,

La battaglia di Gino-Michi nelle Valli Cuneesi

Podio Rally valli Cuneesi

Ha concluso la corsa con un tempo totale di 51’07.6, vincendo tre delle sei prove speciali allestite sulle strade occitane dell’antico Marchesato di Saluzzo, per un totale di circa 70 chilometri su un percorso complessivo di 243 km.

L’imprenditore Alessandro Gino torna a dominare il rally storico delle Valli Cuneesi, scrivendo un’altra pagina memorabile nella storia di questa competizione. Con il navigatore Daniele Michi al suo fianco e alla guida di una ruggente BMW M3, Gino ha trionfato nella gara di sabato sera a Saluzzo, magistralmente organizzata dallo Sport Rally Team di Piero Capello. Ha concluso la corsa con un tempo totale di 51’07.6, vincendo tre delle sei prove speciali allestite sulle strade occitane dell’antico Marchesato di Saluzzo, per un totale di circa 70 chilometri su un percorso complessivo di 243 km. Questo successo non è una novità per Gino, che ha già vinto tre edizioni del rally con vetture moderne e si era imposto anche l’anno scorso nella versione storica.

Al secondo posto si sono piazzati i biellesi Marco Bertinotti e Davide Rondi su Porsche 911 RS (scuderia Rally & Co), con un distacco di 20”2 e due prove speciali vinte. Il terzo gradino del podio è stato conquistato da Giorgio Bernardi, navigato dal saluzzese Paolo Allamandi su Subaru Legacy 4WD (Sport & Comunicazione), con un ritardo di 58″9, primeggiando anche tra gli under 30. Nelle varie categorie, Gino ha trionfato nel Raggruppamento 4, Bertinotti nel Raggruppamento 2, e Pastrone, decimo assoluto, nel Raggruppamento 3.

La gara ha visto la partecipazione di quasi 70 equipaggi, partiti sabato mattina, e seguiti da un pubblico entusiasta. Era valida per il TRZ Trofeo Rally di 1° Zona, Memory Nino Fornaca, Historic Rally Cup Michelin e Coppa 127 Pro Energy per quanto riguarda il rally storico, e per la North West Regularity Cup per la regolarità rally, che ha visto una ventina di partecipanti.

Nella competizione per la media 60, la vittoria è andata a Maurizio Vellano e Ottavio Molina su Audi 80, con 780 penalità. Per la media 50, Fabio e Paolo Verdona, a bordo di una Peugeot 205 GTI, hanno conquistato la coppa con sole 259 penalità.

Il Valli Cuneesi offre ai protagonisti numerosi premi. Paolo Pastrone, undicesimo assoluto su Opel Kadett GT/E con Luca Pieri, si è aggiudicato l’Historic Rally Cup Michelin con vetture gommate con pneumatici da tredici pollici. Claudio Azzari, in equipaggio con Lorenzo Chiodi, ha fermato la sua Porsche 911 RS al venticinquesimo posto nella classifica assoluta dell’Historic Rally Cup Michelin. Il Memory Nino Fornaca è stato vinto dal cuneese Davide Aime in coppia con Sara Oliveri su Peugeot 205 Rallye. Nella vivace sfida tra Fiat 127 per la Coppa 127 Pro Energy, ha prevalso il pavese Daniele Ruggeri con Martina Marzi come navigatrice. Il premio per l’equipaggio femminile più veloce è andato alle cuneesi Laura Galliano e Camilla Gallese su Peugeot 205 Rallye.

La gara, baciata dal sole fino all’arrivo a Saluzzo, è stata conclusa da 49 dei 66 equipaggi del rally storico e da 16 dei 18 della regolarità, senza incidenti, nonostante il diluvio finale che ha aggiunto un tocco drammatico alla conclusione di una competizione già ricca di emozioni.