Nicola Arena e Alex Gelsomino

Riconoscimento alla carriera per Gelsomino e Arena

In questi ultimi anni il movimento rallystico italiano è ancora alla ricerca dell’erede di Miki Biasion, campione del mondo nel 1988 e 1989, e di Piero Liatti, vincitore nel 1997 del mitico Rally di Monte Carlo, al volante della Subaru Impreza WRC. Il successo del “biellese volante” è tutt’ora l’ultimo di un pilota italiano nel Mondiale Rally. Per fortuna, dopo 32 anni senza un titolo mondiale e 24 senza vittorie, a tenere alto il Tricolore sulla scena internazionale ci hanno pensato diversi navigatori, i quali hanno raggiunto traguardi di assoluto valore. Tra questi ci sono sicuramente Alex Gelsomino e Nicola Arena.

IMG 20210508 WA0020 Riconoscimento alla carriera per Gelsomino e Arena
Alex Gelsomino

Il primo, nato a Palermo ma residente negli Stati Uniti, ha legato a doppio filo il suo nome con quello del funambolico Ken Block, con il quale collabora dal lontano 2005. In questi 16 anni al fianco dello “show man” del controsterzo, il navigatore siciliano ha avuto modo di disputare diverse gare del Mondiale Rally a bordo, prima di Ford Focus WRC, e poi di Ford Fiesta WRC e WRC Plus, raccogliendo come miglior risultato un settimo posto al Rally Mexico del 2013.

Oltre a Block, Gelsomino ha affiancato in alcune gare, sempre del WRC, l’attuale capitano del team Ford, ovvero Gus Greensmith, cogliendo un ottimo terzo posto nel WRC2 in occasione del Wales Rally GB 2018. Inoltre, dopo una collaborazione decennale con la Ford, a partire da quest’anno è passato a correre, sempre al fianco di Block, per la Subaru nel Campionato Americano. Infine, grazie alla sua esperienza, ha corso con diversi giovani piloti americani con l’intento di farli crescere anche Oltre Oceano, come nel caso della giovane Keanna Erickson-Chang, con la quale ha preso parte ad alcune gare del Campionato Francese.

IMG 20210508 WA0021 Riconoscimento alla carriera per Gelsomino e Arena
Nicola Arena

Per quanto riguarda il navigatore ligure, il suo debutto risale al 1988 quando prese parte al Rally della Lanterna al fianco di Pino Spagnolo su A112 Abarth. Da lì in avanti non si è più fermato, raggiungendo quest’anno il traguardo delle 500 gare in carriera, nelle quali ha saputo conquistare 19 vittorie assolute (13 con Corrado Fontana, 2 con Khalid Mohammad Al-Suwaidi e le restanti 4 divise equamente tra Enrico Bertone, Abdullah Al-Kuwari, Andrea Zivian e Amjad Farrah), un Campionato Italiano WRC (2020), quattro titoli nell’ambito dell’International Rally Cup (2005,2006,2013,2015) e il mondiale produzione nel 2015 con Gianluca Linari. Infine, può vantare una grande esperienza a livello internazionale avendo preso parte a diversi appuntamenti del Campionato Medio Orientale, del Mondiale Rally e del Campionato Asia-Pacifico.

Ovviamente i risultati ottenuti da questi due navigatori nel corso delle rispettive carriere non potevano passare inosservati, ed infatti la Mercurio Squadra Navigatori Rally (squadra sportiva creata con l’obiettivo di raccogliere sotto lo stesso emblema i migliori co-drivers presenti sul territorio nazionale.) ha deciso di premiarli conferendogli il premio di membri onorari.

RS e oltre di giugno 2021: condividiamo passione

Copertina RS e oltre giugno 2021