De Tommaso-Ascalone nell’albo d’oro del Rally Targa Florio

Damiano De Tommaso e Giorgia Ascalone (Skoda Fabia Evo2 Meteco Corse/Delta Rally) si sono aggiudicati il Rally Targa Florio al termine delle nove prove speciali regolarmente disputate rispetto alle dodici originariamente in programma. Ci hanno provato Andrea Crugnola e Pietro Ometto (Citroen C3 FPF Sport) a scrivere il loro nome nell’albo d’oro della gara, ma sia il taglio netto di oltre 44 chilometri di PS e sia la perfetta gestione di gara di Damiano e Giorgia, non hanno lasciato scampo.

Ha vinto il più giovane e, sulla carta, il meno esperto dei due piloti lombardi, che ha messo in campo una tecnica giocata in difesa del suo vantaggio, senza errori e priva di qualsiasi sbavatura. L’ennesima conferma che De Tommaso, in realtà, dovrebbe essere nel Mondiale Rally e, magari, già da qualche anno. Damiano (che porta sempre sulla sua Skoda l’adesivo di RS e oltre) si è aggiudicato il Rally Targa Florio, scrivendo il proprio nome nell’albo d’oro più prestigioso d’Italia e tra i più prestigiosi al mondo, dominando dall’inizio alla fine e senza neppure dover vincere una prova speciale.

Damiano De Tommaso
Damiano De Tommaso

È la nostra prima vittoria nell’Italiano ed è molto bello. È stata tosta in tutte le due giornate – racconta Damiano De Tommaso – sono un po’ emozionato e non ho molte parole, ma è una sensazione unica, siamo davvero soddisfatti della prestazione. Prima dell’ultimo giro ha iniziato a piovere pesantemente, lì poteva girare la gara in un verso o nell’altro. Poi sull’ultima prova siamo arrivati convinti e l’abbiamo affrontata nel modo giusto. Con questo sono tre podi su tre gare, quindi ottimo, ma ora andiamo al Rally Alba con la testa giusta”.

Andolfi Fabio-Fenoli Manuel, Skoda Fabia 2 Evo R5 #3
Andolfi Fabio-Fenoli Manuel, Skoda Fabia 2 Evo R5 #3

Crugnola-Ometto hanno dovuto vedersela con un ringalluzzito Fabio Andolfi, navigato da Manuel Fenoli (Skoda Fabia Evo 2 MS Munaretto). Il pilota Michelin (gli altri due sono Pirelli) dal Rallye Sanremo si è sbloccato completamente e in Sicilia ha artigliato due prove speciali, le altre le ha vinte tutte Crugnola, chiudendo terzo. Appena fuori dal podio chiudono Giandomenico Basso e Lorenzo Granai (Friulmotor), seguiti da Stefano Albertini e Danilo Fappani. A seguire: Gioacomo Scattolon navigato da Giovanni Bernacchini, Alessio Profeta con Rosario Merendino, Totò Riolo e Maurio Manin, Tommaso Ciuffi con Nicolò Gonella e Rudy Michelini con alle note Michele Perna.

Thomas Paperini e Simone Fruini hanno letteralmente una marcia in più con la Yaris rispetto agli avversari e volano per tutta la gara. La 2RM premia Andrea Mabellini e Virginia Lenzi, anche loro come al solito generosi e spettacolari.

Un problema, quello dell’annullamento della Scillato Polizzi che non è dipeso dagli organizzatori, ma dall’ANAS che ha chiuso la strada in questione (che era la prova speciale più lunga e difficile del rally, con bel 14,99 chilometri cronometrati a giro) e ha deciso di riaprirla il martedì successivo alla gara. Peccato, perché un istituzione come ANAS, ma anche come la Provincia avrebbero sicuramente potuto collaborare di più e aiutare maggiormente gli organizzatori, che si erano impegnati (e ci stavano riuscendo) ad organizzare una bella gara nonostante l’avvenuto commissariamento dell’Aci Palermo.

Commenti dopo la PS8 Targa 2

  • De Tommaso (Skoda Fabia): “Scelta di gomme e dare il massimo è uguale per tutti. Spero di essere andato bene”
  • Andolfi (Skoda Fabia): “Scelta di gomme difficile, prova tutta asciutta. Resetto la testa vediamo con il meteo.”
  • Basso (Hyundai i20): “La strada er aasciuta avevamo gomme da asciutto. Abbastanza bene. Dobbiamo capire perche è una situazione in cui faccio fatica dare un commento.”
  • Crugnola (Citroen C3): “non abbiamo centrato la scelta di gomme su questa, vediamo sulla seconda. Qui abbiamo fatto il massimo che potevamo” il miglior tempo 3’25.3
  • Albertini (Skoda Fabia): “Dritto alla prima chicane, sbagliato punto di frenata”
  • Giacomo Scattolon (Skoda Fabia): “Bene ho allargato solo in qualche curva ma sono contento di quello che ho fatto
  • Ciuffi(Skoda Fabia): “Siamo abbastanza contenti, peccati che non mi è entrata la prima su una chicane”