Articoli

Rally nel mondo: rassegna stampa 3-10 aprile 2021

Cosa dicono gli altri giornali di rally nel mondo? I media europei, dal 3 al 10 aprile, hanno pubblicato notizie sulla partecipazione di Cédric Robert al Tour de Corse Historique e hanno evidenziato le maggiori novità e progetti futuri del rallysmo spagnolo. Oltre all’annuncio dei programmi stagionali del tedesco Griebel, sono state annunciate pessime notizie per il Campionato Finlandese di Rally.

Francia

Direzione Corsica per Cedric Robert

Questa è una piccola informazione che delizierà tutti gli appassionati di rally. Cédric Robert tornerà al Tour de Corse Historique che si svolgerà dal 4 al 9 ottobre 2021. Il pilota francese ha già partecipato al Tour de Corse moderno con una 206 WRC nel 2003. Questa volta sarà al volante di una bellissima BMW M3 di Daniel Gatteaux. “Ho visto evolversi questa BMW M3 quando ero giovane. Questa partecipazione al Tour de Corse al volante di questa vettura leggendaria è un sogno che diventerà realtà grazie a Daniel”, Ha commentato Cédric Robert.

Se vuoi leggere la notizia clicca qui

Cancellato il Rallye Source de l’Huvenaue

Il nuovo evento nel sud-est della Francia organizzato dall’ASA Marsiglia è stato cancellato a causa del Coronavirus. L’evento era in programma dal 21 al 22 maggio e fu rinviato l’11 e il 12 giugno 2021. Ora il dipartimento del Var ha espresso il divieto di utilizzare la strada “DR 80”. “Nel 2021 abbiamo voluto avviare un nuovo evento nella nostra regione “Les Sources de l’Huveaune”. Dopo un 2020 più che cupo, abbiamo pensato che fosse necessario organizzare un evento divertente con un buon rapporto fra sport e budget”, silegge sul comunicato stampa. “Purtroppo “Mister Covid” ci impedisce di praticare il nostro sport preferito. Dopo aver cercato di evitare le restrizioni governative rinviando l’evento a giugno, il servizio addetto alle strade nel dipartimento del Var ci vieta di utilizzare la RD 80 (da NANS a Plan D’Aups). L’asfalto fatto di recente è in garanzia fino al fine del 2021. Dobbiamo dimetterci, il primo Sources de l’Huveaune avrà luogo nel 2022. Come te, siamo delusi ma la ragione deve prevalere sulla passione e il lavoro svolto sarà utilizzato per il prossimo anno. Grazie ai vari servizi della prefettura del dipartimento Var per la gestione della nostra pratica, grazie anche al Presidente Tosello oltre che i membri del comitato esecutivo della lega automobilistica per la loro fiducia”.

Per leggere la notizia clicca qui

Thomas Chauffray sul podio in Spagna

Mentre molti francesi hanno scelto l’Italia per correre in questo fine settimana, altri stanno attualmente partecipando al Rally Sierra Morena in Andalusia. I francesi Thomas Chauffray e Anthony Hamard conquistano il secondo posto con la Renault Clio RSR Rally5 nella Clio Trophy Spain. Sono stati battuti da Leal Tarabes, vincitore della Dacia Sandero Cup nella scorsa stagione. Julien Baziret e Pierre Simenel hanno concluso invece al 7° posto nel medesimo trofeo. Guillaume Canivenq non ha avuto lo stesso successo, finendo ultimo nel trofeo dietro l’altro francese Vincent Rieu. Impegnato al volante di una Renault Clio R3T, Christophe Gouville è arrivato 47°. José-Antonio Suarez ha dominato questo evento al volante di una Skoda Fabia Rally2. Secondo posto per Jan Solans e la sua Citroën C3 Rally2.

Per leggere la notizia clicca qui

Finlandia

Salta una gara del Campionato Finlandese

La serie del Campionato Finlandese di Rally ha annunciato giovedì che il rally del campionato finlandese di Oulu, previsto per l’inizio di settembre, è stato annullato. AKK sta cercando di trovare una gara sostitutiva. L’obiettivo principale è trovare un organizzatore che possa organizzare il rally del campionato finlandese per lo stesso fine settimana. Possono entrare in gioco anche i fine settimana di agosto. Nel calendario del Campionato Finlandese di Rally 2021 sono previste sei gare in totale, di cui quattro nella prossima estate. Ora c’è il pericolo che la stagione estiva si riduca a soli tre rally. “Tutti i club interessati ad organizzare il Campionato Finlandese di Rally sono pregati di contattare il responsabile del rally di AKK-Motorsport ry il prima possibile, ma non oltre venerdì 16 aprile 2021 alle 16.00”. La decisione sulla competizione sostitutiva sarà presa il prima possibile, non appena sarà stato trovato un organizzatore idoneo. Durante la stagione invernale, le gare di Rovaniemi e Kouvola sono state corse senza problemi. Nella classe SM1 il leader è il veterano Juha Salo davanti a Teemu Asunmaa ed Emil Lindholm.

Per leggere la notizia clicca qui

Spagna

Le novità spagnole dei rally

Mercoledì sera sono stati svelati diversi programmi automobilistici promossi dalla Federazione automobilistica di Las Palmas e dal Consiglio sportivo del Cabildo de Gran Canaria. Juan Carlos Quintana e Yeray Mujica saranno al via nel Campionato Spagnolo Rally Terra con una Skoda Fabia EVO2 R5 e con una Porsche 911 GT3 in diverse gare spagnole. Pablo Suárez correrà nel Campionato Europeo Rallycross con la RX2-E e nel Virtual Rally Championship ci sarà un super premio. il vincitore avrà l’opportunità di passare dal simulatore a una vera macchina da rally e guidarla al Maspalomas Rally 2021. Con il “Volante FALP”, riservato ai candidati di età compresa tra i 16 ei 24 anni, è stata lanciata una borsa di studio nella Suzuki Swift Cup all’interno il Campionato Spagnolo di Rally 2022. L’evento è stato guidato dal giornalista Esteban Morales, che ha presentato tutti i progetti, successivamente sono intervenuti Miguel Angel Domínguez, Presidente della FALP, e Francisco Castellano, Consigliere per lo sport del Cabildo de Gran Canaria. La presentazione è stata trasmessa in diretta attraverso la pagina Facebook della Federazione. Con queste attività entusiasmanti e ambiziose si intende portare l’immagine di “Gran Canaria European Island of Sports” sia al di fuori che all’interno delle isole. Questa azione congiunta tra FALP e Cabildo Gran Canaria è stata studiata nello scorso anno. L’obiettivo è quello di sostenere questo sport e progetti innovativi in ​​vista del futuro, come un veicolo elettrico da competizione.

Josep Segalas al via della 2RM Cup spagnola

A meno di un mese dall’inizio della 2RM Cup, il campionato continua a registrare nuovi iscritti. Nella competitiva serie ci sarà anche il catalano Josep Segalàs. Il pilota ha confermato che l’obiettivo non sarà altro che lottare per la vittoria: “L’obiettivo per questa stagione è vincere la categoria N3 della 2RM Cup. L’anno scorso abbiamo vinto la prova che abbiamo disputato e abbiamo dimostrato di poter essere competitivi”. Non dobbiamo dimenticare che il rallista della Escudería Mollerussa ha partecipato per due stagioni a un campionato misto come il Volant Racc. Accompagnato da Isaac Pujol sulla destra, Segalàs sarà al volante della sua Peugeot 208 1.2 Pure Tech con cui ha gareggiato nelle ultime stagioni e con la quale affronterà questa sfida. Con questo mezzo ha già gareggiato in questa stagione al Rallysprint di Lleida oltre ad una giornata di test al Circuit Galls Motor, situato a Solsona. In questa nuova sfida avrà il sostegno dei suoi sponsor come toroloco, Karbium, RACC, Vynylcustoms, Envasos El Poligon, Dogasport, Evanscoolant, Bellet corsa, Total, Ara Lleid, Diputació Lleida, Eda Almenar, GSR Premium e WAP Torrefarrera . I colori bianco, nero e arancione saranno i prevalenti sulla vettura francese.

Per leggere la notizia clicca qui

Doppio progetto per Roberto Blach Jr

Sta per iniziare una nuova stagione e Roberto Blach Jr. ricomincerà come uno dei grandi favoriti sia nella Peugeot Rally Cup Ibérica, organizzata da Sports & You, sia nella borsa di studio Rallye Team Spain Junior realizzata da Real Spanish Federazione Automobilistica. In questo ambizioso progetto sportivo, in cui il pilota di Arteixán proverà a ripetere il grande successo ottenuto nel 2018 quando divenne il primo pilota a vincere il titolo della competizione iberica, avrà ancora una volta la Peugeot 208 Rally4 gestita dalla squadra galiziana TRS. La squadra affronterà così un programma misto in Spagna e in Portogallo gareggiando in nove appuntamenti, due dei quali per il Campionato del Mondo e uno dell’Europeo. Il giovane pilota Arteixán, ha analizzato il progetto sportivo di questa stagione: “Abbiamo lavorato negli ultimi mesi per cercare di lottare per la vittoria nei due trofei promozionali. Avremo un veicolo molto competitivo e garantito, quindi partiremo alla fine di questo mese al Rally Terras d’Aboboreira con la voglia di ottenere un buon risultato. Continuiamo a cercare nuovo supporto, per avere un progetto solido che ci permetta di competere in un evento aggiuntivo e quindi avere il più alto livello competitivo, poiché sappiamo che ci saranno tanti rivali con lo stesso obiettivo, quindi dovremo dare tutto dall’inizio”.

Per leggere la notizia clicca qui

Germania

Griebel lavora per correre nel DRM

Si avvicina l’inizio del Campionato Tedesco di Rally (DRM). Tra meno di quattro settimane inizierà il Rally di Sulingen dal 7 all’8 maggio e si prevede un buon numero di equipaggi iscritti. Ci saranno 16 equipaggi con le Rally2, tra cui Christian Riedemann, Philip Geipel, Carsten Mohe, Julius Tannert (tutti Skoda), o Björn Satorius e Dominik Dinkel (entrambi Ford). Ci sarà anche l’ex campione Marijan Griebel nel DRM e vuole anche lottare per il titolo. In questa stagione, il 31enne correrà con una Citroën C3 Rally2 e vuole annunciare ufficialmente il suo programma nei prossimi giorni. Il Rally di Sulingen citato prima sarà a porte chiuse a causa delle attuali restrizioni causate dalla pandemia da Covid-19.

Per leggere la notizia clicca qui

Il Rally Le Touquet rinviato a fine maggio: è crisi in Francia

Nonostante l’ultimo incontro avvenuto tra il Governo francese e la FFSA, i rally in Francia non riescono a ripartire. La causa? Le continue restrizioni e limitazioni imposte dal governo francese per attenuare la pandemia di Coronavirus.

Dopo aver posticipato la sua data di quattro settimane, il Rally Le Touquet – Pas-de-Calais verrà rinviato ulteriormente. Questa manifestazione, che doveva aprire la stagione 2021 del Campionato Francese Rally Asfalto, era stata fissata inizialmente dall’8 al 10 aprile.

Proprio giovedì 18 marzo, il governo francese ha imposto misure ancora più restrittive per la regione dell’Hauts de France. Questi ulteriori divieti saranno validi per un periodo di quattro settimane. In un breve comunicato stampa pubblicato nel pomeriggio di ieri, gli organizzatori hanno annunciato direttamente la nuova data dell’evento.

“Abbiamo temuto che avremmo dovuto aspettare fino alla prossima settimana per rivelarvi la nuova data del nostro evento. Ma grazie al lavoro svolto con la FFSA, la regione dell’Hauts-de-France e il Comune di Le Touquet, non vediamo l’ora di vedervi il 27, 28 e 29 maggio per la 61a edizione!”, ha detto l’organizzatore sulla propria pagina Facebook.

Con questo rinvio, il Campionato Francese su Asfalto dovrebbe quindi partire il 12 maggio con il Rally d’Antibes Côte d’Azur. Quindici giorni dopo, gli equipaggi e i team della serie francese si ritroveranno a Le Touquet per il secondo round di campionato.

Rassegna stampa francese 9-15 marzo 2021

La consueta rassegna stampa francese 9-15 marzo 2021 ci dice che i media francesi, nei sette giorni che vanno dal 9 al 15 marzo, hanno pubblicato notizie sull’edizione numero 40 del Rally di Argentina, sui piani stagionali di Allison Viano e di Mads Ostberg, sull’assenza di Thibault Habouzited al Le Touquet e sulle novità che riguardano il Rallye Castine-Terre d’Occitaine. Si è parlato anche della vittoria di Neuville al Ciocco e del fatto che il Campionato Francese Rally continuerà ad essere trasmesso su Canal+ Sport.

NEUVILLE SI IMPONE AL CIOCCO

Non è passata inosservata la vittoria di Thierry Neuville e Martijn Wydaeghe ottenuta al Rally Il Ciocco e Valle del Serchio con la Hyundai i20 R5 gommata Pirelli. A dare la notizia è Rallye Infos. L’equipaggio ufficiale Hyundai Motorsport, attualmente secondo nel Mondiale Rally, non ha mai nascosto la voglia di vincere. “Mi sono piaciute le tappe del Rally Il Ciocco, dove ho corso per la prima volta”, ha spiegato Neuville all’arrivo. “E’ stato stimolante affrontare i piloti velocissimi che hanno partecipato. Ho iniziato a spingere fin dalle prime fasi e il risultato è arrivato”.

Per leggere la notizia clicca qui

IL CAMPIONATO FRANCESE SU CANAL+ SPORT

Il Campionato Francese Rally continuerà ad essere trasmesso su Canal+ Sport. Dopo ciascuna delle nove prove della stagione 2021, verrà offerto un programma di circa 40 minuti denominato “Rallye Club”. La partnership è stata estesa fino al 2022. “Sono molto felice che il Campionato Francese Rally rimarrà sui canali del gruppo Canal+”, spiega Nicolas Deschaux, Presidente della Federazione francese degli sport motoristici (FFSA). “Non possiamo sperare in una copertura mediatica migliore di quella fornita dal team di Thomas Sénécal. Questo nuovo accordo tra la Federazione e Canal+, dimostra ancora una volta il valore del nostro sport e la qualità dell’organizzazione dei nostri eventi. Ringrazio vivamente Thierry Cheleman della direzione sportiva di Canal+, tutte le squadre coinvolte in questo progetto e non posso fare a meno di avere un pensiero commosso per Pierre Lelong. Lui è stato uno dei punti cardine di questa bellissima partnership. Da tre anni i nostri abbonati conoscono i nostri programmi. Apprezzano l’alto livello di questa competizione e la qualità dello spettacolo. Il direttore dello Sport su Canal+ ha dichiarato: “Il programma “Rallye Club” è un vero successo! Stiamo così completando la nostra offerta con ancora più sport motoristici oltre al WRC, alla Formula 1 e alla Moto GP”.

Per leggere la notizia clicca qui

ALLISON VIANO NEL CAMPIONATO FRANCESE

Rallye Infos dà notizia del fatto che la campionessa francese Allison Viano correrà nel Campionato Francese Rally con la con la 208 R2. Sarà al via dal Le Touquet e sempre sotto i colori dello sponsor francese Yacco. “Ripartiamo anche questa stagione nel Campionato Francese Rally con la 208 R2 completamente rifatta da Alain Viano e ancora nei colori del nostro fedele partner YACCO! Sérena Simonpieri sarà alla mia destra in questa stagione, e anche Manon Verger in alcune gare”, ha commentato Allison Viano.

Per leggere la notizia clicca qui

THIBAULT HABOUZITED ALZA BANDIERA BIANCA

Rallye Infos stabilisce che Thibault Habouzit non potrà partecipare al Le Touquet a causa di problemi professionali. Il francese lo ha annunciato qualche giorno fa sui propri social network. “Falsa partenza per noi. Con grande rammarico non potremo schierarci al via del Le Touquet. La nuova data non ci consente, per impegni professionali, di poter partecipare. Speriamo di poterci tornare il prima possibile”.

Per leggere la notizia clicca qui

RINVIATO IL RALLYE CASTINE–TERRE D’OCCITAINE

E’ stata rinviata la partenza del Campionato Francese di Rally su terra. In un comunicato stampa pubblicato venerdì Stéphane Devez, Presidente dell’Ecurie des 1000 Tours, ha spiegato le ragioni del rinvio del primo appuntamento stagionale, il Rallye Castine – Terre d’Occitanie.

“La situazione sanitaria è attualmente troppo incerta per continuare a sperare di organizzare, in condizioni normali, la 21° edizione del Rallye Castine – Terre dOccitanie il 7, l’8 e il 9 maggio”, si legge su Rallye Sport. “Inoltre, è inconcepibile per noi organizzare un evento del genere a porte chiuse. Il rally è uno sport popolare e secondo noi la presenza del pubblico è fondamentale. Sicuramente è tecnicamente impossibile organizzare il nostro evento con l’applicazione del coprifuoco alle 18:00. Per organizzare il nostro evento, abbiamo quindi deciso in collaborazione con la Lega Occitanie Pyrenees, la FFSA, le comunità e i vari partner di posticipare il rally al 2, 3 e 4 luglio 2021. Ci scusiamo per questo inconveniente che non è di nostra volontà. Crediamo che faremo tutto il possibile come abbiamo già fatto nel 2020 per organizzare il nostro evento. Non vedo l’ora di vedervi il 2, il 3 e il 4 luglio a Bretenoux per la 21a edizione del Rallye Castine – Terre d’Occitanie”.

Per leggere la notizia clicca qui

IL RALLY DI ARGENTINA FESTEGGIA 40 EDIZIONI

Planetemarcus annuncia che nel 2021 ci sarà il ritorno del Rally d’Argentina. Annullato nel 2020 a causa dell’epidemia globale di coronavirus, il rally argentino non è stato incluso nel calendario WRC in questa stagione come di consueto ogni anno. Tuttavia, gli organizzatori hanno deciso di celebrare dal 16 al 18 aprile a Villa Carlos Paz l’edizione numero 40. Si correrà su otto tappe utilizzate in passato nel Campionato del Mondo Rally.

Per leggere la notizia clicca qui

MADS OSTBERG TORNA NEL WRC2

Mads Ostberg, reporter per WRC + durante i primi due round del Campionato del Mondo di Rally, ha confermato che tornerà nel World Rally Championship 2. Il norvegese ha intenzione di difendere il titolo conquistato nella passata stagione, sottolinea Planetemarcus. Il 2021 sarà un anno fitto di impegni per Ostberg, che sarà sempre accompagnato da Torstein Eriksen. Il duo norvegese parteciperà anche al Campionato Rally Ungherese con il supporto di Citroën Rally Team Hungary e della Tagai Racing Technology. Il loro programma nel WRC2 è composto da sette rally. A disposizione avranno una Citroën C3 Rally2 per entrambi i campionati.

Per leggere la notizia clicca qui

La FFSA parla col Governo: ”Basta rally cancellati”

A causa delle restrizioni e delle limitazioni imposte dal governo francese per la pandemia da Covid-19, i rally non riescono a ripartire. Nell’esagono le gare cancellate finora sono state circa trenta e la FFSA, la federazione francese, ha deciso di intervenire interpellando il Ministero dello Sport.

La Federazione Francese dello Sport Automobilistico, attraverso il suo presidente Nicolas Deschaux, ha discusso a lungo con Roxa Maracineanu, ministro delegato responsabile dello sport. Il fine della FFSA è quello di sbloccare il più rapidamente possibile questa situazione.

Ad oggi rimangono autorizzate solo le competizioni sportive professionistiche. Queste competizioni devono coinvolgere la maggioranza degli atleti professionisti. Il governo ha deciso che gli amatori dovrebbero attendere uno sviluppo favorevole della salute per riprendere le attività sportive, perché anche in Francia i rally sono stati inclusi tra gli sport di contatto.

“Come dall’inizio della crisi sanitaria, la FFSA ha voluto essere trasparente con le autorità statali sulle competizioni degli sport motoristici e dei kart in modo che tutto fosse il più coerente possibile nei confronti del contesto sanitario”, si legge nel comunicato diramato dalla FFSA.

“Quindi, oltre al fatto che molte competizioni che valgono per un Campionato o una Coupe de France richiedono, in sostanza, un “livello professionale“, l’oggetto di questo scambio è stato quello di fornire elementi concreti che permettessero al Ministro di tener conto della particolarità delle nostre discipline riguardanti l’apprezzamento del carattere professionale di determinate attività”.

Il Presidente della FFSA ha ricordato che gli sport automobilistici e il karting si svolgono all’aria aperta. Così facendo l’attività all’aperto, svolta in modo individuale e senza contatto, va a diminuire il ​​rischio di esposizione al virus. Tutti gli equipaggi dispongono anche di dispositivi di protezione individuale che costituiscono un’ulteriore “barriera” di sicurezza per il virus.

“In un contesto in cui possono circolare molte informazioni contraddittorie, il Presidente della FFSA desidera ricordare che i servizi della Federazione sono pienamente mobilitati per supportare tutti i piloti durante questo periodo particolarmente complesso. A tal proposito si ricorda che gli allenamenti e le prove sono autorizzate dal Ministero”.

Attraverso questo annuncio, la FFSA spera in uno sviluppo positivo della situazione: “Il ministro delegato allo sport ha ascoltato le argomentazioni del Presidente della FFSA e ha indicato che il governo deciderà quanto prima, in particolare sulle competizioni autorizzate”.

In conclusione, in vista di possibili comunicati del governo, il Presidente della FFSA desidera che l’accesso ai circuiti e alle piste all’aperto sia mantenuto per i professionisti nonostante un possibile inasprimento delle misure sanitarie.

Rally Le Touquet: 195 iscritti tra cui Gilles Panizzi

Il Touquet Auto Club ha svelato l’elenco iscritti degli equipaggi che parteciperanno all’edizione numero 61 del Rally Le Touquet-Pas de Calais 2021. Nella prima tappa della serie francese, prevista per il 9 e 10 aprile, saranno presenti i vincitori dell’edizione 2020, Yoann Bonato e Benjamin Boulloud.

I campioni in carica della serie francese correranno con la Citroën C3 Rally2 preparata e gestita dalla CHL Sport Auto. Il duo francese proverà a difendere il titolo da eventuali attacchi da parte di piloti come Jean-Baptiste Franceschi (PH Sport, C3 Rally2), Quentin Gilbert (TM Compètition, Fiesta Rally2), Quentin Giordano (Sarrazin Motorsport, Polo GTi R5), Nicolas Ciamin (DG Sport, C3 Rally2), William Wagner (PH Sport, c3 Rally2) o Maxime Potty (TM Compètition, Fiesta Rally2).

Chi suscita grande curiosità ed enigmi è l’equipaggio composto da Adrien Fourmaux e Renaud Jamoul. Nella lista degli iscritti non viene specificata la vettura con la quale l’equipaggio M-Sport prenderà il via. Sarà presente anche Nikolay Gryazin in compagnia di Konstantin Aleksandrov con la Volkswagen Polo GTi R5 della Scuderia Movisport. Per gli equipaggi del WRC2 questa sarà una gara-test in vista del Croatia Rally, terzo evento stagionale del World Rally Championship.

Gradito ritorno per Gilles Panizzi nella serie francese asfalto. Il francese parteciperà con la Hyundai i20 R5 del team Enjolras Racing. Le WRC presenti sono quattro, tutte in forma privata. Correranno due Fiesta, una C4 e una John Cooper Works.

Nella classe R-GT gli equipaggi iscritti sono 10. Tutti andranno a caccia dell’Alpine A110 Rally R-GT di Cédric Robert e Matthieu Duval, Campioni in carica dell’Amateur Trophy. Con la medesima vettura correranno l’ex pilota del WRC François Delecour e Jean Rodolphe Guigonnet. Nel trofeo dedicato alle Clio il successo è totale, con 47 vetture al via. Infine, nel Campionato Francese Junior, i partenti totali sono 18. Nel trofeo VHC saranno invece 45.

Stagione continentale per Mathieu Franceschi con la 208

Programma di respiro continentale per Mathieu Franceschi. Il vincitore del Campionato Francese Rally Terra riservato alle due ruote motrici sarà al via del Campionato Europeo Rally con una Peugeot 208 Rally4.

A questo programma, composto da sei eventi (Canarie, Polonia, Lettonia, Roma, Barum e Ungheria) si andrà ad aggiungere la partecipazione alla 208 Rally Cup in Patria. Un totale di 13 eventi, tutti da affrontare con la nuova nata di casa Peugeot e con Lucie Baud alle note. A supportare l’avventura del pilota natio di Fayenne sarà ancora una volta PH Sport, mentre il team con cui gareggerà sarà Minerva-Oil.

Il Rally le Touquet rinviato ad aprile

Avevamo annunciato il rinvio del Rally le Touquet a causa delle restrizioni imposte dal governo francese, che prevedono l’entrata in vigore di un mini lockdown nei prossimi tre fine settimana. Bisogna però dire che gli organizzatori della gara che si svolge nel Dipartimento del Pas de Calais non si sono persi d’animo, e grazie al lavoro svolto insieme alla FFSA, gli organi statali e la città di Le Touquet sono riusciti a trovare una nuova data per il loro evento.

Infatti, nella serata di ieri il presidente del comitato organizzativo, Jean-Marc Roger, ha comunicato che la gara si svolgerà il 9 e 10 aprile prossimi. A seguito di questa decisione la stagione 2021 del Campionato Francese Rally Asfalto prenderà ugualmente inizio con la 61° edizione del Rally le Touquet, che sarà seguito due settimane più tardi dal Rally Lyon Charbonnières.

Ovviamente, non sono da escludere delle modifiche al percorso di gara nel caso in cui dovessero essere alleggerite le restrizioni legate al coprifuoco o addirittura rimosse. Per quanto riguarda gli iscritti sono stati confermati gli equipaggi che avrebbero dovuto prendere parte alla gara nella sua data iniziale. Infine, l’organizzazione ha voluto precisare che nel caso di un nuovo rinvio della gara sarà molto difficile trovare una nuova collocazione in calendario. Il tutto dipenderà dall’evolversi della situazione sanitaria sul territorio francese.

Rinviato a data da destinarsi il Rally le Touquet

La gara che si sarebbe dovuta svolgere nel Dipartimento del Pas de Calais, in programma dal 18 al 20 marzo, avrebbe dovuto aprire la stagione del Campionato Francese Asfalto, ma purtroppo non sarà così. Gli organizzatori hanno alzato bandiera bianca di fronte alla decisione delle autorità dipartimentali di mettere in vigore una sorta di lockdown per i prossimi tre fine settimana.

La notizia dell’annullamento dell’edizione numero 61 del Rally le Touquet è giunta nella serata del 2 marzo attraverso un breve messaggio da parte dello staff organizzativo: “Siamo molto delusi perché a causa delle voci che circolano questa sera, e che dovrebbero essere confermate nelle prossime ore, il Rallye le Touquet Pas-De-Calais purtroppo non potrà svolgersi nella data stabilita”.

Un duro colpo per tutto il movimento del motorsport francese, anche se gli organizzatori del Rally le Touquet sperano di trovare un’altra data in calendario per riproporre l’evento. “Vista la nostra grande determinazione abbiamo deciso di collaborare con la FFSA, gli organi statali e la città di Le Touquet per trovare una nuova data per la nostra edizione 2021 e che annunceremo entro giovedì!”.

Sicuramente la pandemia sta creando non pochi problemi, visto che anche il secondo appuntamento stagionale, il Rally Lyon-Charbonnières, si trova in una posizione abbastanza delicata a causa delle restrizioni attualmente in vigore sul territorio francese.

Franceschi nel Campionato Francese Rally Asfalto

Il 2021 di Jean-Baptiste Franceschi sarà all’insegna dell’asfalto. Il giovane pilota di Fayenne, ha annunciato quest’oggi la sua presenza al Campionato Francese Rally Asfalto portando in gara la Citroën C3 Rally2 preparata e gestita da PH Sport.

“Sono felicissimo di annunciare la nostra partecipazione al Campionato Francese Tarmac. Al mio fianco ci sarà ancora Florian! La nostra bellissima Citroën C3 Rally2 preparata da PH Sport vestirà i colori di Minerva Oil. Inoltre prenderemo parte anche al Trofeo Michelin”.

Il transalpino, vincitore della 208 Peugeot Cup nel 2019 e del Campionato Francese Terra 2020, non esclude la sua presenza al Rally Castine-Terre Occitane.

Rally: se siamo in bolla, facciamola scoppiare

Quando mi chiedono cosa succede in Borsa rispondo sempre con una battuta che racchiude una grande verità: “Questa è la mia prima pandemia nella mia vita e quindi non so assolutamente cosa stia succedendo perché non ho termini di paragone. Se fosse un mondo normale senza pandemia saremmo già in bolla da diversi mesi”.

Vi faccio un esempio concreto di chi è morto durante la pandemia e di chi ha prosperato contro tutte le attese. Conosco una baracchina che da 34 anni frigge lo gnocco. Chi la gestisce, solitamente, lavora per alcuni bar che alla mattina offrono anche affettato con lo gnocco. Quindi lavorano dall’1 del mattino fino alle 7, tutti i giorni della settimana.

Siccome i bar, grazie ai DPCM, spesso sono chiusi, da quasi un anno la baracchina in questione ha cambiato l’orario e ora frigge lo gnocco dalle 19 alle 21 per chi vuole portarsi a casa la cena già fatta. Il ragionamento è corretto: loro con la pandemia sono stati costretti a cambiare tutto e subito e ci sono riusciti. Si sono adattati e sono sopravvissuti. Darwin sarebbe contento.

Sommario RS marzo 2021

Ma quanti altri hanno saputo fare altrettanto? La pandemia e la crisi che si è innescata è stata qualcosa che nessuno di noi ha mai visto prima e, quindi, navighiamo tutti in acque sconosciute. C’è chi camminava e si è messo a correre, c’è chi correva ed è morto sul colpo. Ma torniamo alla Borsa. Se guardiamo a quei fondamentali che tutti abbiamo considerato finora siamo in bolla secca e pura. Esatto. Non siamo in rally. Siamo in bolla e ci manca lo spillo per farla scoppiare.

Lo spillo, in questo caso, è uno shock economico e normativo per fare ripartire al meglio i rally su strada che pagano un triplo prezzo: la crisi economica generata dal Covid-19, il fatto di disputarsi sulle strade aperte al pubblico e non in impianti privati e il problema mai risolto dell’essere stati inseriti nella lista degli sport di contatto.

Una manovra che richiede coraggio e che faccia esplodere questa bolla può essere fatta solo da Aci Sport: riducendo i costi delle iscrizioni degli equipaggi, annullando la burocrazia inutile (e ce n’è tanta) che serve solo a complicare la pratica, sfoltendo i calendari gare e allungando il chilometraggio delle stesse.

Dicono in federazione che non si può vietare l’organizzazione di una gara. Vero, ma si possono chiedere delle fideiussioni per avere certezza che le gare a calendario si disputino. Chi le annulla ci rimette dei soldi. Solo con questa mossa si ridurrebbero i rally a calendario di almeno il 30% (tutelando gli organizzatori veri e non quelli “inventati”).

Se poi si chiedesse, per assecondare i desideri di chi corre, di non inserire prove speciali ripetute, si riuscirebbero ad abbattere anche del 40% i rally previsti attualmente. Non solo sparirebbero quelle “garette” che vengono puntualmente annullate per mancanza di iscritti, ma avremmo una certezza in più: quella di aver fatto scoppiare la bolla. Meno gare, più lunghe, meno costose e più divertenti si può. Perché non è vero che i piloti non vogliono correre, è vero invece che i calendari gare rappresentano la banca della federazione e che la burocrazia fa passare la voglia a chiunque. Riflettiamoci…

Stai leggendo uno dei pochi contenuti premium disponibili sul nostro sito. Questo succede perché si tratta di uno degli articoli pubblicati sulla rivista in edicola e disponibile anche in digitale dal 5 di ogni mese per 12 mesi all’anno. Se lo hai apprezzato continua la tua lettura sul giornale, oppure scarica la nostra app o accedi da PC, registrati gratuitamente e abbonati. Il tuo sostegno ci aiuta a migliorare giorno dopo giorno il servizio che offriamo a te a tutti i nostri amici lettori.

Cosa sapere sull’abbonamento a RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito
  • Le nostre app sono gratuite, ma dall’app non si può pagare
  • Dopo aver effettuato la registrazione (clicca qui) ci si potrà abbonare pagando da PC
  • Disponibile abbonamento singolo digitale o cartaceo
  • Oppure ci si può abbonare all’online e al carataceo con una super offerta

Opzioni di acquisto

  • Singola copia di RS – 2 euro
  • Abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) con accesso all’archivio storico – 25 euro
  • Abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) – 60 euro

Si può scegliere di leggere il giornale sul PC o sullo smartphone e sul tablet o se farsi leggere gli articoli dall’assistente digitale, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS e oltre gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento

Nasce il Philippe Bugalski Trophy: sei rally

Grande novità per quel che riguarda il mondo dei trofei monomarca in Francia. E’ di queste ore la notizia della nascita del Philippe Bugalski Trophy, trofeo che sarà strutturato su sei round del Campionato Francese Asfalto.

Il trofeo è intitolato alla memoria del grande Philippe Bugalski, che proprio con la casa transalpina ottenne importanti risultati portando in gara da prima la Renault Clio Maxi e successivamente la Renault Megane Maxi. Oltre a queste due vetture, il trofeo è aperto anche alle Renault Clio S1600.

Diversi i premi in palio per i vincitori, si va dai premi-gara al premio finale che sarà la partecipazione alla Clio Trophy 2022 con una vettura ufficiale. Benoit Nogier, direttore vendite di Renault Sport Racing, illustra il nuovo trofeo e si augura che presto anche il pubblico possa tornare ad affollare le speciali del Campionato Francese.

“Il marchio Renault ha una storia sportiva molto importante e ricca di trionfi. Molte di queste vittorie sono arrivate grazie alle Clio Maxi, alle Clio S1600 e alle Magane. Moltissimi piloti, ancora le noleggiano e ci corrono, segno che son vetture che sono entrate nel cuore di piloti e appassionati. Proprio per questo motivo abbiamo creato questo nuovo trofeo, atto a riportare sulle strade del Campionato Francese Asfalto queste stupende vetture. La nostra speranza è quella di riavere al più presto il pubblico sulle nostre strade e nelle assistenze, così che possano ammirare da vicino queste magnifiche vetture e le nuove Clio Rally4 e Rally5”.

Calendario Philippe Bugalski Trophy

  • 18-20 marzo : Rallye Le Touquet Pas-de-Calais
  • 22-24 aprile : Rallye Lyon Charbonnières Rhône
  • 11-13 giugno : Rallye Vosges Grand Est
  • 8-10 luglio : Rallye Aveyron Rouergue Occitanie
  • 24-26 settembre : Rallye Cœur de France
  • 28-30 ottobre : Critérium des Cévennes

Cup de France: Mathieu Arzeno e la C3 della FPF Sport

A poco più di un mese dal Rally du Touquet, gara d’apertura del Campionato Francese Rally Asfalto, non si sono fatte attendere le prime conferme da parte dei primi protagonisti che prenderanno parte alle serie nazionale. Dopo l’annuncio nei giorni scorsi di Quentin Giordano, adesso è la volta di Mathieu Arzeno, che parteciperà al campionato con una Citroen C3 Rally2.

La cosa interessante è che la vettura verrà gestita dall’italiana FPF Sport, vincitrice lo scorso anno dello scudetto tricolore con Andrea Crugnola e Pietro Ometto. Questa vettura sarebbe finita nelle mani di Andrea Crugnola, ove gliene fosse stata data la possibilità di proseguire con la filiale italiana di Citroen. La struttura di Fabrizio Fabbri potrà contare sulla collaborazione del Balbosca Rally Team e della Endev Engineering.

Tornando a Mathieu Arzeno, il pilota di Salon de Provence aveva già avuto modo nel 2019 di “assaggiare” le potenzialità della vettura francese al Rally National de la Sainte-Baume, gara che concluse con un ottimo primo posto assoluto. Sicuramente un risultato che fa ben sperare in vista della stagione 2021, dove avrà a disposizione una C3 dotata di tutti gli ultimi aggiornamenti tecnici e delle coperture Michelin.

“Sono fiducioso perché potrò avvicinarmi al campionato in condizioni ottimali all’interno di una squadra che ha un’ottima esperienza sulla C3 R5, cosa non trascurabile vista la presenza degli habitué del campionato. Abbiamo tutti gli strumenti per lottare per il titolo, il quale è un obiettivo importante”, ha dichiarato Arzeno.

“Questa nuova avventura inizierà al Rally du Touquet, una gara atipica che dovrà essere affrontato con un certo grado di cautela senza perdere troppo contatto dai primi. Trovare il giusto equilibrio sarà la chiave del successo! In caso di pioggia, come molto spesso accade a Le Touquet, il ruolo dei ricognitori sarà fondamentale e anche in questo siamo in un’ottima posizione grazie a Loïc Astier e Charlotte Dalmasso, che collaborano con noi dallo scorso anno. Ora è il momento di riguardare gli onboard prima di tornare sulle strade del Touquet, non vedo l’ora di essere lì!”.

Il vincitore della Coppa di Francia 2017 avrà nuovamente al suo fianco Romain Roche. “So che il compito che ci aspetta non è facile, ma conosco il livello di Mathieu e la sua capacità di poter mantenere il livello dei migliori, nonostante la sua poca esperienza”. Ha dichiarato Roche. “Da parte mia, farò di tutto per farlo concentrare sulla guida, dandogli tutto ciò di cui ha bisogno, comprese le telecamere di bordo. Abbiamo vinto molti rally insieme, incluso il nostro rally preferito di Sainte Baume 2019 al volante di una Citroën C3 R5, forse è un segno del destino!”.

Quentin Giordano nel Campionato Francese con la Polo Rally2

Il pilota della Lorena in questo 2021 si ripresenterà al via del Campionato Francese Asfalto con la Volkswagen Polo GTI Rally2, vettura che nella passata stagione gli aveva permesso di cogliere due quarti posti e di salire sul terzo gradino del podio in occasione del Rally du Touquet.

Anche quest’anno si affiderà al team Sarrazin Motorsport e verrà affiancato, come negli ultimi due anni, dal connazionale Kévin Parent. L’unica novità riguarderà il passaggio dalle Pirelli alle Michelin, cosa che gli permetterà di prendere parte al trofeo istituto dal costruttore di pneumatici francese. Per il trentaquattrenne si tratterà della sua quarta stagione nel Campionato Francese, dove nel recente passato aveva avuto modo di mettersi in luce al volante di vetture prestazionali come la Hyundai I20 e la Skoda Fabia, senza ovviamente dimenticare la Volkswagen Polo.

“Sono felicissimo di poter prendere nuovamente parte al Campionato Francese Rally, dove il mio obiettivo principale sarà quello di stare il più vicino possibile ai piloti ufficiali. Ad attendermi ci saranno: la Polo GTI Rally2, la Sarrazin Motorsport e Kévin Parent”. Ha dichiarato Giordano. “La novità principale riguarderà il ritorno alle Michelin e l’iscrizione al Trofeo, dove siamo motivati a far bene dopo la nostra vittoria nel 2017”.