IRCUP 2020: Damiano De Tommaso resta leader della serie

IrCup 2020: Damiano De Tommaso è il vincitore

IRC Sport, società impegnata nell’organizzazione dell’International Rally Cup, ha deciso di dichiarare conclusa la stagione 2020 assegnando i titoli dopo le due gare disputate: il Rally del Casentino del 3-4 luglio e il Rally Città di Bassano del 25-26 settembre. Dopo aver condiviso con gli organizzatori la scelta di annullare il Rally dell’Appennino Reggiano, IRC Sport ha deciso di non sostituire il terzo e conclusivo appuntamento della Serie con un altro rally e di assegnare i due terzi del montepremi totale in tutte le classi.

“Ci dispiace dover chiudere questo 2020 con solo due rally, ma dopo aver dimostrato con i fatti di essere in prima fila per la ripartenza è anche giusto capire quando è il momento di fermarsi – Loriano Norcini, Presidente IrCup -. All’Appennino Reggiano non c’erano le condizioni per correre e abbiamo condiviso al 100% la scelta dell’organizzatore. Si poteva inserire un’altra data? Non ce la siamo sentita di sostituire un rally che crede fortemente nell’IRC, per questo abbiamo deciso congelare la classifica pagando a tutti i 2/3 del montepremi. Anche se non potremo organizzare la tradizionale premiazione, tutti i riconoscimenti verranno erogati entro la fine dell’anno e abbiamo già pensato al 2021: gli iscritti all’IRC 2020 che non hanno ottenuto premi avranno uno sconto nell’iscrizione all’IRC 2021”.

De Tommaso vince l’assoluta

Dopo il titolo vinto nel 2019, Damiano De Tommaso – in coppia con Patrick Bernardi – si riconferma così campione dell’International Rally Cup Pirelli grazie al primo posto nella classifica IRC al “Rally del Casentino” (secondo posto assoluto) e al secondo posto al Rally Città di Bassano. Il pilota varesino si porta così a casa i 20mila euro del vincitore. Nell’IRC 2020 De Tommaso ha fatto valere non solo le sue doti velocistiche a bordo della Skoda Fabia R5, ma anche quelle di “ragioniere”. Al Casentino, primo rally in Italia dopo il primo stop per l’emergenza COVID-19, De Tommaso aveva provato a contendere la vittoria a Crugnola, ma quando ha capito che il secondo posto lo avrebbe portato in testa al campionato, ha pensato soprattutto a tenere a bada Andolfi.

La sua condotta è stata simile al Rally di Bassano: fin dal venerdì Battaglin (iscritto all’IRC, ma assente al Casentino) aveva fatto capire di avere un passo irraggiungibile, così De Tommaso ha blindato il secondo posto che gli ha permesso di allungare in classifica sul più diretto inseguitore, Paolo Porro. Anche il comasco è stato premiato dalla regolarità: con un quinto posto (4° di IRC) al Casentino e un sesto al Bassano il pilota della Ford Fiesta WRC ha chiuso a pari punti con Rovatti, ma per il miglior tempo sulla PS1 del Rally del Casentino ottiene il secondo posto nell’IRC. Rovatti si deve “accontentare” del terzo gradino del podio. A premio anche Dal Ponte e Battaglin, rispettivamente quarto e quinto dell’assoluta.

I vincitori IRC nelle classi

Pierdomemico Fiorese, oltre al Challenge Forze di Polizia, vince nel raggruppamento R4 – N4 – S2000 – A8 – N5 mentre Vona, secondo, paga il ritiro al Rally Città di Bassano. Alessandro Ciardi domina nettamente nel raggruppamento R3C- R3T – S1600 – A7 – RSP davanti a Luca Fiorenti e Fabrizio Giovannella.

Per un punto e mezzo Alessandro Zorra batte nella classe R2B/R2C Mirco Straffi al quale non basta il successo di classe al Casentino. Fabio Farina competa il podio delle piccole Peugeot davanti a Mario Alberto Cecchini.

Determinante “il coefficiente” dei rally anche per la vittoria di Pier Francesco Verbili nella N3 su Christian Bernardi. Il due si sono divisi le vittorie di classe ( Bernardi al Casentino e Verbili al Bassano), è così “moltiplicatore” 1,5 del Bassano a determinare il vincitore. Terza di classe chiude Lorella Rinna. Infine nella N2 vince Facchin davanti a Trinca Colonel e a Polli, Alessio Paolo si porta a casa il primo premio nella classe A6.