Gino-Michi, Torino 2022

CRZ 1: Gino vola sulle PS del Torino, Chentre campione di Zona

L’imprenditore cuneese a bordo della Citroen C3 Wrc vince tutte le prove disputate. Al secondo posto il Valdostano Elwis Chentre con Max Bay sulla Skoda Fabia R5. Il terzo gradino del podio va a Patrick Gagliasso e Dario Beltramo sulla Skoda Fabia. Nel Rally Storico il successo di Tirone e Torricelli sulla Porsche 911

Il pronostico della vigilia non è stato smentito. Alessandro Gino e Daniele Michi a bordo della Citroen C3 Wrc hanno dominato la 37° edizione del Rally Città di Torino, penultimo appuntamento della Coppa Rally di zona Aci Sport. A bordo della potente Citroen C3 Word Rally Car, l’unica vettura di questa categoria in gara. l’imprenditore cuneese non ha mai messo in discussione la sua supremazia assumendo già dalle prime battute il controllo della situazione e incrementando progressivamente il suo vantaggio grazie ai successi parziali ottenuti in tutte le prove speciali disputate (il secondo passaggio sul Col del Lys non è stato effettuato a causa di un incidente che ha coinvolto un esponente delle forze dell’ordine.).

Da sottolineare che Gino non era in lizza per i punteggi di zona. Al contrario del valdostano Elwis Chentre al quale per altro serviva esclusivamente un risultato positivo per staccare definitivamente il lascia passare verso la finale nazionale in programma a Novembre a Cassino. Obiettivo che il portacolori della New Driver’s Team al via con Max Bay sulla Skoda del Team D’Ambra ha centrato in pieno chiudendo la gara al secondo posto assoluto confermando il ruolo di out sider nei confronti di Gino. Sul podio finale concludono Patrick Gagliasso e Dario Beltramo anche loro su una Skoda curata dalla Roger Tuning protagonisti di una prestazione veloce e senza sbavature. Sfida accesa per il quarto posto dove gli ossolani Fabrizio Margaroli e Leone Natoli anche loro al via sulla vettura Ceca riuscivano nel corso della quinta prova a superare momentaneamente sia Stefano Giorgioni e Federico Boglietti che Federico Santini e Marco Barsotti entrambi sulle Skoda. Ma nel corso del sesto ed ultimo parziale nel tentativo di arginare l’ipotizzabile ritorno di Giorgioni, erano vittima di un testa coda che li faceva scendere in nona posizione assoluta.

Il quarto posto va quindi a Stefano Giorgioni e Federico Boglietti in gara sulla Skoda i quali sono stati fra i più autorevoli interpreti del parziale di Monastero dove hanno costruito parte della loro brillante prestazione e precedono Federico Santini e Marco Barsotti anche loro al via sulla quattro porte di Mladà Boleslav soddisfatti per aver conquistato punti importanti in proiezione Coppa di Zona. Buono il ritorno di Federico Pelassa e Alberto Eriglio dopo due anni di stop. I due torinesi a bordo della Skoda della Gima hanno concluso in sesta posizione assoluta e precedono la Wolkswagen Polo di Angelo Morino e Mara Miretti gli unici a rompere l’egemonia Skoda nella classifica assoluta. Ottavo posto per Gianluca Tavelli e Nicolò Cottellero sulla Skoda della 2G Sport seguiti dallo sfortunato Margaroli. Andrea Gonella e Fabio Grimaldi chiudono la Top ten al volante della Skoda della New Racing For Genova.

Interessante la sfida anche nel Rally Storico giunto alla sua 12° edizione. Era la Porsche di Roberto Rimoldi e Roberto Consiglio a prendere inizialmente la testa della classifica. L’equipaggio del Team Bassano era però protagonista di una uscita di strada sul parziale tre di Monastero ed era costretto al ritiro. Il timone di comando era assunto dai compagni di scuderia Pietro Tirone e Vincenzo Torricelli anche loro al via su una Porsche 911 i quali erano i più veloce sul secondo passaggio al Colle della Dieta e si ripetevano anche sulla Monastero che concludeva la gara. Alle loro spalle la Bmw di Manuel Magistro e Marco Ancillotti. Terzi Bruno Graglia e Roberto Barbero anche loro sulla trazione posteriore tedesca.