Cassino Notizie e l’attacco al Rally del Lazio: cosa non torna

E poi quel tappeto rosso. la prova che inchioderebbe gli organizzatori. E la dichiarazione di “un commerciante”, di cui si omette nome e cognome.

C’è qualcosa che non torna nell’articolo pubblicato il 30 ottobre 2023 dal sito Cassino Notizie che però, attenzione, attenzione, non è una testata giornalistica ma si dichiara blog. Nonostante i modi finto-garbati dell’autore “Prima che una buona parte di appassionati e simili si prepari a una battaglia, ci teniamo a precisare che non si tratta di approvare o meno la manifestazione sportiva che si è tenuta nel weekend” si tenta – poi chissà perché – di sparare ad alzo zero sul Rally del Lazio. Inquinamento acustico, impennata dell’inquinamento atmosferico.

E poi quel tappeto rosso. La prova sovrana che “inchioderebbe” gli organizzatori alle loro “malefatte”. E la dichiarazione di quel “commerciante”, di cui si omette nome e cognome. “Nessuno avrebbe immaginato che ad oggi, ovvero due giorni dopo la fine dell’evento, in centro ci sarebbe stato ancora un cumulo di rifiuti e il tappeto utilizzato per il passaggio delle vetture. Il tappeto rosso è stato tolto dalla pavimentazione e lasciato così, sotto i portici a due passi, in attesa di essere ritirato. Si spera presto, almeno prima dei prossimi giorni di festa (…). Intanto, passate le auto rombanti sul fiammante tappeto rosso, non resta che un groviglio di stoffa sotto i portici. Ma siamo certi che sia in programma il recupero, magari già domani mattina…”, denuncia e prevede il blog (il post integrale potete leggerlo qui).

La realtà ci appare ben diversa, però. Cosa non ci torna? Non ci torna quel tappeto e l’angolazione con cui è stata scattata la fotografia, che esclude il resto. Quindi, per verificare, ci siamo fatti inviare lo stesso giorno 30 ottobre (quando è stato pubblicato il posto sul blog) la foto dei portici in questione (gara finita il 28 ottobre a tarda sera). Ed ecco come apparivano. Con ciò, non vogliamo sindacare sulla bontà dello scoop di Cassino Notizie, ma dobbiamo contrapporre un’altra realtà.

Post Cassino Notizie
Post Cassino Notizie

A parte che decine di attività (Cassino non è Roma) sarebbero più povere se non fosse passato il rally (chi scrive quel post non è certamente un albergatore o un ristoratore), non si può avere un rally per come lo vorrebbe chi li odia. Semplicemente, se è vero che Cassino non vuole il rally, si rinunci alla finale. Troverà accoglienza al nord. Altrimenti, ed è vivamente consigliato per il ritorno del territorio, ci si tenga stretta-stretta questa gara, che è oro per l’intera comunità…