Ogier, Spagna 2022

WRC, Spagna: Séb Ogier vede il successo, Toyota il titolo

Una spinta forte e l’aiuto di Kalle Rovanpera, che dice di non riuscire a spingere oltre, ha portato Sébastien Ogier in testa al Rally di Spagna. La sua squadra, Toyota Gazoo Racing, sabato ha messo una mano sulla corona del WRC Costruttori.

L’otto volte campione del Mondiale WRC è sulla buona strada per conquistare, anche con l’aiuto di Kalle Rovanpera che sembra non voler forzare più di tanto, la sua prima vittoria nell’era ibrida del FIA World Rally Championship alla sua quinta partenza con la GR Yaris Rally1. 

Ogier è apparso praticamente intoccabile e ha vinto quattro delle sette PS su asfalto sulle colline della Costa Daurada trasformando un sottile vantaggio di 4″8 secondi in un vantaggio di 20″7 su Thierry Neuville con una piccola frazione di giornata rimanente. 

Salvo problemi, la squadra Toyota Gazoo Racing è quasi garantita per sigillare anche il titolo del Campionato WRC Costruttori. “È stata una giornata molto bella per noi”, ha detto Ogier. “Ci siamo divertiti davvero tanto in macchina e i tempi arrivano. È quello che sogni quando corri un rally. 

“Sinceramente, finora sono stato contento per la mia stagione, ma ovviamente sarebbe bello conquistare una vittoria. Ora siamo in una posizione ottimale, ma c’è ancora molta strada da fare”.

Neuville è passato al secondo posto, strappando la posizione al campione del 2022 Kalle Rovanperä, che ha perso tempo quando ha selezionato la mappatura sbagliata del motore sulla linea di partenza di El Montmell. Alla fine del gioco solo 1″4 separavano la coppia.

È stata una giornata generalmente frustrante per Neuville, che ha lottato per ottimizzare l’assetto della sua i20 N. Nonostante le continue modifiche alla vettura, non è riuscito a trovare il perfetto equilibrio tra sottosterzo e liberazione del retrotreno.

Il suo compagno di squadra e rivale, Ott Tänak ha chiuso con 15,9 secondi di ritardo. La giornata di Tänak è stata relativamente priva di problemi dopo le accuse volate durante la prima tappa, e anche quella di Dani Sordo, lontano però 36,6 secondi.

Il sabato di Sordo è stato particolare. La mattinata è stata piena di rabbia poiché ha ripetutamente perso tempo rispetto agli equipaggi in testa. Le modifiche all’assetto a metà giornata hanno aiutato lo spagnolo, che nel tardo pomeriggio ha anche ottenuto una vittoria di tappa.

Elfyn Evans è rimasto sesto, con una prestazione poco brillante, a 14,4 secondi da Sordo. La sua Toyota ha funzionato senza problemi ma, come Sordo, al 33enne mancava qualcosa e non riusciva a capire cosa fosse. 

La gestione degli pneumatici è stata un problema per Craig Breen, che ha tenuto il settimo posto assoluto. L’irlandese non è riuscito a quadrare con l’assetto della vettura che ha portato più volte al surriscaldamento delle gomme anteriori. È rimasto indietro di 1 minuto e 39,7 secondi dal comando, e si è allontanato da Takamoto Katsuta. 

Adrien Fourmaux e Pierre-Louis Loubet hanno completato la classifica delle Rally1. Quest’ultimo ha fatto capolino nella top 10 a spese del compagno di squadra Gus Greensmith, ritiratosi quando si è scontrato con un muretto in una curva a destra nella PS finale del giro mattutino.

Thierry Neuville, Spagna 2022
Thierry Neuville, Spagna 2022

Sfida Ogier-Rovanpera da subito

L’otto volte campione del mondo, che aveva concluso la prima tappa di venerdì a soli 4,8 secondi dal compagno di squadra e neo campione del mondo Kalle Rovanperä, ha esteso il proprio vantaggio nella mattinata di sabato con una guida magistrale su strade scorrevoli e veloci disegnate sulle colline della Costa Daurada.

Sempre nella prima metà della seconda tappa, Thierry Neuville ha vinto la prova d’apertura a Savallà prima che Ogier tornasse alla carica e vincesse la PS successiva.

Il francese, soprattutto, ha guadagnato tempo sul compagno Rovanperä in entrambe le speciali e, in seguito alla cancellazione di El Montmell quando Gus Greensmith si è schiantato contro un muretto, è tornato al parco assistenza servizio con 9,7 secondi di vantaggio.

Il campione del mondo Rovanperä era riluttante a spingere di più per paura di forzare il ritmo già ottimo. Anche Ogier era a proprio agio godendo condizioni asciutte e una strada pulita. “È fantastico,” sorride. “Finora la macchina funziona bene e mi sto divertendo. Non sono ancora al massimo assoluto ma dobbiamo andare avanti così”.

È stata una mattinata positiva per Neuville. Anche lui ha superato Rovanperä in entrambe le prove e si era portato a meno di 4,5 secondi dal giovane finlandese già a metà giornata. Il belga non era però del tutto soddisfatto, sentendo di avere ancora margini di miglioramento con l’assetto della sua i20 N.

“Stiamo ancora lavorando un po’ sulla macchina”, ha spiegato Neuville. “Quando la strada si sporca comincio a perdere il feeling con la macchina e non ne conosco i limiti. Sento che ci saranno più prestazioni in arrivo se riusciremo a trovare le giuste regolazioni”.

Ott Tänak ha iniziato a perdere il contatto con il suo collega e avversario in Hyundai, ma è comunque rimasto quarto, anche se 13 secondi più indietro. Ha concluso il giro con 39,0 secondi di vantaggio su Dani Sordo, frustrato per il distacco abissale.

Sordo è salito sul podio nelle ultime cinque gare a cui ha partecipato, ma lo spagnolo non sembrava riuscire ad agganciare le cose sulle strade locali e ora ha solo 3 secondi in mano sul pilota Toyota, sesto posto, Elfyn Evans. “Non mi piacciono le scuse – ha esclamato alla fine della PS10 -. Non ci sono problemi con la macchina. Sto solo cercando di andare forte ma i tempi non sono buoni”.

Le posizioni di Craig Breen e Takamoto Katsuta sono rimaste invariate al settimo e ottavo posto assoluto, mentre i giovani della M-Sport Ford Puma Adrien Fourmaux e Pierre-Louis Loubet hanno completato la classifica. Loubet – a cui è stata inflitta una penalità di 10 secondi durante la notte per aver tagliato una chicane – è entrato nella top 10 a spese di Greensmith quando il britannico si è ritirato a seguito del botto.