Articoli

Dopo Roma, Marco Pollara prepara i test in vista dell’Estonia

Dopo tre giorni di gara, Marco Pollara può archiviare la gara test del Rally di Roma Capitale appena concluso. Un rally con prove molto selettive che ha messo a dura prova piloti e macchine, con tantissimi incidenti. Dopo una qualifying stage positiva, in cui il siciliano Pollara ha lavorato sulla messa a punto della Ford Fiesta Rally4 preparata da RS Evolution di Claudio Albini, nei due giorni successivi ha dovuto faticare non poco per risolvere i problemi sorti all’impianto frenante.

“Siamo venuti a Roma per riprendere confidenza con la Ford Fiesta Rally4 – racconta Marco Pollara dopo il Rally di Roma -, visto il tempo trascorso dall’ultima gara. Con Maurizio abbiamo un ottimo feeling, nonostante le sole due gare fatte insieme. La gara capitolina si è dimostrata da subito insidiosa, ma abbiamo lavorato molto bene sul set up, nonostante i problemi ai freni. Peccato per l’assenza di pubblico, perché probabilmente nel tratto in cui siamo usciti, ci avrebbero potuto aiutare per rimettere la nostra Ford Fiesta in carreggiata. Nell’ultimo stage della seconda giornata abbiamo finalmente risolto i problemi ai freni, peccato non aver potuto disputare l’ultima prova speciale per l’incidente di Pedro Antunes.

Adesso, in vista del prossimo appuntamento del Mondiale, continueremo con dei test su terra. Dobbiamo ancora decidere se farlo con la partecipazione a qualche gara o organizzare test privati, valuteremo nei prossimi giorni in base alle date disponibili.

Voglio ringraziare – ha concluso Marco Pollara- RS Evolution per l’ottimo lavoro svolto in assistenza per risolvere il problema ai freni, la scuderia Movisport che mi sta supportando in questa stagione e Luca Costantino di CST Sport.”

Con la rimodulazione del campionato, la prossima gara dello JWRC sarà in Estonia i primi di settembre su terra, per poi proseguire in Germania su asfalto ad ottobre e subito dopo in Italia, in Sardegna su terra, per l’ultima di campionato. Un campionato del mondo junior con una data in meno rispetto alle cinque previste inizialmente, ma con percorsi davvero impegnativi e molto selettivi.

Marco Pollara con la Fiesta al Rally Roma Capitale

Il pilota siciliano Marco Pollara è pronto ad indossare tuta e casco nella gara di apertura del Campionato Italiano, il Rally di Roma Capitale, valevole anche come prima prova del Campionato Europeo 2020.

Il pilota di Aci Team Italia, dopo aver vinto lo scorso anno il Campionato Italiano Rally Junior, quest’anno ha iniziato la stagione nel Campionato del Mondo Junior, conquistando la top ten in Svezia nella gara inaugurale di febbraio. Il Covid e le mille incertezze del momento, hanno fermato il motorsport, ed in vista della ripartenza del mondiale, il pilota di Prizzi ha deciso di tornare in macchina nel rally della capitale.

“Sono felice di tornare in macchina – ha commentato così Marco Pollara la scelta di essere al via del Rally Roma Capitale -. Negli ultimi mesi, non potendo far diversamente, mi sono tenuto in allenamento con il simulatore, ma in vista della ripartenza del mondiale, ho deciso insieme alla mia Scuderia Movisport e a Luca Costantino di CST Sport, di fare una gara test a Roma con Maurizio Messina, a bordo della Ford Fiesta rally 4 curata da Rally Sport Evolution di Claudio Albini. Una scelta necessaria, visto che l’ultima volta che abbiamo indossato tuta e casco è stato in Svezia, dove abbiamo centrato la top ten ed il primo punto nel mondiale e dopodichè tutto si è bloccato”.

“Con la rimodulazione del campionato, la prossima gara dello JWRC sarà in Estonia i primi di settembre su terra, per poi proseguire in Germania su asfalto ad ottobre e subito dopo in Italia, in Sardegna su terra, per l’ultima di campionato. Un campionato del mondo junior con una data in meno rispetto alle cinque previste inizialmente, ma con percorsi davvero impegnativi e molto selettivi – aggiunge Marco Pollara -. Il nostro obiettivo rimane quello di far bene nel mondiale, e la gara di Roma, con test collettivi pre gara annessi, sarà un momento di confronto con altri piloti dell’europeo e dell’italiano, ma con principale attenzione al trovare il giusto set up ed il giusto feeling a bordo vettura”.

“Sono rimasto fermo troppo tempo ed è giusto fare un buon allenamento prima della ripartenza del campionato. Il rally di Roma l’ho disputato altre volte in passato, vincendolo nel 2016 e nel 2017, anche lo scorso anno sarei arrivato a podio, se non fosse stato per un problema alla vettura che ci ha visti costretti al ritiro. A Roma – ha concluso Marco Pollara- ci sarà un bel parco partenti, spero che nel rispetto del DPCM il pubblico possa tornare in prova speciale ad assisterci, e che lentamente tutto torni alla normalità.”

Il rally prenderà il via venerdì 24 con la qualifying stage e lo shakedown, prima di fare rotta su Roma per la cerimonia di partenza e la passerella per le vie di Roma, in programma dalle ore 17:15. Le prove speciali saranno invece condensate nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 tutte nei dintorni di Fiuggi dove sarà allestito il Parco Assistenza e la Direzione Gara. L’arrivo, sempre a Fiuggi, nel tardo pomeriggio di domenica a partire dalle ore 18:00. Il Rally Stars Roma Capitale sarà il primo sul percorso, seguito subito dopo dal Rally di Roma Capitale.

RSE a due punte al via del Coppa Città di Lucca

La RSE, Rally Sport Evolution, di Claudio Albini non vedeva l’ora di ripartire. E così, dopo il Rally del Casentino pare non volersi fermare più, un po’ com’è tipico del patron Claudio Albini. Dunque, nella Bergamasca valigie di nuovo pronte per fare una capatina in Toscana. Al via del Coppa Città di Lucca, infatti, ci saranno due equipaggi della RSE.

Sulla Ford Fiesta Rally4, che ha debuttato sulle PS dell’IrCup, ci saranno Emanuele Danesi e Andrea Sarti, che partecipano all’Accademia Pirelli e all’R Italian Trophy. Sulla Peugeot 208 ci sarà l’equipaggio composto da Gabriele Catalini e Maicol Rossi, anche loro iscritti al Trofeo Accademia Pirelli e al R Italian Trophy, oltre che al Trofeo Peugeot.