Bruni-Esposito, Rally Valli Ossolane

Bruni-Esposito i primi leader del Rally Valli Ossolane

Il Rally Valli Ossolane è entrato nel vivo e dopo lo shakedown di stamane, sabato 30 aprile, le prime due prove speciali hanno aperto i battenti dell’edizione numero 58.

Tutti con il naso all’insù alla cerimonia di partenza di Malesco con il cielo che, a tratti plumbeo e ad altri soleggiato, destava pensieri e preoccupazioni suggerendo a taluni gomme da pioggia e ad altri pneumatici da asciutto.

Dopo la Crodo-Mozzio e la DomoBianca365 a comandare la classifica assoluta è il locale Sergio Bruni che in coppia col fidato Diego “Panda” Esposito e sulla Skoda Fabia Evo del team Miele, ha accumulato un vantaggio di 6”5 su Caffoni-Grossi (id. Balbosca) e 10”2 su De Antoni-Musiari (Skoda Fabia R5 Vieffecorse).

Ottima partenza per il pilota di Varzo che ha confermato quanto di buono aveva già messo in evidenza durante la scorsa stagione collocandosi quinto a 4”6 in Ps1 e staccando tutti nella successiva grazie anche ad una condotta attenta sotto il diluvio seppur con gomme da asciutto.

“Abbiamo montato pneumatici Michelin che con queste condizioni sono efficaci anche se di una mescola asciutta perché hanno buone scanalature e consentono comunque una tenuta migliore. Non credevo di aver fatto lo scratch e posso dire di essere contento anche se guidare in quelle condizioni è stato difficile. Abbiamo però un assetto troppo morbido che domani dovremo assolutamente indurire”.

Secondo tempo assoluto e vittoria in Ps1 per i campioni uscenti Davide Caffoni e Mauro Grossi che sulla Skoda di Balbosca hanno sofferto l’acquazzone della Domobianca365 pur contenendo il distacco.

Molto bene il classe ’97 Edoardo De Antoni in coppia con Martina Musiari su Skoda Fabia Vieffecorse gommata Pirelli: dopo un buon avvio il pilota di Camposampiero (PD) ha spinto forte sul pedale dell’acceleratore in Ps2 ottenendo un secondo posto prestigioso che vale il podio nella generale.

Sarà incandescente la lotta nelle zone di testa perché attualmente è quarto Fabrizio Margaroli con Andrea Dresti (Skoda PA Racing) a 13”5 mentre un decimo dietro si è piazzato il domese Marco Laurini con VW Polo R5 di Balbosca. A 18”4 timbra il cartellino l’aostano Elwis Chentre con Fabio Grimaldi: il vincitore della Coppa Italia 2021 è pronto a cogliere le occasioni propizie su Skoda Evo di D’Ambra! A 25”8 è settimo Alex Bocchio, il pirata che il Valli lo ha vinto per ben tre volte: il debutto con la Skoda procede bene. Un testacoda nella Crodo costa un distacco di 28” al camuno Bondioni con la domese Sofia D’Ambrosio. Nono è il duo erbese composto da Maurizio Mauri e la figlia Federica (Erreffe) mentre subito alle loro spalle chiudono la giornata l’astigiano Araldo ed Araspi (Balbosca), entrambi su Skoda.

Quindicesimo assoluto, con la prima vettura “non R5” e leader di Due Ruote Motrici è il sensazionale Manuel Bracchi in coppia con Debora Fancoli: il valtellinese vola con la Peugeot 106 A6 partita con il numero 134 dopo oltre due ore dai primi! Molto bene anche il nebbiunese Tondina che fa volare la Peugeot 208 Rally4 (Valsesia Motors) insieme a Cecchetto in sedicesima piazza generale. Diciottesimo Mirko Pelgantini che farà sicuramente un poster della classifica di PS2 dove, con una Clio R3C di SMD, ha staccato il 4° tempo assoluto! Primo di S1600 è il giovane Igor Iani con Nicola Puliani: sono 21esimi assoluti.

Da segnalare la toccata di Erminio Barbieri che sulla “Lusentino” ha toccato la ruota posteriore destra della Ford Fiesta Wrc numero 2 fermandosi dunque anzitempo. In generale dopo due prove sono già sedici i ritirati.

Non partiti il numero 3 Battistolli-Scattolin (problemi di salute), il 121 Saverio-Botto, il 129 Sanfilippo-Meloni e il 183 De Simone-Rossato. Non verificato il siciliano Profeta.