In Spagna in 67 con occhi puntati sul WRC2 e WRC3

Archiviata la lotta al titolo iridato vinta da Rovanpera, la lotta sarà tutta incentrata sulla lotta per lo “scudetto” nel Costruttori e nelle categorie di supporto. Il WRC2 vivrà sulla sfida tra Lindholm, Kajto e Rossel.

Archiviata con tre gare di anticipo la lotta per il titolo iridato, vinto da Kalle Rovanpera e Jonne Haltunnen, gli occhi di addetti ai lavori e appassionati si concentreranno sulle lotte per i titoli ancora aperte, ovvero quelle per lo scudetto Costruttori con Toyota vicinissima alla vittoria e con le support-category ancora aperte ad ogni risultato.

Dodici le vetture Rally1 iscritte al rally, in casa Toyota confermata la formazione che abbiamo visto all’opera in Nuova Zelanda con il neo-campione del mondo Kalle Rovanpera che sarà affiancato da Sébastien Ogier, da Elfyn Evans e dal nipponico Takamoto Katsuta che correra con i colori del team Next Generation. In attesa di capire i programmi 2023, torna Dani Sordo che proverà a sfatare il tabù vittoria sulle strade di casa al volante della i20 rally1, assieme a lui con il team coreano ci saranno Ott Tanak e Thierry Neuville.

Cinque le vetture che invece schiererà M-Sport con il ritorno in gara del francese Adrien Fourmaux, che torna al volante della Puma Rally1 dopo i due stop forzati in Grecia e Nuova Zelanda. Assieme al pilota transalpino, il team britannico schiererà altre quattro vetture, affidandole a Craig Breen e Gus Greensmith chiamati a riscattare un Nuova Zelanda con più luci che ombre, al francese Pierre-Louis Loubet e al greco Jourdan Serderidis.

Nel WRC2 Open saranno trentatré gli iscritti con gli occhi di tutti puntati sulla sfida tra il finlandese Emil Lindholm e il polacco Kajetan Kajetanowicz, entrambi al volante di una Fabia Rally2 evo ed in piena corsa per il titolo. A rendere la vita difficile hai due pretendenti al titolo, un folto manipolo di avversari che sugli asfalti iberici proveranno a far saltare il banco, tra questi il francese Yoann Rossel (Citroen C3 Rally2), i locali Nil Solans e Pepe Lopez (Hyundai i20 Rally2) e Jan Solans (Citroen C3 Rally2), il finnico Teemu Suninen (Hyundai i20 Rally2) e il russo Nikolay Gryazin (Skoda Fabia Rally2).

Nel WRC3 Open gli iscritti saranno quattro, con Lauri Joona e Jan Černý chiamati a sfruttare l’assenza del leader del campionato Sami Pajari, impegnato in questa gara nel WRC2 Open. Per entrambi in caso di successo, le possibilità di portare a casa il titolo sono altissime. La matematica tiene in gioco anche l’ungherese Zoltan Laszlò, mentre il paraguaiano Diego Dominguez proverà a bissare il successo ottenuto in Grecia.

RS è nelle migliori edicole

Copertina ottobre 2022