Ott Tanak, Acropolis Rally 2021

Salvate il ”soldato” Tanak dalle grinfie di Ogier

Kalle Rovanperä ha concluso la prima giornata del Rally di Grecia in testa, dopo un’altra ottima dimostrazione della sua evoluzione come pilota, essendo chiaramente uno dei favoriti per vincere questo rally. Il giovane finlandese è ben coinvolto in un duello con Ott Tanak e Sébastien Ogier, e l’esito che potrebbe rivelarsi decisivo per il risultato del Mondiale Rally di quest’anno.

Tre diversi piloti hanno combattuto per la supremazia durante la prima giornata “seria” di gara in quello che è il primo Rally dell’Acropoli nel WRC dal 2013. Il trio ha concluso la giornata separato – o racchiuso, come preferite – da soli 3″9, su una tappa difficile di sezioni di montagna sterrata e roccia. Il ventenne finlandese ha concluso con 3″7 di vantaggio su Ott Tänak, con il leader del campionato Sébastien Ogier a due decimi di distanza. Come avere uno squalo dietro…

Giornata fruttuosa per Ogier, ma pessima per i due inseguitori del leader di campionato. Elfyn Evans, secondo ex-aequo in classifica, ha guidato tutta la giornata con il cambio della Yaris WRC bloccato, tranne la prima parte della giornata, perdendo quasi cinque minuti. Thierry Neuville, a pari punti con Evans, ha perso quasi sei minuti con il servosterzo rotto e penalizzato di quattro minuti per essere arrivato in ritardo al controllo orario. Entrambi sono lontani, tra i primi 20, e ora non ci sono quasi possibilità per un buon risultato. A meno che non si ritirino tutti.

Ogier, che ha aperto la strada, ha avuto una giornata superba, tenendo il terzo posto ma molto vicino ai due davanti. Rovanperä ha vinto due delle cinque speciali. Dopo una cauta prova di apertura, quando il rookie si è concentrato sulla comprensione dell’usura delle gomme su strade rocciose, una volta preso il ritmo, ha retrocesso Ogier e non ha più perso la testa della gara.

“Erano condizioni davvero difficili e dopo aver lottato con Thierry ed Elfyn, c’era anche una grande pulizia della strada da fare – ha detto Kalle a fine giornata -. Quando era asciutto, le condizioni erano quelle che mi aspettavo”. Devi prenderti cura della tua macchina e delle gomme, gestire la tua velocità e sapere dove forzare e dove no”.

Tänak non si è mai sentito a suo agio. Il motore della sua vettura ha avuto problemi più volte nei tortuosi tratti mattutini e un ammortizzatore si è surriscaldato, ponendo ancora più difficoltà: “Non avevo feeling con la macchina. Non posso passare l’intero rally in questo modo. È difficile, ma continuerò a provarci”, ha detto l’estone. Ogier è passato al secondo posto, ma è stato relegato in terza posizione subito dopo, dove ha concluso la giornata.

Dani Sordo ha terminato a 20″. Lo spagnolo ha preso una penalità di 10″ per una falsa partenza, ma ha concluso con mezzo minuto di vantaggio sulla Ford Fiesta WRC di Adrien Fourmaux, al quinto posto. Gus Greensmith ha completato i primi sei, dopo una giornata travagliata che includeva un capottamento, una foratura e un ammortizzatore danneggiato nella sua Fiesta.

È stata una giornata deludente per Pierre-Louis Loubet. Una penalità per falsa partenza e due forature hanno preannunciato che la sfortuna ci vedeva molto bene, soprattutto poco prima della fine della giornata. Il leader della WRC2 è Marco Bulacia, settimo assoluto a bordo della sua Skoda Fabia R5, seguito dal leader del campionato Andreas Mikkelsen a 5″4. Il leader della WRC3 Chris Ingram è nono, con Kajetan Kajetanowicz che chiude la top 10.

Quella di sabato è la tappa più lunga e dura, che copre sei sezioni e 132,56 chilometri cronometrati a sud di Lamia, su strade ricoperte di fango durante le ricognizioni. Il tempo è migliorato e le strade si sono asciugate, ma alcune presentano ancora molte criticità. Particolarmente difficile sarà il doppio passaggio di Pavliani ed Eleftherohori. Meglio così, ci sarà da divertirsi e che, come al solito, vinca il migliore…

In edicola e in digitale

Copertina RS RallySlalom Settembre 2021