Articoli

WRC, Rally Catalunya vittima della politica FIA: le reazioni

Gli spagnoli sono indignati e disincantati per il modo in cui gli organizzatori del Campionato del Mondo Rally e la FIA hanno trattato la Spagna e in particolare il Rally della Catalunya. Il fatto che il Rally di Spagna esca dal calendario gare del WRC 2020, per lasciarci il Rally di Germania, non va proprio giù. Non è digeribile.

Le voci più influenti del motorsport spagnolo, da Carlos Sainz a Dani Sordo, passando per il numero uno della federazione spagnola, da sempre in prima linea a sostegno del rallysmo mondiale, condannano all’unanimità la decisione della FIA di non includere l’evento nel calendario 2020, anche se già si sa che la gara spagnola tornerà nel WRC 2021 come evento tutto asfalto.

Il Rally della Catalunya è regolarmente in calendario dal 1994, ma l’evento di Salou sarà escluso perché al suo posto va il Rally di Germania. Scelte frutto di una rotazione imposta e non di valutazioni meritocratiche.

Il presidente della federazione spagnola, Manuel Aviñó, che fa parte del Consiglio Mondiale della FIA, ha dichiarato che il “mio voto nella riunione del Consiglio Mondiale è stato contro questa scelta”.

Alla rivista tedesca Motorsport Aktuell, il presidente della federazione spagnola ha anche dichiarato: “Personalmente, penso che il sistema di rotazione sia un errore gravissimo e sono d’accordo con il presidente dell’ADAC, Hermann Tomczyk, che non si possa semplicemente attivare o disattivare questi eventi, come fossero un gioco”.

Il direttore di gara del Rally RACC, Aman Barfull, offre un’analisi decisamente meno politica e più approfondita degli eventi che hanno portato all’archiviazione imprevista e a sorpresa della gara spagnola per il WRC 2020 a favore della Germania.

“Siamo rimasti scioccati e delusi quando l’abbiamo scoperto”, ha detto. “Avevamo un contratto per il 2019 e il 2020 e alla fine abbiamo bisogno di stipulare un nuovo contratto senza il 2020, ma con il 2021 e il 2022. Non capiamo nulla, ma pensiamo che siano ragioni politiche e che non sia colpa del promotore. Il problema è che veniamo danneggiati e non sembra importare a nessuno”.

“Non c’è stata una spiegazione ufficiale, ma la Germania non ha la Formula 1 e la Spagna, ha la Formula 1 e il WRC e la Germania aveva bisogno di un Campionato del Mondo Rally – denuncia il direttore di gara -. È una situazione folle. Ora in Europa abbiamo dieci gare. E in futuro ne avremo otto”.

“Devono uscire due gare europee. Siamo asfaltati ed europei e la Germania è uguale alla nostra gara, tecnicamente parlando. Dovrebbe uscire dal prossimo calendario anche il Rally Deutschland”, ha detto Barfull, che ha anche posto fine alle speculazioni sulla posizione e sulla superficie dell’evento.

“Lasciare Costa Daurada non è mai stata un’opzione, poiché ha supportato il test monetariamente”, ha tuonato il direttore di gara del Rally Catalunya.

Anche Dani Sordo, il miglior pilota di rally in Spagna oggi, è indignato e ha mostrato il suo sdegno in una dichiarazione alla Catalunya Radio: “È tutto molto strano. Avete visto il numero di spettatori? È pazzesco non avere il WRC l’anno prossimo. Così tante prove senza persone e qui abbiamo folle oceaniche. Qualcosa non va”. Cosa non si sa.

La beffa di Thierry Neuville: 25.000 euro di multa

Thierry Neuville ha ricevuto una sanzione alla fine del RallyRACC per un po’ di spettacolo regalato con tondi e traversi, poco prima di salire sul podio del lungomare di Salou. L’importo ammonta a 25.000 euro, come pubblicato dalla FIA, di cui 20.000 sarebbero sospesi se non venisse di nuovo violato l’articolo (20.1.3 del regolamento sportivo WRC) nei successivi 12 mesi.

La sanzione è una copia di ciò che è già accaduto alla fine dello scorso mese di aprile al Rally di Argentina, dove si è stato imposto il belga di Hyundai Motorsport. In quell’occasione, quando i tondi e i traversi sono arrivati dopo un “eccesso di gioia”, come ha detto ai commissari il team manager Alain Penasse, la multa è stata di 1.500 euro, ma in questo caso è una recidiva della stessa violazione.

Neuville ha detto che era arrivato il momento: “Aspettavano di salire sul podio e ho ritenuto che in quel momento ci fosse una situazione sicura per fare un po’ di tondi e traversi, per dare agli spettatori un momento di spettacolo da godersi. I commissari, non del tutto in linea con il punto di vista del pilota, hanno deciso di applicare il regolamento come è accaduto sei mesi fa.

Neuville fugge e prega, ma Tanak è campione del mondo

Le speranze di Ogier di conquistare il settimo titolo, venerdì mattina sembravano essersi vaporizzate come potrebbe succedere ad una goccia di acqua nel deserto. Il driver francese è stato il più veloce sulla PS di apertura di Gandesa, prima che i problemi del servosterzo gli costassero 45” sulla PS Horta-Bot.

Ogier sorride mesto al traguardo prima di confermare che ha lottato per l’intera prova, prima di partire per provare a fare le riparazioni in vista del successivo appuntamento con la PS La Fatarella-Vilalba, il più lungo del rally a quasi 39 chilometri.

Il direttore di Citroen Racing, Pierre Budar, spiega che: “Finora con Ogier siamo abbastanza sicuri che si tratti di un problema idraulico, ma non sappiamo da dove provenga. Seb e Julien hanno svolto alcuni lavori per ripristinare il servosterzo idraulico. Penso sarà un rally lungo e difficile per loro. Certo, è una vera delusione sapere che perderanno molto tempo nella prossima prova, la terza”.

Realisticamente, niente di meno che una vittoria in questo rally a superficie mista lo terrà in corsa per il titolo con solo l’ultima gara in Australia disponibile per centrare l’obiettivo. Thierry Neuville, il terzo uomo nella lotta per il titolo, ha avuto un vantaggio di 0”4 rispetto al compagno di squadra Dani Sordo, nonostante alcuni problemi.

“Avevo molto fango sul parabrezza, avevo una scarsa visibilità per gran parte della prima prova. Non sono fiducioso, non sento bene la parte posteriore della macchina. La trazione è buona ma stiamo scivolando troppo nel posteriore”, ha dichiarato il belga.

Sordo era secondo in entrambe le PS a 1”5 di distanza da Kris Meeke, sopravvissuto ad un incidente sulla PS Gandesa dove è finito su su due ruote. Il compagno di squadra Tanak era solo quarto, con solo 2”7 a coprire il quartetto principale. Mentre i finlandesi Esapekka Lappi e Teemu Suninen hanno completato i primi sei.

La presa delle gomme sulle strade variava anche a causa dei grandi temporali di inizio settimana. Le zone aperte delle tappe si erano asciugate, ma le sezioni ombreggiate erano scivolose. Sia Jari-Matti Latvala che Elfyn Evans si sono lamentati per la mancanza di trazione, il gallese si era anche girato con la Fiesta sulla PS2. Sebastien Loeb è stato l’unico a optare per gomme dure.

Classifica dopo PS2

1.11 T. NEUVILLE14:36.3
2.6 D. SORDO14:36.7 +0.4 +0.4
3.5 K. MEEKE14:38.2 +1.5 +1.9
4.8 O. TÄNAK14:39.0 +0.8 +2.7
5.4 E. LAPPI14:42.3 +3.3 +6.0
6.3 T. SUNINEN14:44.5 +2.2 +8.2
7.33 E. EVANS14:45.8 +1.3 +9.5
8.10 J. LATVALA14:47.1 +1.3 +10.8
9.19 S. LOEB14:50.7 +3.6 +14.4
10.23 M. OSTBERG15:06.7 +16.0 +30.4
11.17 T. KATSUTA15:07.8 +1.1 +31.5
12.57 N. SOLANS BALDO15:11.2 +3.4 +34.9
13.41 P. LOUBET15:16.8 +5.6 +40.5
14.21 K. ROVANPERÄ15:17.6 +0.8 +41.3
15.1 S. OGIER15:19.9 +2.3 +43.6
16.56 E. CAMILLI15:21.1 +1.2 +44.8
17.52 S. TEMPESTINI15:21.9 +0.8 +45.6
18.22 G. GREENSMITH15:22.2 +0.3 +45.9
19.24 J. KOPECKY15:23.4 +1.2 +47.1
20.45 M. BULACIA15:23.7 +0.3 +47.4

Dani Sordo inaugura il Da2 del WRC Spain

Dani Sordo inaugura la giornata del sabato al WRC Spain. Ma il leader del campionato Ott Tanak attira tutta l’attenzione, mentre i concorrenti tornano a Salou. L’estone era terzo con la Toyota Yaris WRC, 7”5 da Sordo. Era più di tre minuti e mezzo dallo sfidante al titolo, Sébastien Ogier, che ha dovuto affrontare una torrida mattinata senza servosterzo sulla Citroen C3 WRC.

Sordo ridimensiona Neuville sull’ultima PS La Fatarella a Vilalba, nonostante una foratura sul posteriore negli ultimi 5 chilometri di chiusura della prova di 38,85 chilomentri, la più lunga del rally.

“Stavo guidando molto lentamente, ho cercato di non togliere la gomma dal cerchio”, ha spiegato l’eroe di casa Sordo, che aveva 1”0 in mano sul suo collega dopo il secondo tempo più veloce in tutte e tre le PS del mattino.

La vittoria è essenziale per Neuville e anche questo potrebbe non essere sufficiente per negare a Tanak il titolo. “Ho provato a spingere. Non è stato facile sulla sezione in asfalto con le gomme più morbide, ma sono contento della mia mattinata e della scelta delle gomme. C’è spazio per fare di più”, ha detto.

Dopo aver perso 45” sulla precedente PS Horta-Bot, Ogier ha lottato invano per fare le riparazioni alla sua auto nella sezione di collegamento con PS La Fatarella-Vilalba. Ha perso quasi 3’, lasciando le speranze di un settimo titolo consecutivo appeso ad un filo troppo sottile.

“È deludente perdere così, ma sono felice di essere qui”, ha detto Ogier. “È molto facile avere un incidente senza servosterzo poiché hai un sacco di contraccolpi e ora ho una grande bolla sulla mano. Non era facile prima dell’inizio e ora è ancora più complicato. Penso che possiamo quasi dire che è finita”.

A seconda del risultato finale di Neuville, Tanak ha solo bisogno di superare Ogier di due punti per sollevare con le mani la corona iridata, ma non è in vena di iniziare le celebrazioni. “È solo la terza PS. Stiamo competendo con Neuville al momento, quindi faremo del nostro meglio”, ha detto.

Elfyn Evans si è fermato a 10”9 secondi dal comando, dopo aver saltato tre posizioni sulla prova finale. Il gallese, Kris Meeke, Sebastien Loeb e Esapekka Lappi erano divisi da appena 1”1. Una lotta serrata per il quarto posto.

La scommessa di Loeb di montare solo dure sulla sua i20 è stata premiata con il miglior tempo nella fase finale. Un frustrato Jari-Matti Latvala se la è dovuta vedere con un fastidioso sottosterzo che lo ha sbattuto all’ottavo posto con la Yaris WRC, davanti al compagno Teemu Suninen e al giovane giapponese Takamoto Katsuta.

Poi, Dani Sordo fa la differenza sui tratti successivi. Lo spagnolo è stato un vincitore convincente nella breve Gandesa. È stato il più veloce per 2”7, con il resto dei primi 10 piloti diviso da appena 1”6. Sulla successiva PS Horta-Bot è stato il compagno di squadra Sebastien Loeb il protagonista: il francese ha segnato la sua prima vittoria di prova dell’evento.

Sordo, che ha pareggiato per il secondo posto sul palco con Jari-Matti Latvala, ha allungato il suo vantaggio a 4”6 su Thierry Neuville, con Loeb che è salito al terzo posto ma distante altri 9”5. In ogni caso, dopo la PS5 Sordo non era soddisfatto. “Ho frenato un male. La macchina era perfetta, ma la mia guida qui non era ottima”, ha detto.

Neuville ha ammesso che gli restava poco da offrire in termini di velocità. “Ho spinto forte. Le strade erano messe male, quindi ho cercato di essere il più efficiente possibile. Sto ancora lottando un po’ con l’equilibrio posteriore, ma sta migliorando”, ha spiegato.

Ott Tanak è scivolato di 3”0 dietro Loeb, al quarto posto con la sua Toyota Yaris WRC ed è stato assolutamente piatto. “Sto spingendo molto forte. Siamo davvero al limite, quindi non posso fare altro”, ha detto.

Kris Meeke ha mantenuto la quinta posizione per soli 1”1 dietro l’estone, con Elfyn Evans che ha concesso un paio di posizioni ed è scivolato al sesto posto con la Ford Fiesta. Quello di Esapekka Lappi è il primo grande ritiro della gara: il finlandese parcheggia la Citroen C3 con problemi meccanici sulla PS Horta-Bot.

La C3 del compagno di squadra Sebastien Ogier è tornata in piena salute, dopo i problemi idraulici di sabato mattina mattina che lo hanno lasciato senza servosterzo, ma il francese ha languito nelle zone basse della top 30.

Sebastien Loeb rileva il comando della gara

Al termine di una mattinata complessa, è Loeb il pilota di maggior successo, che si ritrova al comando con Thierry Neuville a 1”7 e Dani Sordo altri 5”9 più in la. Tanak è quinto con la Toyota Yaris WRC. Le sue speranze sono state aumentate quando il rivale Ogier ha concesso quasi quattro minuti per un tubo idraulico allentato sulla Citroen C3 WRC.

Ogier ha attaccato inizialmente, prima di essere attaccato lui stesso dai guai e consentire a Neuville, l’unico altro pilota in grado di ambire alla corona iridata, al primo posto. Poi ci ha pensato Sordo, che ha condotto per tre delle sei prove, prima che Loeb diventasse il quarto leader del giorno. “Ho spinto davvero al limite nell’ultima tappa”, ha detto il francese, che era solo sesto a metà giornata, ma ha chiuso la giornata con tre vittorie.

Neuville non sbaglia mai, nonostante le difficoltà di visibilità. Il belga deve cercare di vincere, ma anche questo potrebbe non essere sufficiente. Sordo era davanti a Neuville di quasi 5” prima della PS di chiusura e non è riuscito a spiegare un deficit di 20” da Loeb, dietro Neuville.

Kris Meeke ha tenuto il quarto posto nonostante dopo un dosso si sia trovato con la Yaris WRC su due ruote. Il britannico era 5”4 dietro Sordo e 8”7 secondi da Tanak, che potrebbe assicurarsi il campionato questo.

Jari-Matti Latvala è migliorato per tutto il giorno per salire fino al sesto posto, davanti ad Elfyn Evans che ha avuto problemi al motore della Ford Fiesta. Teemu Suninen, Takamoto Katsuta e il leader del WRC 2 Pro Mads Ostberg hanno completato la top 10.

Ogier è arrivato diciassettesimo e con le mani coperte di vesciche. Le sue speranze di assicurarsi un settimo titolo mondiale consecutivo richiedono un miracolo. È stata una giornata deludente per Citroen Racing: il compagno di squadra di Ogier, Esapekka Lappi, si è ritirato per problemi al motore.

Classifica dopo PS6

1.19 S. LOEB1:21:24.7
2.11 T. NEUVILLE1:21:26.4 +1.7 +1.7
3.6 D. SORDO1:21:32.3 +5.9 +7.6
4.5 K. MEEKE1:21:37.7 +5.4 +13.0
5.8 O. TÄNAK1:21:46.4 +8.7 +21.7
6.10 J. LATVALA1:21:54.8 +8.4 +30.1
7.33 E. EVANS1:22:08.7 +13.9 +44.0
8.3 T. SUNINEN1:22:16.5 +7.8 +51.8
9.17 T. KATSUTA1:23:15.0 +58.5 +1:50.3
10.23 M. OSTBERG1:24:24.5 +1:09.5 +2:59.8
11.41 P. LOUBET1:24:39.3 +14.8 +3:14.6
12.56 E. CAMILLI1:24:40.8 +1.5 +3:16.1
13.47 O. VEIBY1:25:01.5 +20.7 +3:36.8
14.21 K. ROVANPERÄ1:25:05.7 +4.2 +3:41.0
15.43 K. KAJETANOWICZ1:25:08.8 +3.1 +3:44.1
16.44 N. GRYAZIN1:25:12.6 +3.8 +3:47.9
17.1 S. OGIER1:25:26.1 +13.5 +4:01.4
18.24 J. KOPECKY1:25:31.6 +5.5 +4:06.9
19.53 E. LINDHOLM1:25:43.9 +12.3 +4:19.2
20.22 G. GREENSMITH1:26:38.0 +54.1

Finalmente Neuville si fa sentire

Sulle PS7, PS8 e PS9 si fa sentire Thierry Neuville. Il belga respinge Loeb e continua a battagliare col francese sulle ripetizioni delle prove. Il secondo miglior tempo a Savallà e il terzo a Querol portano Neuville a 16”5 dalla testa di questo penultimo round del World Rally Championship.

“Sto cercando di evitare i grandi tagli e sto solo facendo una buona corsa. Da questa mattina non miglioriamo il tempo, il che dimostra che è un po’ più scivoloso in alcuni punti”, ha spiegato. Loeb non riesce a spiegare il suo rallentamento dopo aver concesso più di 5” al suo compagno di squadra. “Ho spinto molto. Non capisco, pensavo di aver guidato bene”, ha detto alla fine di Savallà.

Dani Sordo ha ridotto il distacco da Loeb a soli 2”9. Entrambi devono tenere d’occhio il leader del campionato, che ha vinto entrambe le PS con la Toyota Yaris WRC e ha ridotto il distacco da Sordo a 6”3. Neuville prega che o Sordo o Loeb respingano Tanak. Jari-Matti Latvala ed Elfyn Evans continuano a detenere il quinto e il sesto posto rispettivamente sulla Yaris WRC e con la Ford Fiesta WRC.

Sabato sera Thierry fa fiesta in vetta

Sabato sera, Thierry è riuscito a portarsi in testa alla gara. Ha concluso la penultima PS con un vantaggio di 21”5 sul compagno di squadra Dani Sordo. Tanak si trova a soli 3”1 più indietro, dopo aver superato la i20 di Sebastien Loeb di 0”6 nella prova finale della giornata.

Neuville, però, continua a sperare che i compagni di squadra possano respingere l’attacco di Tanak che potrebbe chiudere la partita per il Mondiale Rally 2019 già qui in Spagna. Il belga ha aggiunto un altro miglior tempo nella prova finale per mettersi sulla cuspide della vittoria. Ciò potrebbe rivelarsi invano se Tanak batte Sordo e Loeb, perché potrebbe assicurarsi la corona iridata con punti bonus nella Wolf Power Stage di domenica.

“Finora ho dato il massimo e i miei compagni di squadra stanno davvero cercando di resistere, ma ovviamente Tanak è stato veloce. Proveremo a finire il lavoro che abbiamo iniziato ieri mattina e vediamo se Tanak può rivendicare il secondo posto o se rimane al terzo”, ha detto Neuville.

Tanak ha iniziato cauto ma chiude minacciosamente dietro al trio Hyundai e fissa già il suo secondo posto di domenica. “Questa mattina non mi sentivo rilassato, ma poi sono stato in grado di prendere il ritmo. Vorremmo mantenere la pressione”, ha detto Tanak.

Il primo e il secondo posto per Hyundai Motorsport al traguardo di Salou di domenica migliorerebbero il vantaggio del campionato Costruttori della squadra coreana sulla Toyota Gazoo Racing.

Jari-Matti Latvala era quinto, ma è si è rivelato un ingranaggio vitale nella caccia di Toyota al titolo, dopo che il compagno di squadra Kris Meeke si è schiantato sabato mattina. Il finlandese ha sofferto il sottosterzo, ma è rimasto a 22”4 da Elfyn Evans, che ha lottato contro la sua Ford Fiesta.

Teemu Suninen era settimo, a quasi 3’ di distanza dalla Citroen C3 WRC di Sebastien Ogier. Il leader della WRC 2 Pro Mads Ostberg e la punta di diamante della WRC 2 Eric Camilli hanno completato la top 10. Esapekka Lappi non è ripartito dopo i problemi al motore della sua C3 che lo hanno costretto a ritirarsi. Il giapponese Takamoto Katsuta è “scomparso” nelle retrovie con problemi al cambio.

Thierry Neuville impegnato al Rally di Spagna
Thierry Neuville impegnato al Rally di Spagna

Classifica dopo PS15

1.11 T. NEUVILLE2:46:32.5
2.6 D. SORDO2:46:50.0 +17.5 +17.5
3.8 O. TÄNAK2:46:54.5 +4.5 +22.0
4.19 S. LOEB2:47:14.2 +19.7 +41.7
5.10 J. LATVALA2:47:24.3 +10.1 +51.8
6.33 E. EVANS2:47:45.6 +21.3 +1:13.1
7.3 T. SUNINEN2:48:00.7 +15.1 +1:28.2
8.1 S. OGIER2:50:48.1 +2:47.4 +4:15.6
9.23 M. OSTBERG2:54:02.9 +3:14.8 +7:30.4
10.56 E. CAMILLI2:54:09.2 +6.3 +7:36.7
11.24 J. KOPECKY2:54:51.1 +41.9 +8:18.6
12.21 K. ROVANPERÄ2:55:12.1 +21.0 +8:39.6
13.43 K. KAJETANOWICZ2:55:39.7 +27.6 +9:07.2
14.53 E. LINDHOLM2:55:50.7 +11.0 +9:18.2
15.41 P. LOUBET2:57:05.2 +1:14.5 +10:32.7
16.22 G. GREENSMITH2:57:09.5 +4.3 +10:37.0
17.47 O. VEIBY2:57:26.9 +17.4 +10:54.4
18.58 J. SUAREZ2:57:50.7 +23.8 +11:18.2
19.46 F. ANDOLFI2:57:58.6 +7.9 +11:26.1
20.59 J. SOLANS3:00:05.9 +2:07.3

Day 3 all’insegna del tutti contro Tanak

Dani Sordo, secondo durante la notte dietro il suo collega, ha iniziato bene. Lo spagnolo è alla disperata ricerca di tenere a bada l’estone per mantenere vive le speranze di Neuville e per migliorare il vantaggio di Hyundai sul team Toyota nel campionato Costruttori.

Sordo ha esteso il vantaggio di 0”4 secondi dopo essere arrivato secondo più veloce a Riudecanyes con la i20 World Rally Car. Ha aggiunto un altro secondo vincendo la PS La Mussara per chiudere con un margine di 4”5 sulla Yaris di Tanak.

“Non è molto, ma è meglio di niente”, ha detto Sordo. “Ho provato a spingere, ma Ott vuole prendere il secondo posto. Ho perso un po’ di tempo in alcuni posti sporchi ed è molto veloce. Non è un grande divario ma siamo ancora qui”.

Ott Tanak, che oggi vuole assicurarsi il suo titolo, stava cercando di trovare un equilibrio tra passo definitivo e non correre rischi. “Dobbiamo finire il rally. Siamo su nuove note, quindi non c’è tanta fiducia”, ha detto.

Neuville vince Riudecanyes ma è solo sesto a La Mussara, e torna con un vantaggio di 17”5 su Sordo. “Ho cercato di essere molto efficiente, ma a un certo punto ho avuto così tante correzioni delle note sull’andatura che mi sono leggermente confuso e ho dovuto trovare la concentrazione e calmarmi. Anch’io stavo lottando con i freni, quindi non ho preso alcun rischio”, ha spiegato il belga.

Se le posizioni complessive rimangono così come sono, Neuville deve segnare due punti in più rispetto a Tanak nella Wolf Power Stage di chiusura per portare la lotta al round finale in Australia il mese prossimo. Sébastien Loeb esce dalla battaglia sul podio e passa al quarto posto.

Dopo essere arrivato a soli 0”6 dietro Tanak, il nove volte campione del mondo rally ha lottato con le strade asfaltate e scivolose da cui è uscito solo nono in entrambe le prove, andando alla deriva nell’assoluta, a 19”7. Jari-Matti Latvala ha mantenuto il quinto posto e ha dimezzato il suo gap da Loeb, portandolo a 10”1. Elfyn Evans ha completato i primi sei.

La PS16 vede vincere Sordo su Tanak e Neuville: il pilota estone è terzo assoluto a 5″8 da Sordo e a 21″ da Neuville. Come previsto, il tutto per tutto ce lo si gioca nella Power Stage. Infatti, sulla PS17, Tanak attacca e vince e supera Sordo piazzandosi secondo assoluto e facendo bottino pieno dei punti della Power Stage. Ott Tanak è passato da una quasi ex promessa in Ford a campione del mondo rally in Toyota. Un’altyra storia sta per erssere scritta.

Classifica WRC dopo PS17

1.11 T. NEUVILLE3:07:39.6
2.8 O. TÄNAK3:07:56.8 +17.2 +17.2
3.6 D. SORDO3:07:57.2 +0.4 +17.6
4.19 S. LOEB3:08:33.5 +36.3 +53.9
5.10 J. LATVALA3:08:39.8 +6.3 +1:00.2
6.33 E. EVANS3:08:53.8 +14.0 +1:14.2
7.3 T. SUNINEN3:09:27.2 +33.4 +1:47.6
8.1 S. OGIER3:12:00.1 +2:32.9 +4:20.5
9.23 M. OSTBERG3:16:04.2 +4:04.1 +8:24.6
10.56 E. CAMILLI3:16:26.8 +22.6 +8:47.2
11.24 J. KOPECKY3:16:58.9 +32.1 +9:19.3
12.21 K. ROVANPERÄ3:17:33.3 +34.4 +9:53.7
13.53 E. LINDHOLM3:18:07.5 +34.2 +10:27.9
14.43 K. KAJETANOWICZ3:18:23.3 +15.8 +10:43.7
15.22 G. GREENSMITH3:19:23.7 +1:00.4 +11:44.1
16.47 O. VEIBY3:19:37.1 +13.4 +11:57.5
17.41 P. LOUBET3:20:09.4 +32.3 +12:29.8
18.46 F. ANDOLFI3:20:20.1 +10.7 +12:40.5
19.58 J. SUAREZ3:20:21.5 +1.4 +12:41.9
20.54 G. DE MEVIUS3:22:50.2 +2:28.7 +15:10.6