,

Forneris: il miglior Under 25 del Campionato Italiano R1

Forneris-Cavagnetto

La sfida per la vittoria è sempre stata un duello con un altro giovanissimo talento, Sebastian Dallapiccola, che ha strappato proprio all’ultimo l’Under25 del trofeo nipponico, dopo che però Alessandro Forneris era stato in testa per quasi tutta la stagione.

È uscito dal fango e dalle difficoltà di Monza con un’altra vittoria in tasca Alessandro Forneris – studente classe 2001 di Ivrea in cui Meteco Corse crede molto (da parte nostra un sentito ringraziamento a questo giovane che mettendo sulla sua auto i nostri adesivi ci porta sempre con sé) – che battagliando a testa alta nella Suzuki Rally Cup è riuscito a portarsi a casa la Coppa Aci Sport Under 25 R1. Alla terza stagione sulla Suzuki Swift il giovane talento eporediese ha trovato un’importante continuità nel corso dell’anno, e nei 6 appuntamenti del Campionato Italiano R1 ha ottenuto 3 podi con un secondo posto, risultati che nonostante la malasorte di Monza gli sono valsi il primo riconoscimento ufficiale in carriera.

La sfida per la vittoria è sempre stata un duello con un altro giovanissimo talento, Sebastian Dallapiccola, che ha strappato proprio all’ultimo l’Under25 del trofeo nipponico, dopo che però Forneris era stato in testa per quasi tutta la stagione. Per un rampante pilota della sua età non centrare la vittoria giovanile nel trofeo Suzuki, uno dei due obbiettivi posti ad inizio stagione, non è stato certo il massimo: non si voleva “accontentare” della Coppa ACI Sport Under 25, ma come è giusto che sia voleva siglare la doppietta. Sempre veloce su ogni fondo e condizione, sempre capace di gestire nonostante l’età, in grado di firmare scratch in diverse prove speciali a discapito di un cannibale come Matteo Giordano, con 3 super prestazioni al Ciocco, ad Alba ed a Sanremo, Forneris può comunque salutare il 2023 con il sorriso e con la giusta carica in vista del futuro.

“È stata una stagione molto positiva alla fine dei conti – ha detto Forneris – considerando da dove arrivavo e visti tutti i problemi avuti e gli errori commessi da me. Non posso lamentarmi. Tra Lana e 1000 Miglia abbiamo perso qualcosa per la lotta nella classifica under25 della Suzuki Rally Cup, e poi mi è spiaciuto che, nella finale di Monza, sia stata la sorte a decretare chi vincesse tra me e Sebastian Dallapiccola. Certo, un ottimo risultato che premia il lavoro e l’impegno che abbiamo messo. È però una vittoria dolceamara – risponde Forneris con ferrea decisione – dovrei essere contentissimo perché comunque sia una vittoria è una vittoria, soprattutto un primo vero riconoscimento ufficiale. Però il finale del trofeo mi lascia un po’ di amaro in bocca, perché volevo vincere. Se non si parte per vincere, allora, sarebbe meglio non partire proprio.

“La gara di cui sono più soddisfatto – ha spiegato ancora – è sicuramente il Rallye Sanremo. È sempre stata la gara dei miei sogni, quella che per me significa rally e che mi fa emozionare di più. Lì ho dato tutto dall’inizio alla fine, mi sono spremuto al massimo, ma come è normale che sia per una gara così iconica e difficile, ha vinto l’esperienza. Comunque per location, strade, tipo di guida, sfida ed atmosfera Sanremo è stata sicuramente la gara più bella. Il prossimo anno è ancora tutto in ballo, soprattutto per motivi di budget. Mi piacerebbe molto tuttavia provare ad affrontare una stagione nel Campionato Italiano Rally Junior. Credo possa essere un’occasione importante per un pilota giovane e con tanta voglia, poiché so che non si tratta solo di gareggiare ad alto livello seguito da una ottima realtà, ma di approfondire anche tutto ciò che gira attorno ad una stagione sportiva a 360°. Chiaramente mi tengo aperte anche altre porte, sia ovviamente per rifare la Suzuki Rally Cup sia per provare la GR Yaris Rally Cup”.