rallentato verso il traguardo dopo aver temuto una foratura, una preoccupazione che si è rivelata infondata.

Elfyn Evans è stato il terzo con la Ford Fiesta, con un gruppo di tre piloti racchiusi in appena 4”5. Loeb ha lottato sull’asfalto bagnato per la prima volta in sei anni, mentre Ogier si è rammaricato per la scelta delle gomme morbide. ‘Le Toyota erano molto più veloci sul bagnato. Non ho mai avuto la possibilità nella mia carriera di provare questo pneumatico, quindi è un po’ una lotteria… Ma è stata la nostra scelta e ci siamo sbagliati’, ha detto.

Il leader del campionato Thierry Neuville è salito dal nono al sesto posto con la sua i20, ma in realtà non ha voluto correre troppi rischi nella caccia ai punti. A seguire Esapekka Lappi e Craig Breen, con quest’ultimo che ha perso tempo dopo una rotazione che ha danneggiato l’ala posteriore e rimosso il paraurti della Citroën C3. Dietro Tänak, Andreas Mikkelsen, eccessivamente prudente, completa la classifica.