Articoli

Gianesini-Bergonzi chiudono la partita al Pomarance

Sono i valtellinesi Marco Gianesini e Marco Bergonzi, con una datata ma efficace Renault Clio Williams, i vincitori del 7° Rally Day di Pomarance, proposto da Larserprom 015, insieme a Jolly Racing Team e con la collaborazione del Comune di Pomarance, e disputato nella giornata odierna sulla lunghezza di sei prove speciali. Sei impegni cronometrati di un percorso che ha ricalcato il format delle passate edizioni, quindi con scenari competitivi già ampiamente conosciuti.

Dall’avvio delle ostilità, stamane, Gianesini (già protagonista nel recente passato in Toscana con vittorie ed alla sua seconda gara a Pomarance dopo la settima piazza del 2019) ha preso il comando della classifica senza mai più lasciarlo, riuscendo a contenere i sempre più decisi attacchi che arrivavano da una concorrenza agguerrita e ben fornita di mezzi competitivi ed affidabili. Questa di Pomarance, per il driver di Sondrio è la ben 28^ vittoria in carriera. Gianesini si è pure aggiudicato lo speciale challenge riservato alle Clio Gruppo, promosso da Emanuel Forieri al fianco dell’organizzazione, iniziativa avvalorata da un interessante montepremi.

In particolare è stato il bresciano Luca Veronesi, quello che ha insidiato più da vicino Gianesini, con una Renault Clio S1600 condivisa con Berisonzi. Il confronto tra i due è stato quanto mi acceso, ed è stato necessario attendere l’ultima “chrono” per decretare il vincitore ed anche per definire l’intero podio l’incertezza vi è stata sino all’ultimo metro cronometrato. Veronesi dunque medaglia “d’argento” dopo una vera e propria bagarre, movimentata dal sempre veloce locale Nico Signorini, stavolta al via con una Peugeot 106 Kit, con al fianco Marco Piazzini, sempre preciso nell’andare a segno nei quartieri alti della classifica nonostante anche un numero di partenza assai alto.

Il pilota di Saline di Volterra ha finito dunque terzo con grande merito, peraltro attaccando in continuazione la seconda posizione di Veronesi, mentre ai piedi del podio ha terminato l’elbano Andrea Volpi, con Maffoni, tornati ad una vettura a due ruote motrici dopo diverso tempo, nello specifico una Clio S1600. La coppia di Portoferraio ha dunque proseguito il trend positivo di risultati innescato nella gara tricolore casalinga di settembre.

La top five è stata completata dall’emiliano Luciano D’Arcio, un altro abituato a grandi performance in Toscana. Affiancato da Bonaiti su una Renault Clio Williams, purtroppo non ha migliorato il quarto posto dell’anno passato pur fornendo comunque una prestazione di alto profilo.

E di alto profilo sono state le prestazioni fornite dai laziali Di Giovanni-Maini (Renault Clio R3), reduci da due ritiri in successione, quest’anno, che al loro debutto sulle strade della Valdicecina l’hanno fatta da protagonisti. Per loro un sesto assoluto da incorniciare, come tale anche la settima piazza firmata dai pisani Straffi-Nesti con la Peugeot 208 R2, la stessa che li ha elevati da alcune stagioni tra i top giovani del Trofeo Peugeot.

Ricca di interesse anche la gara “in rosa”, con la vittoria andata a Paola Fedi e Jessica “Freddyna” Fredianelli, con una Renault Clio S1600. Le due dame erano alla prima esperienza insieme e Fedi tornava alle competizioni dopo cinque anni, brava a saper arginare le incursioni della pratese Susanna Mazzetti (Renault Clio Williams), finalmente all’arrivo dopo due gare sfortunate, a soli 3”3 dalla vincitrice.

Prestazioni cristalline anche per Rossi-Bernardi e la loro Clio Williams, ottavi nella generale finale, noni sono giunti Fagni Martinelli e Cianfanelli-Mostacchi, entrambi con la Renault Clio S1600, a chiudere una top ten decisamente di alto livello. Una top ten, che per gli amanti delle statistiche parla tutta francese, avendo otto Renault e due Peugeot.

Marco Gianesini punta al Coppa Valtellina con la VW Polo R5

Il Coppa Valtellina è alle porte e Marco Gianesini si appresta a vivere un’altra grande sfida da protagonista. Insieme a Sabrina Fay il driver di Montagna è intenzionato più che mai a ben figurare sulle strade amiche; per poterlo fare al massimo delle possibilità, ha optato per la VW Polo R5 dell’HK Racing, la stessa vettura che lo ha visto chiudere in seconda posizione assoluta il Rally del Reggello disputato pochi giorni fa.

A Sondrio e dintorni si corre tra sabato 14 e domenica 15 settembre. Non ci saranno le Wrc come negli ultimi due anni ma uno stuolo di R5 è pronto a rendere accattivante la sfida. “Siamo motivati nel fare bene – racconta Gianesini- e il rally fiorentino della settimana scorsa è servito proprio per interpretare ancora meglio la Polo che avevo già usato anche ad inizio estate”.

“Si tratta di una vettura assolutamente favolosa e so che dovrò cercare di usarla al massimo per potermi ritagliare un posto nelle parti alte della graduatoria e soprattutto divertirci insieme ai nostri sostenitori”. La corsa si snoderà su due giorni; sabato si dovranno percorrere per due volte le prove di Albosaggia e Mello mentre domenica i tratti da “doppiare” saranno la Berbenno-Mossini e la “Monastero”. L’arrivo è programmato per le ore 18 di domenica in piazzale Bertacchi a Sondrio.

Marco Gianesini: ‘Dispiace per il testacoda nel finale al Reggello’

“Dispiace per il testacoda nel finale – ha detto Gianesini – ma è altrettanto vero che la rimonta era assai difficile: ci abbiamo provato sapendo che osando avremmo potuto commettere qualche errore e così è andata; sono al contempo soddisfatto però perché la Polo si è confermata una vettura formidabile in grado di assecondarmi dall’inizio alla fine; questa per me era una gara test in vista del “mio” Coppa Valtellina” che ci sarà tra due settimane e ritengo sia stata una prova assolutamente efficace”.

Il pilota di Sondrio, insieme al bergamasco Marco Bergonzi, ha concluso il Rally del Reggello in seconda posizione assoluta confermando un miglioramento nel feeling con gli asfalti fiorentini. Sulla Volkswagen Polo R5 del team HK Racing, Gianesini ha vestito ancora una volta i panni del protagonista vincendo tre prove speciali (di cui una a parimerito) e tallonando per tutta la corsa il vincitore finale, Senigagliesi.

Nel tentativo di colmare l’esiguo gap con il capoclassifica, l’equipaggio lombardo è incappato però in un testacoda che gli è costato ben 22″ e che ha spento definitivamente le speranze di rimonta. Nonostante questo, i due portacolori della scuderia Top Rally si sono dimostrati ancora una volta efficaci in un rally che ha sempre detto bene giacché in quattro partecipazioni, Gianesini e Bergonzi hanno ottenuto due vittorie e due secondi posti.