Manus Kelly e Donal Barrett sono usciti di strada e il pilota è deceduto

Donegal Rally e la morte del tre volte vincitore Manus Kelly

Il Donegal Rally 2020 non si è disputato a causa del lockdown imposto per fare fronte al dilagare della pandemia di nuovo coronavirus. Si sarebbe dovuto correre in questo week-end della seconda metà di giugno. Al di là della gara in sé, il pensiero degli appassionati vola al pilota che il Donegal Rally vinse tre volte e che nella “sua” gara perse la vita l’anno scorso. Parliamo di Manus Kelly.

Martedì 23 giugno sarà trascorso esattamente un anno dalla sua scomparsa. La realtà di ciò che è accaduto durante quel maledetto rally è ancora difficile da capire. In quel Donegal Rally, Manus Kelly era al sesto posto assoluto su una Hyundai i20 R5 con guida a sinistra. La sua velocità stava aumentando mentre la gara si spostava su strade che Manus conosceva bene. Lo ricordiamo in piedi nel parco chiuso, sorridente, prima che iniziasse l’ultima giornata di gara.

Manus, o Mandy, come era affettuosamente conosciuto, era anche al centro della comunità di Donegal. Un uomo d’affari di spicco, che era appena stato eletto nel Consiglio della Contea di Donegal la prima volta che lo aveva desiderato, appena quattro settimane prima del suo incidente mortale. Il motorsport è pericoloso e c’è sempre un alto elemento di rischio. La sua scomparsa all’età di 41 anni ha lasciato un vuoto incolmabile non solo nella vita della moglie Bernie e dei loro cinque figli – Annie, Mandy, Charlie, Conan e Bella – ma nella più ampia comunità di Glenswilly e oltre.

I suoi modi calorosi lo hanno reso uno dei piloti più simpatici nel parco assistenza, ma in prova speciale si trasformava. Il suo primo Donegal Rally è stato nel 2006, dove ha ottenuto una vittoria di classe con una Toyota Corolla, poi è arrivata la vittoria del 2015 che ha portato Mandy e Donall a fare cose ben più importanti l’anno successivo.

Di tanto in tanto nel motorsport, c’è una connessione tra auto e pilota che dà tanta sicurezza. Questo è quello che è successo, ad esempio, nel 2016 tra Manus Kelly e la Subaru Impreza S12B, e che ha regalato emozioni e traversi a non finire per tre anni di trionfi sulle colline. Quell’anno, Manus e Donall, dopo un volo in un campo, erano 9″3 secondi dietro il leader del Donegal Rally, Keith Cronin, diretto a Fanad con il successo in pugno, ma sulla PS finale di 19,74 chilometri, Manus era riuscito a strappare la vittoria per soli 0″5. Anche con la Hyundai i20 R5 andava particolarmente d’accordo Manus Kelly. Cosa è successo davvero resterà a lungo un mistero. Chissà, forse, un giorno… O forse no. Fatalità.