Articoli

CIWRC: a Vescovi-Guzzi la Coppa S1600 e vanno in Finale

La splendida competizione elbana (qui la nostra diretta), uno dei rally di maggior tradizione e tra i più impegnativi a livello nazionale, si dimostra teatro perfetto per esaltare gli equipaggi della scuderia parmense. Gloria, anzi tutto, Vescovi-Guzzi: il pilota di Medesano, Roberto, e la navigatrice di Spino d’Adda, Giancarla, centrano il terzo successo di classe S1600 in altrettante uscite e conquistano così con una gara d’anticipo rispetto all’epilogo del tricolore WRC la Coppa S1600.

Per Vescovi-Guzzi, si tratta di una perentoria conferma: risultato conseguito nel miglior modo possibile, considerando che all’Elba la Renault Clio del team di Marostica PR2 Sport conquista cinque delle sei prove speciali in programma e conclude anche in vetta alla graduatoria delle vetture a due ruote motrici. Il dominio dell’equipaggio di GR Motorsport si evince anche dal numero di prove speciali vinte in classe S1600 nelle tre gare del CIWRC: diciotto su diciannove disputate.

“Anche all’Elba tutto ha funzionato alla perfezione – gioiscono Vescovi-Guzzi a fine gara – e l’esito del rally toscano ne è la conseguenza. Abbiamo fatto davvero tutto bene, come già accaduto nelle due precedenti gare dell’Italiano WRC. Aver conquistato il nostro principale obiettivo stagionale con una gara di anticipo di riempie di orgoglio: voglio ringraziare la nostra scuderia GR Motorsport, il team PR2 Sport – che ci ha affidato una Renault Clio sempre velocissima, a punto ed affidabile come un orologio svizzero -, Pirelli per gli pneumatici altrettanto competitivi ed il supporto sempre molto attento e professionale; una figura essenziale è stata Giancarla, che ha organizzato con la solita, straordinaria attenzione la stagione e tutte le gare, rendendo tutto questo possibile. Un pensiero anche agli amici del Fans Club, che anche in questa stagione nella quale non possono seguirci sui campi di gara non mancano di farci sentire il loro calore”.

GR Motorsport esulta anche per la non meno entusiasmante prova di Michele Spagnoli: il veloce pilota di Bergotto di Berceto, navigato per l’occasione dalla varesina Miriam Marchetti su una Peugeot 106 del team viareggino Cars, conquista con lo stesso piglio dei compagni di scuderia la classe N2. Spagnoli-Marchetti corrono con il passo del dominatore, con cinque frazioni vinte su sei disputate, ed alla fine il vantaggio sui secondi classificati è di oltre due minuti. Ad impreziosire il successo, l’argento di gruppo N. La vittoria elbana, abbinata a quella di luglio al rally Coppa Città di Lucca, consente a Spagnoli di conquistare il titolo di classe N2 della Coppa Rally di Zona toscana e, con esso, il passaporto per la Finale Nazionale ACI Sport Rally Cup Italia, in programma fra un mese a Como. Alla stessa competizione lariana – in pratica, la finale di Coppa Italia – parteciperanno pure Vescovi-Guzzi, già qualificati grazie al titolo di classe S1600 nella Zona piemontese.

“All’Elba è andato tutto per il verso migliore – sorride con legittima soddisfazione Michele Spagnoli -, abbiamo approcciato la gara nel modo corretto, facendo sempre le scelte giuste sul piano dell’assetto e delle scelte degli pneumatici. Molto buono anche il feeling con Miriam Marchetti, davvero bravissima in questa nostra prima gara insieme. Sono molto felice anche per la crescente confidenza che sto prendendo con le gomme Michelin, con le quali mi trovo sempre meglio. Aver centrato il titolo di classe N2 della Coppa di Zona toscana è una bella soddisfazione, considerando l’alto livello dei rivali in azione, che condivido con GR Motorsport, il team Cars, che ha curato la preparazione della Peugeot 106 con la quale ho corso, ed i navigatori che mi hanno affiancato sinora. Ora il mirino si sposta sull’AciSport Rally Cup di Como”.

Roberto Vescovi e Giancarla Guzzi attesi al Lana

L’alba… al tramonto. Un controsenso? Nossignori. Non per Roberto Vescovi e Giancarla Guzzi, quanto meno: l’equipaggio della scuderia parmense GR Motorsport, infatti, vedrà l’alba della propria stagione sportiva al tramonto di sabato 11 luglio, quando da Biella avrà inizio il Rally Lana.

Sulle strade piemontesi, il 49enne pilota di Medesano e la coetanea navigatrice cremonese di Spino d’Adda torneranno insomma a correre a distanza di oltre otto mesi dall’ultima apparizione agonistica: allora, i due si congedarono con un successo di classe che li consacrò campioni di S1600 della AciSport Rally Cup (in pratica, la Coppa Italia – la foto PhotoZini si riferisce a quest’occasione). Ora, Vescovi e Guzzi cercheranno di riannodare il filo di una trama che li ha visto vivere l’anno scorso un’ennesima stagione vincente (oltre alla coccarda di classe, i due hanno vinto la Coppa di classe dell’Italiano WRC e nella Coppa Rally di Zona veneta).

Al Lana, però, l’imperativo per Roberto Vescovi e Giancarla Guzzi non sarà il successo: l’equipaggio sfrutterà l’occasione per rodare la Renault Clio messa a disposizione dal team di Marostica PRS2 Sport in vista dell’esordio nel Campionato Italiano WRC, previsto ad agosto ad Alba; tuttavia, è difficile immaginare che il forte pilota parmense non porterà la propria Clio nelle zone alte della classe S1600.

Un buon risultato al Rally Lana, peraltro, sarebbe tonificante non solo in vista della partecipazione al tricolore WRC, ma consentirebbe a Vescovi-Guzzi di mettere importante fieno in cascina nell’ambito della Coppa Rally di Zona piemontese (zona 1), alla quale i due intendono partecipare con il proposito di staccare il passaporto per la finale dell’AciSport Rally Cip 2020, prevista a Como a novembre.

Il Rally Lana si concluderà domenica 12 luglio alle 16.40, dopo che i concorrenti avranno percorso 360 chilometri di gara, 55 dei quali cronometrati, suddivisi nelle sette prove speciali in programma.

Rally Elba Storico, mille buoni motivi per seguirlo

Anche l’edizione duemiladiciannove del Rally Elba Storico-Trofeo Locman Italy assumerà un ruolo determinante per il campionato tricolore che ha molti titoli in dirittura di arrivo, così come per l’Europeo: sono quindi annunciati duelli di elevato livello tecnico, ideale prosieguo della tradizione. Proprio per questo ci sarà molto del meglio del rallismo storico italiano e continentale

lI piatto forte, neanche a dirlo, sarà dunque la corsa al titolo nei quattro Raggruppamenti appartenenti sia al CIRAS che all’Europeo. In cima all’indice di gradimento e a caccia del primo posto ripartiranno i big del IV Raggruppamento, per il quale però i giochi sono chiusi anticipatamente. Tutti presenti, stavolta più che mai, tutti contro il nuovo Campione Italiano leader dell’Europeo Luigi “Lucky” Battistolli. 

Nell’inossidabile trio con Fabrizia Pons alle note e la Lancia Delta Integrale Gruppo A il driver vicentino, dopo aver centrato il quarto titolo consecutivo, vuole ritrovare anche la vittoria in gara. Triplice motivazione per lui, dato che in ballo per il CIR Auto Storiche c’è ancora la virtuale ma ambita vittoria nella nel Trofeo Conduttori Assoluto, per il quale Battistolli è in vantaggio sugli altri leader di raggruppamento. “Lucky” sarà chiamato anche a difendere la leadership nell’Europeo dagli attacchi del britannico Will Graham su una BMW E30 M3, che lo segue a soli sette punti, e dello svedese Mats Myrsell su una Porsche 911, rispettivamente in seconda e terza posizione della classifica.

I campioni saranno sempre molti, anche all’Elba. A partire da Lucio Da Zanche, alla sua ventesima presenza all’Elba. Il pilota di Bormio,sulla Porsche 911 SC Gruppo B, insieme a Daniele De Luis, proverà a strappare la terza vittoria consecutiva in Campionato. Vuole riscattarsi in una gara che lo vede primeggiare nell’albo d’oro con 5 vittorie Salvatore “Totò” Riolo, sfortunato protagonista di un girone di ritorno da dimenticare. Per puntare al terzo successo stagionale nel CIRAS, il driver di Cerda cambia molto rispetto al Friuli: sarà con Alessandro Floris, al debutto su Ford Sierra Cosworth Gruppo A. 

Si aggiungeranno ai migliori del “quarto” anche il senese Valter Pierangioli, di nuovo tra le fila del Campionato su un’altra Sierra ed affiancato da Giancarla Guzzi, oltre a diversi equipaggi elbani. Occhio quindi ai quotatissimi piloti di casa Francesco Bettini, con Luca Acri e Andrea Volpi, con Michele Maffoni, entrambi armati di Lancia Delta HF Int. 16v per una sfida ad alto contenuto adrenalinico. Da seguire poi anche la gara di Matteo Luise con Melissa Ferro, già in grande evidenza nell’Alpi Orientali con la Fiat Ritmo 130 Abarth. 

Lotta aperta in ogni raggruppamento

Si rinnoverà anche il confronto tricolore per il III Raggruppamento. Per il “tricolore” saranno Roberto Rimoldi e Roberto Consiglio che dovranno difendere la prima piazza dagli attacchi di Angelo Lombardo e Giuseppe Livecchi, entrambi su una Porsche 911 SC. Non mancherà Andrea “Zippo” Zivian, stavolta con Nicola Arena sulla Audi Quattro.

L’alessandrino proverà a riaprire anche la corsa al titolo europeo dopo il ritiro di Udine, quando sembrava avere già la vittoria in tasca. Ad impedirglielo soprattutto il capolista finlandese Esa Peltonen su una Toyota Starlet e l’austriaco Karl Wagner, attualmente secondo su Porsche 911 SC a soli due punti e terzo, nella corsa continentale è l’altro finnico Veikkanen (Porsche), tre punti più indietro. Presente nel “terzo” anche Federico Ormezzano, che ha rimesso in sesto per l’appuntamento toscano la sua Talbot Lotus.

Molto gremito anche il II Raggruppamento per il quale torna in lizza il veloce senese Alberto Salvini, dopo tre round di assenza in Campionato. Il toscano vuole il bis dopo l’ultima edizione e torna sull’Isola come l’uomo da battere, insieme a Davide Tagliaferri, su 911 RS della Scuderia Palladio Historic. Rientra nel CIRAS anche il bresciano Marco Superti con Battista Brunetti su altra vettura tedesca.

Si giocherà il primato dell’Europeo su 911 RS il patron di Pentacar Maurizio Pagella, ad oggi n°2 del “secondo” nell’EHSRC, sfidato da Paolo Pasutti su altra Porsche, con il belga Carlo Mylle che difenderà la leadership al volante della sua Carrera RSR, dopo l’assenza in Friuli a fine agosto. E sarà ancora duello per il podio tra le Ford Escort di Dino Vicario con Marina Frasson e Valter Anziliero con Anna Brenna.

Quindi l’intramontabile e avvincente duello per il I Raggruppamento si rinnoverà anche a Capoliveri. Antonio “Nello” Parisi sbarca all’Elba da capolista sia dell’Italiano che dell’Europeo, con alle note Giuseppe D’Angelo, ma troverà ancora sulla sua strada l’altra Posche 911 S di Marco Dell’Acqua, affiancato da Alberto Galli, che vuole ripetere lo straordinario exploit mostrato ad Udine, concluso con la vittoria all’ultima speciale.

Il primo rivale di Parisi per l’Europeo sarà invece il britannico Ernie Graham su Ford Escort Twin Cam, con attenzione da prestare certamente al finlandese Kivitilia, terzo in classifica, ed anche a Carlo Fiorito e la sua BMW 2002, capace di fare da ago della bilancia.

Tra le presenze estemporanee  nella mischia dei “soliti” che frequentano la stagione sia nazionale che del vecchio continente ci sarà anche il livornese Giovanni Galleni, stavolta al via con una BMW M3 e presenza piacevole sarà anche quella dell’imperiese Gabriele “Odeon” Noberasco, anche lui con una “bavarese”.