Articoli

Annega nel maltempo anche il Rally del Rubinetto 2020

Annega nel maltempo anche il Rally del Rubinetto 2020 per le stesse motivazioni che hanno indotto Sergio Maiga, organizzatore della gara sanremese valida per il Campionato Italiano, a cancellare il Rally di Sanremo 2020. Il meteo flagella il Nord Ovest con precipitazioni abbondanti e forti venti. La zona del Novarese è in emergenza piena. In alcuni posti manca anche la luce. Alcune strade non sono percorribili neppure a piedi.

Con queste motivazioni, più che valide, il Prefetto ha chiesto agli organizzatori della corsa piemontese di annullare o rinviare la loro competizione. Tutti i mezzi di soccorso sono e saranno impegnati in emergenze non legate allo sport e questo fa venire meno i presupposti per poter fare svolgere la gara come da programma. I fratelli Zagami, dopo aver valutato se annullare definitivamente la gara oppure se rinviarla a data da destinarsi, sperano di far disputare la gara in un’altra data.

In un comunicato stampa diramato dopo la nostra anticipazione si legge: “Il Rally del Rubinetto 2020 proverà ad andare in scena. È questo, in sintesi, il concetto espresso dagli organizzatori durante la conferenza stampa tenutasi alle ore 15 presso il centro +Sport di San Maurizio d’Opaglio, sede della corsa. Dopo aver deciso di non correre durante il presente fine settimana a causa dei grossi problemi causati dal maltempo, gli organizzatori della Pentathlon Motor Team e della scuderia New Turbomark hanno spiegato la ferma intenzione di riproporre il rally entro il prossimo mese”.

“Abbiamo già fatto richiesta agli organi federali per poter utilizzare un fine settimana che sia prima della finale nazionale di Como (6-7 novembre, ndr) – spiega Giuseppe Zagami di New Turbomark- perché sappiamo quanto il territorio sia fortemente legato a questa corsa. Gli incastri di calendario non concedono molti spazi visto che successivamente saremo impegnati anche con il Rally delle Valli Ossolane in programma i prossimi 14 e 15 novembre”.

Il Rally del Rubinetto 2020 si sarebbe dovuta correre sabato 3 e domani, domenica 4 ottobre con protagoniste le prove del Mottarone, Prelo e Città di Borgosesia. “Purtroppo la pioggia torrenziale delle ultime ore ha creato notevoli dissesti in tutto il Nord Ovest: basti pensare che anche il Rallye Sanremo è stato annullato. Il territorio della gara è stato colpito con violenza e le prove speciali, Prelo a parte, erano pressoché impraticabili – racconta Alessandro Battaglia, direttore di gara. Il Mottarone era inagibile per circa sette chilometri mentre la Borgosesia risultava difficile sia nei tratti di avvicinamento alla speciale che per una eventuale disputa in formato ridotto. I tecnici comunali hanno valutato la situazione e i dissesti idrogeologici erano tali da impedire qualsiasi ipotesi di natura sportiva. Il Prefetto, che ha sottolineato la situazione di emergenza, ha chiesto la nostra sensibilità e collaborazione nel lasciare libere le strade ancora accessibili per la viabilità ordinaria e per il passaggio dei mezzi di soccorso che anche domani dovranno intervenire per provare a ripristinare il tutto.”

“Una volta trovata l’intesa con Aci Sport – conclude Simone Soldà di Pentathlon Motor Team- ci metteremo al lavoro con le autorità locali alle quali dovremo richiedere disponibilità e permessi. Ringraziamo tutti coloro che hanno lavorato e che non hanno smesso di aiutarci: dal nostro staff agli Ufficiali di Gara, dai Commissari alle Forze dell’Ordine, dai cronometristi agli addetti ai soccorsi.”

Rally e giovani: Igor Iani e Nicola Puliani, 42 anni in due

Il Campionato Italiano Rally 2020 si avvicina allo start e continua a crescere il numero di equipaggi iscritti per le diverse validità comprese nella massima serie tricolore. Tra questi c’è particolare interesse per due nomi nuovi che hanno di recente reso ufficiale la loro partecipazione al Campionato Italiano R1 2020: Igor Iani e Nicola Puliani.

Iani e Puliani, due giovanissime new entry nel CIR, correranno con una Suzuki Swift 1.6 gestita dalla Gilese Engineering con il supporto della Scuderia New Turbomark di Peppe e Claudio Zagami. Il pilota di Malesco, Igor Iani, compirà 20 anni il 27 marzo 2020, mentre il navigatore Nicola Puliani festeggerà 22 anni ad aprile, una giovane coppia che proverà a mettersi in mostra nel CIR R1 come nella Suzuki Rally Cup.

Calendario Campionato Italiano R1

Rally 1000 Miglia (BS) 17-18 aprile

Targa Florio (PA) 8-9 maggio

Rally Roma Capitale 24-26 luglio

Rally Sanremo (IM) 25-26 settembre

Rally 2Valli (VR) 23-24 ottobre

Finale Suzuki Rally Cup- Rally Trofeo Aci Como (CO) 7-8 novembre

La guida di Ilario Bondioni al Camunia Rally

Il Camunia Rally numero 6 è alle porte: il giorno 13 maggio si chiuderanno le iscrizioni di una gara che ogni anno crea parecchie aspettative grazie al grande lavoro che la  scuderia New Turbomark ha profuso nelle edizioni precedenti. Il percorso che attende i concorrenti è parzialmente differente rispetto al passato e le novità proposte per questo 2019 sono a dir poco frizzanti.

La tabella tempi e distanze si presenta con quattro prove speciali differenti che verranno sviluppate in due giorni di gara. Si partirà a Breno alle 15.31 di sabato 18 maggio mentre si arriverà il giorno seguente con la cerimonia finale prevista alle 17.00 davanti al municipio di Bienno. Nel mezzo le prove “Essetre”, Deria, Astrio (sia nella versione lunga che corta) e Lozio.

Abbiamo scomodato il vincitore delle ultime due  edizioni, Ilario Bondioni, per farci raccontare nei dettagli, le speciali che attenderanno lui, che vorrà tenere ancora lo scettro, e gli altri partecipanti. Ecco il racconto di “Gilly” Bondioni, driver di Bienno classe 1977.

Guida alle prove speciali del Camunia Rally

PS1 Essetre (Km 4,90)

“La speciale prende il nome dall’azienda sostenitrice della gara che si occupa di medicina e salute per l’azienda. Essetre è una “piesse” inedita: è un mix tra prova speciale e circuito cittadino e sarà l’unica che verrà percorsa solo una volta. Si parte in località Mezzarro con un paio di tornanti spettacolari e subito dopo ci si lancia in un tratto di circa 2 km tecnico e veloce dove, con gomme ancora fredde, qualche pilota potrà già fare la differenza. Si entrerà quindi in paese a Bienno con un momento spettacolare grazie anche a chicane e rallentamenti; usciti dall’abitato si va incontro ad un altro tratto veloce e pianeggiante con curvoni da urlo e tre tornanti finali nella location di Prestine dove è situato il fine prova;  buono lo spazio per il pubblico”.

PS 2-3 Deria (5,90 km)

“Si corre sempre di sabato ma mentre il primo passaggio avverrà nel  tardo pomeriggio, il secondo si svolgerà completamente al buio. La prova si sviluppa sulla strada che da Capodiponte porta a Paspardo: 5.90 km quasi tutti in salita. Con l’anticipo del rally a maggio, rispetto agli anni precedenti, si tratterà del primo anno nel quale verrà percorsa con il buio. Sarà sicuramente ostica e scivolosa essendo quasi tutta dislocata nel sottobosco. consigliato per il pubblico il primo tratto e quello finale”.

PS 4-6-8 Lozio (10,10km)

“Torna dopo anni la famosa prova di Lozio usata ai tempi del Campionato 2Litri per il Rally di Vallecamonica e nel recente passato per la Ronde Aci Brescia. Si parte subito dopo il bivio posto sulla SP5 che da Malegno conduce a Borno (tratto, questo, famoso per essere teatro di sfida della Cronoscalata della Vallecamonica che si disputerà in estate) e la strada alterna tratti veloci ad altri guidati; a metà prova ci sono tornanti ampi dove lo spazio in sicurezza a disposizione per gli spettatori non manca. La conclusione è su una curva sinistra in prossimità della frazione di Villa dove ci si imbatte nelle prime abitazioni del borgo. Lozio è una prova in cui le vetture di classe R5 potrebbero avvicinare sensibilmente i 100 km/h  di media e di conseguenza anche con le piccoline 2 ruote motrici non ci si addormenta di sicuro; sarà la prima prova della domenica mattina… ci sarà da svegliarsi bene! Il pubblico potrà godere anche della spettacolare inversione di Sucinva e del tratto finale veloce dove vi sono molti prati a disposizione per appostarsi.”

PS 5-7-9  Astrio (10,65 km)

“Il must delle prove da rally per la Vallecamonica… 10.65 km di pura adrenalina con 50% di salita e altrettanti di discesa; nel mezzo tornanti spettacolari per il pubblico, tratti velocissimi con staccate al limite, pochissimi gli spazi guidati ma allo stesso tempo insidiosi: per i rallysti una discesa da urlo! Finire la Ps ASTRIO è una grande soddisfazione. Vengono attraversate le frazioni Pescarzo e Astrio; quest’ultimo è il paese  originario del mitico GianMario Mazzoli detto “Bacetto”. La prova avrà due versioni: la prima ripetizione (Ps7) sarà caratterizzata da un minore chilometraggio (6,50) e si chiamerà Astrio Corta. L’ultimo crono (di nuovo  nella Long version) chiuderà il rally e dopo pochi metri si sarà accolti per le premiazioni in piazza di Bienno”.