Marco Savini

I rally e il motorsport a scuola dovrebbero essere la norma, ma…

Lui, Marco Savini, stimato ingegnere e titolare della JME Rally Team di Brescia, ci ironizza su, “essere chiamato Prof, mi mancava…”, ma la questione è seria e lo è per due motivi essenziali: il primo è che Marco ha tutte le qualità e le competenze tecnico-specialistiche – oltre che tanto di laurea e un’infanzia trascorsa a fare colazione più o meno ogni mattina con pane e rally – per essere Prof delle materie che conosce molto bene: la meccanica e il motorsport.

Il secondo motivo, non ce ne voglia nessuno, è che Marco Savini viene chiamato a fare lezione agli studenti delle classi di meccatronica, un “rally workshop”, in questo caso presso l’Istituto di Istruzione Superiore Umberto Pomilio di Chieti per fare conoscere e capire il cambio sequenziale Sadev delle Ford Fiesta Rally4 (in questo caso quelle del suo team), perché all’interno del sistema scolastico c’è carenza cronica di personale specializzato.

Avete capito bene: carenza cronica. Significa che figure tecniche come Marco Savini sono quasi introvabili nel sistema scolastico di specializzazione… Le scuole in cui mandate i vostri figli, in cui vanno i vostri cugini o nipoti. Non è un problema di poco conto e la dice lunga su quanto i governi italiani – del presente e del passato, sono 40 anni che non si investe sul sistema scolastico – non credano nell’istruzione tecnica. E il fatto che non ci credono si traduce in mancati investimenti e mancata formazione delle future leve nel mondo del lavoro (i più fortunati troveranno aziende disposte a formarli, la maggior parte no).

Viene da ringraziare doppiamente ingegneri come Marco Savini, che si rendono disponibili per queste iniziative, ma viene anche da “tirare le orecchie” al sistema scolastico che singhiozza e non si adegua ai tempi. Facendo mancare figure professionali nei percorsi di studio si finisce per sfornare studenti che hanno una preparazione e un orientamento parziale. In quante altre scuole tecniche manca questa tipologia di docente? E tutte chiamano un ingegnere del motorsport per sopperire a questa lacuna permanente? Non sforzatevi di cercare la risposta. Sono poche e, la maggior parte, sono private e a numero limitato. Quindi, rappresentano un’opportunità per pochi.

Solo nelle migliori edicole e in digitale

Copertina dicembre 2021