CRZ 1: Caffoni-Grossi calano il sette al Valli Ossolane

La 58°edizione del Rally Valli Ossolane, primo appuntamento della Coppa Rally di Zona 1, ha visto nuovamente sul gradino più alto del podio l’equipaggio formato da Davide Caffoni e Mauro Grossi, al volante della Skoda Fabia Rally2 Evo del team Balbosca. Il duo ossolano ha dovuto sudare di più del previsto per centrare il settimo sigillo sulle strade di casa, complice un tempo “ballerino” nella giornata di sabato e un Sergio Bruni in stato di grazia. Nonostante ciò hanno saputo sfruttare al massimo la Skoda Fabia messa a disposizione dalla squadra di Santo Stefano Belbo, riuscendo a non commettere il ben che minimo errore su prove dove era facilissimo sbagliare. Un successo che gli ha permesso di avvicinanrsi prepotentemente al record del mitico Franco Uzzeni, vincitore di ben otto edizioni del Valli Ossolane, e di aggiudicarsi il memorial dedicato a Donato Cataldo.

Seconda posizione per un mai domo Fabrizio Margaroli, in coppia con Andrea Dresti, sulla Skoda Fabia Rally2 Evo della PA Racing. Il pilota della Skoda deve recriminare per una foratura nel corso della PS4 “Cannobina” che gli ha fatto perdere parecchi secondi e contatto con il duo di testa. Un piazzamento sul podio, che seppur ottimo, comincia ad andare stretto ad un personaggio del calibro di Margaroli, al quale gli piacerebbe calare il tris dopo aver vinto ben due edizioni nel 2010 e 2018.

Completano il podio Ilario Bondioni e Sofia D’Ambrosio con un’altra Skoda Fabia Rally2 Evo della PA Racing. Per loro arriva un altro risultato di prestigio dopo il terzo posto colto al Camunia ed il secondo al Prealpi Orobiche.

Tra coloro che meritano una menzione c’è sicuramente Sergio Bruni, grande protagonista della gara fino alla PS5, quando un’uscita di strada, con conseguente urto al posteriore, l’ha costretto ad alzare bandiera bianca quando era leader provvisorio. Quarta posizione per l’aostano Elwis Chentre, navigato da Fabio Grimaldi, su Skoda Fabia del Team D’Ambra. Il pilota di Roisan si è reso protagonista di una seconda parte di gara molto aggressiva, dove tra l’altro ha fatto segnare il miglior tempo sulla penultima speciale, non riuscendo però a salire per mezzo secondo sul gradino più basso del podio.

Bene Marco Laurini (Volkswagen Polo) quinto assoluto nonostante una piccola toccata all’anteriore sinistra nel corso della PS4, mentre alle sue spalle troviamo Maurizio e Federica Mauri (Skoda Fabia) e il giovane Edoardo De Antobi (Skoda Fabia), affiancato da Martina Musiari. Chiudono i primi dieci le tre Skoda Fabia di Peruccio, Bocchio e Araldo.

In Due Ruote Motrici la vittoria è andata al locale Igor Iani con la Renault Clio dell’Erreffe. Per lui una gara di allenamento in vista dei prossimi impegni nel Campionato Italiano. Da sottolineare la prova di Tondina. Quest’ultimo ha messo in mostra l’ennesima prestazione maiuscola alla sua terza apparizione con la Peugeot 208 Rally4, giungendo 18° assoluto!

(Foto copertina: Matteo Serena)