Articoli

WRC 2004: Petter Solberg e il debutto vincente in Sardegna

Il campione del mondo in carica Petter Solberg si aggiudica perentoriamente la prima edizione sarda del Rally di Italia, che tra molte contestazioni ha preso il posto del Sanremo, costringendo Sebastien Loeb a rimandare la festa. Il norvegese alla guida di una Subaru Impreza WRC ha dominato il secondo giorno di gara costruito su sette prove speciali all’interno della Costa Smeralda e, quindi, ha portato il vantaggio sul leader francese, Sebastian Loeb, secondo in Sardegna, a 2′ 11″5, finendo per dominare anche l’ultima giornata.

Loeb, che guidava la Citroen Xsara WRC, era arrivato in Italia con 28 punti di vantaggio in classifica e la possibilità di portare via il titolo al norvegese con tre gare d’ anticipo. Per farlo, però, avrebbe dovuto vincere il Rally Italia Sardegna e sperare in Petter Solberg terzo, ma nella seconda tappa un minuto di penalità inflittogli nel tratto finale gli hanno reso l’ impresa difficile. Tra l’ altro, Solberg era in stato di grazia: nell’ultimo mese aveva vinto in Giappone e in Galles e nella seconda giornata del Rally d’Italia-Sardinia ha fatto sue le prime quattro speciali.

In quella prima edizione, disputata in autunno (dal 1 al 3 ottobre 2004), Citroen vede le sue Xsara WRC salire sul podio, con Sebastien Loeb secondo e Carlos Sainz terzo. Il risultato sardo contribuisce a consegnare a fine anno a Loeb il suo primo alloro mondiale e al Double Chevron il secondo titolo Costruttori, dopo quello del 2003. Inizia qui quella lunga serie di successi che avrebbe caratterizzato il rapporto di Citroën con il forte pilota alsaziano.

Parola di Jari-Matti Latvala: il più grande di sempre? Sebastien Loeb

“Il più grande di sempre? Sebastien Loeb”. A dirlo è Jari-Matti Latvala. Ma andiamo con ordine. Sulla pagina Instagram del WRC (World Rally Championship), è stato fatto un sondaggio tra i tifosi per votare il miglior pilota di rally della storia. Il migliore in assoluto.

Purtroppo, essendo stato organizzato da persone non eccelse nella storia dei rally, in questo sondaggio non erano presenti Sandro Munari o Henri Toivonen, tanto per citarne due su tutti. La situazione paradossale ha voluto, comunque, che in finale ci arrivassero due pezzi da 90: Sebastien Loeb e Carlos Sainz.

Tra Sebastien Loeb e Carlos Sainz ha vinto lo spagnolo, ma non tutti sono d’accordo su questa scelta. Uno dei tanti che ha voluto dire la sua c’è il pilota finlandese Jari-Matti Latvala, autore non solo di quattro secondi posti, ma anche testimone dell’ascesa di Sebastien Loeb, dai duelli con Solberg fino al dominio dei giorni nostri. Ascesa, quella del francese, che ha “segato” sia lui che Mikko Hirvonen.

Jari-Matti Latvala ha precisato: “Se parliamo del più grande di sempre, è scontato dire Sebastien Loeb. Ha vinto nove mondiali con lo stesso Costruttore, nella maniera più straordinaria possibile. Ha fatto pochissimi errori, e quando cadeva si rialzava sempre senza problemi. Ed è anche un’ottima persona, molto umile e onesto”.

L’utilità di un pubblico intelligente in prova speciale

Questo è un buon esempio di come gli spettatori possono essere coinvolti nei rally. In questo caso, per aiutare Sebastien Loeb al Rally di MonteCarlo. Il francese è uscito di strada ed è rimasto sospeso tra il “cado e non cado”. Una situazione complicata, che poteva peggiorare. Il tutto mentre il tempo scorreva, inesorabile.

Il pubblico presente è accorso immediatamente in aiuto e ha iniziato a spingere la Hyundai i20 WRC, resa ancor più pesante dalla posizione, da dietro senza ottenere molto. L’uomo nella foto, il mitico presidente dell’ASA Menton, il signor Jean-Jacques Gobbi, è stato il più intelligente. Forte della sua esperienza, costruita in molti anni di rally, si è messo a fare da peso dove era più necessario.

Destinato a diventare un eroe, il numero 1 del sodalizio francese, Gobbi, ha concretamente aiutato a mettere sull’asfalto l’unica ruota della Hyundai che era vicino alla terra e non aveva presa. Infatti, appena ha toccato terra, problema risolto. In ogni caso, Loeb ha perso 42″.

I fan di Seb Loe lo aiutano a tornare in strada
I fan di Seb Loe lo aiutano a tornare in strada