,

CRZ 2: Arzà al Lanterna, ma Gino è il più veloce

image00001

La WRC Plus di Gino-Michi è la più veloce, ma la Skoda Fabia di Arzà-Moriconi vince la gara perché nei quattro rally validi per la neonata Coppa WRC Plus le super vetture non possono vincere l’assoluta, mentre negli altri rally sì.

Sono Claudio Arzà e Massimo Moriconi su Skoda Fabia Rally2 della BB Competition i vincitori della classifica della CRZ 2 del 39° Rally della Lanterna – 7° Rally Val d’Aveto. Il pilota spezzino ed il navigatore toscano hanno guidato la corsa sin dalle prime battute e si sono aggiudicati cinque delle sei prove speciali in programma; un dominio assoluto conto il quale nulla hanno potuto fare gli ottimi Fabrizio Guerra e Giovanni Maifredini, per la prima volta sulle strade del Lanterna e subito molto veloci.

La Skoda Fabia dei lombardi si è piazzata al secondo posto, davanti alla Volkswagen Polo del parmense Fabio Federici, in coppia con la locale Erika Badinelli; per Federici si tratta del secondo podio di fila, dopo quello ottenuto nel 2022. Quarto posto finale per Igor Raffo e Paolo Rocca su Skoda Fabia, seguiti dalla Polo di Gigi Giacobone e Martina Bertelegni. Sesto posto per Biggi-Caprile su Skoda, che precedono i primi di due ruote motrici, Alessandro Multari e Nicole Arata su Citreon Saxo K10. Ottavo posto per Bruni-Bonaiti su Skoda, poi Rossi-Zanini su Citroen C3 Rally2 ed a chiudere la top ten Fallabrino-Parodi su un’altra Skoda.

Contrariamente a quanto riportato in precedenti comunicazioni la Citroen C3 WRC Plus di Alessandro Gino e Daniele Michi è stata fatta sparire dalla classifica assoluta della gara, ma solamente appunto in questo rally riservato alla Coppa WRC Plus Italia, che al Lanterna vedeva il pilota piemontese come unico partecipante. Un vero controsenso. Al posto di valorizzare ulteriormente la Coppa WRC Plus e questa rara tipologia di vetture, proprio laddove poteva brillare di più la si è nascosta. Tanto lo spettacolo offerto dall’ammiratissima vettura francese, che i tanti appassionati lungo il percorso ed al parco assistenza di Santo Stefano d’Aveto hanno avuto il privilegio di osservare da vicino.

E’ stato un Rally della Lanterna duro e selettivo, sia per gli uomini che per i mezzi; l’alto tasso tecnico delle prove speciali unito ad un meteo tormentato hanno fatto assistere ad una gara d’altri tempi, molto appassionante e con una interessante rivalità sportiva in tutte le categoria.

Grande soddisfazione per gli uomini della Lanternarally, che con il prezioso contributo del Gruppo Sportivo Allegrezze, dell’Aci Genova e dell’amministrazione locale hanno nuovamente messo in campo, non senza sacrifici, una grande manifestazione, premiata dal consenso degli equipaggi e dalla massiccia partecipazione degli appassionati.

L’incidente del Lanterna

Durante la prova speciale n° 2 “Monte Penna” la vettura numero 59 del pilota Federico Fallabrino affiancato dal copilota Carmelo Lipari è uscita di strada nel tratto finale del settore cronometrato, finendo ribaltata ma con danni lievi al di sotto della sede stradale. Il copilota Carmelo Lipari, dopo essere uscito dalla vettura autonomamente ed essersi tolto il casco in autonomia ha subìto una leggera amnesia temporanea, di pochi secondi, forse dovuta al ribaltamento dell’auto, per poi tornare perfettamente cosciente.

A scopo precauzionale Carmelo Lipari è stato trasportato all’Ospedale San Martino di Genova dall’elicottero dei Vigili del Fuoco. Sono in corso gli accertamenti del caso, ma si escludono criticità ed il copilota è sempre rimasto vigile.